Diritto Tributario

Dal 19.3.2000 la banca dati tributaria doc.

A cura dell'avv. Franco Ionadi e del dott. Spataro



Chi inizia oggi una professione o una impresa deve indicare la volonta' di acquistare beni e servizi in Europa

2011-02-04
abstract: Chi vuole vendere o acqusitare beni da paesi europei oggi non puo' farlo se non e' un operatore intracomunitario autorizzato, sia che abbia da tempo una partita iva che ne abbia una nuova.
Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate Prot. n. 2010/188376 del 29 dicembre 2010 - Segnalatoci dall'avv. Mario Sabatino

Segnalato da Spataro Ag. Entrate


S

Segnalato dall'avv. Mario Sabatino
 
----
 
Con un Comunicato stampa del 29/12/2010 l’Agenzia delle Entrate ha precisato quanto segue:
Al via il countdown per il debutto dell’operatore intracomunitario autorizzato –
 
Dunque, da oggi, chi inizia una professione, o un’attivita' di impresa, nel territorio dello Stato, deve indicare nel modello di inizio attivita' ai fini Iva la volonta' di porre in essere operazioni intracomunitarie.
 
I contribuenti gia' titolari di partita Iva, invece, possono scegliere alternativamente di svolgere le operazioni in questione, oppure, di rinunciarvi presentando un’apposita istanza ad un ufficio dell’Agenzia delle Entrate. Questi ultimi adempienti sono richiesti anche ai soggetti non residenti che devono, tuttavia, presentare le stesse istanze al Centro Operativo di Pescara.
Dati e profili degli operatori al test del monitoraggio - Entro 30 giorni dal ricevimento della dichiarazione di volonta' a porre in essere operazioni intracomunitarie, l’Agenzia delle Entrate verifichera' che i dati forniti siano completi ed esatti provvedendo, di seguito, ad effettuare una valutazione preliminare degli stessi dati e del rischio. In caso di esito negativo, entro lo stesso arco temporale l’ufficio finanziario competente per le attivita' di controllo ai fini Iva emana un provvedimento di diniego.

Infine, nei confronti dei soggetti inclusi nell’archivio informatico dei soggetti autorizzati sono effettuati controlli piu' approfonditi entro sei mesi dalla ricezione della dichiarazione di volonta'.
 
Operazioni intracomunitarie a misura di volonta' - Il dl. N. 78 del maggio 2010 ha infatti introdotto significative novita' relativamente ai dati da fornire con la dichiarazione di inizio attivita' ai fini IVA e alle successive variazioni e, in particolare, e' stato introdotto l’obbligo di dichiarazione di volonta' per i soggetti che intendono effettuare operazioni intracomunitarie, con l’obiettivo di regolare in sede di identificazione ai fini IVA, in linea con le sollecitazioni espresse dalla Commissione europea in materia di contrasto alle frodi, la facolta' di effettuare operazioni intracomunitarie attraverso un regime di autorizzazione
 
A cura degli uffici dell’Agenzia delle entrate.


Link: http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/portal/entrat

2011-02-04 Segnalato da Spataro Ag. Entrate









  Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. I testi proposti non sono formulari se non la' dove espressamente indicato. I puntini sostituiscono le parti del testo non visibili per verificarne in anticipo la lunghezza.< Riproduz. anche parziale riservata - @ IusOnDemand.com - condizioni d'uso della sezione - Elenco testi - condizioni generali - privacy policy - Cookie - Login -