Diritto sportivo Dal 22.1.2004 La Banca Dati Normativa e Giurisprudenziale dell'avv. Alberto Foggia
Home Store Percorsi Giurisprudenza Normativa Prassi G.U. Demo Iscrizioni
Store · Indice   
Newsletter · Contatti   

Accesso


Password persa ?

oppure




Ebook: sei contratti di sponsorizzazione sportiva avv. Foggia





"Avrei potuto vincere molto con altre squadre, ma sono orgoglioso di ciò che ho fatto con questa casacca. Altri trionfi con una maglia diversa non mi avrebbero dato le stesse emozioni che ho provato qui da capitano" - Francesco Totti

      

I campi da calcetto sono cancerogeni?

2006-05-05  NEW: Appunta - Stampa · modifica · cancella · pdf
      

Il chiarimento in proposito della Lega Nazionale Dilettanti

Il quotidiano "La Repubblica" il 20 aprile scorso riporta una allarmante notizia:

Trecentocinquanta campi di calcio potenzialmente cancerogeni. I terreni di gioco in erba sintetica finiti nel mirino del comando generale del Nas e della procura di Roma sono quelli a 11 del circuito nazionale della Lega Dilettanti. L'analisi sui materiali di cui è fatto il fondo - copertoni di pneumatici riciclati, gomme vergini - ha portato alla luce la presenza di sostanze cancerogene chiamate Ipa, idrocarburi policiclici aromatici. E ora il pericolo si allarga anche ad alcune centinaia di impianti amatoriali che dalla terra battuta sono passati all'erba artificiale con fondo in gomma.

A scoprire la tossicità dei campi è stato l'Istituto superiore di Sanità che pochi giorni fa ha spedito i risultati dei test di laboratorio alla procura di Roma. Su 15 campioni di erba artificiale raccolti dai militari del nucleo antisofisticazione e sanità in sei regioni d'Italia - Lazio, Campania, Toscana, Molise, Lombardia, Piemonte - dodici sono risultati contaminati da Ipa. Negli altri tre invece erano presenti toluene, un benzene, e lo zinco, metallo pesante altamente tossico, in quantità superiori al livello consentito.

L'inchiesta è scattata 3 mesi fa quando la Lega Nazionale Dilettanti ha sollevato la questione della possibile tossicità dei campi in erba sintetica al ministero della Salute. Così è stata creata una commissione interministeriale ad hoc composta da quindici esperti - tra cui tecnici dei ministeri dell'Ambiente e della Salute - che ha incaricato i carabinieri del Nas di eseguire i prelievi.

La Lega Nazionale Dilettanti ritenendo la notizia suindicata solo frutto di indiscrezioni giornalistiche, col comunicato stampa del 21 aprile - che segue - fa il punto della situazione:   

COMUNICATO STAMPA

LA LEGA NAZIONALE DILETTANTI FA CHIAREZZA SULL'ERBA ARTIFICIALE

Roma 21 Aprile 2006 - In merito ad alcune notizie diffuse in data 20 Aprile 2006 dal quotidiano "La Repubblica", relativamente ai campi in erba artificiale, la Lega Nazionale Dilettanti, in ragione del ruolo ricoperto, nonché delle circostanze attribuitele dalle succitate fonti giornalistiche, ritiene opportuno chiarire quanto segue.

Innanzitutto, la ricostruzione dei fatti, come riportati nell’articolo de quo, differisce dalla verità storica. Non tenere conto di ciò, infatti, può creare disorientamento e preoccupazione in ordine alle valutazioni espresse circa il potenziale pericolo cancerogeno di alcuni materiali utilizzati per la fabbricazione dei campi in erba artificiale.

In tal senso, si sottolinea che il lavoro svolto in questi anni dalla Lega Nazionale Dilettanti ha generato, come conseguenza, la dimostrazione di una oggettiva e incontestabile affidabilità, tanto sugli studi compiuti, quanto sulla qualità delle tecniche utilizzate.

Pertanto, a chiarimento della posizione di garanzia e di attendibilità che ha contraddistinto l’impegno della Lega Nazionale Dilettanti in questo delicato settore, appare necessario ricostruire gli eventi fin dalla loro origine, al fine di consentire l’acquisizione dei necessari elementi di giudizio per una analisi obiettiva di tutti i soggetti e le argomentazioni di diretto riferimento:

1. nel 2003, la Lega Nazionale Dilettanti affrontava la questione relativa al possibile inquinamento originato dallo zinco e, più in generale, dai metalli pesanti, presenti nei materiali da intaso utilizzati nella realizzazione dei campi in erba artificiale, insistendo sui rischi di danno ambientale, al limite della irreversibilità, dovuti all’accumulo di sostanze nocive non smaltibili. Al fine di definire tale importantissimo aspetto, in primis la nocività di tali materiali, la Lega Nazionale Dilettanti attese le conclusioni di una indagine conoscitiva commissionata a Labo Sport France e al Prof. Avv. Alessandro Lolli (professore associato di diritto amministrativo e diritto dell’ambiente presso l’Università di Bologna), incaricati di analizzare i fattori di rischio dell’impiego di granuli di gomma, risultanti dalla triturazione di pneumatici, quale materiale da intaso per la realizzazione di superfici in erba artificiale. Dal risultato di tale indagine, emerse con chiarezza la necessità di NON considerare il granulato derivante da pneumatici come materiale recuperabile senza rischio per l’ambiente (acquistabile come un qualsivoglia prodotto), in quanto esso rappresentava un potenziale pericolo per l’ambiente, senza tener conto, poi, della salute pubblica;

2. successivamente agli esiti della predetta indagine, in data 8 Giugno 2004 la Lega Nazionale Dilettanti scriveva al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, trasmettendo il parere emesso dal Prof. Avv. Alessandro Lolli e richiedendo di NON iscrivere quel tipo di granulato tra i materiali recuperati senza rischio per l’ambiente, poiché potenzialmente pericoloso. Ancorché sollecitato al Ministero un diretto riscontro nella medesima data dell’8 Giugno 2004, la Lega Nazionale Dilettanti non ha ottenuto alcuna risposta. A ciò ha fatto seguito una seconda nota, con la istanza urgente di un incontro per trattare la questione. Va segnalata, in tal senso, la circostanza di una riunione avvenuta tra rappresentanti, professionisti e tecnici della Lega Nazionale Dilettanti presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, nel corso della quale la Lega rappresentò a tutto tondo la problematica oggi in discussione, ricevendo esclusivamente risposte interlocutorie e rinvii a ulteriori appuntamenti mai celebrati.

3. a fronte del silenzio del Ministero, la Lega Nazionale Dilettanti ha proseguito negli studi e verifiche, affidati a Labo Sport France, all’Università di Pavia e al Parco Scientifico di Tortona, allo specifico scopo di approfondire gli aspetti più importanti e delicati connessi agli effetti sull’ambiente e sulle persone, derivanti dall’utilizzo di tali sostanze. Detti studi hanno espresso con chiarezza diverse condizioni di  preoccupazione, facendo elevare il livello d’allarme. A seguito di queste risultanze scientifiche, la Lega Nazionale Dilettanti chiese ed ottenne da parte della F.I.G.C. l’istituzione di una Commissione Federale, che annoverasse i rappresentanti del Ministero della Salute, nonché del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. A fronte di ciò, si è visto come atto concreto la nascita, nel 2005, di una commissione interministeriale voluta dal Ministero della Salute, alla quale – per il tramite dell’Istituto Superiore di Sanità - fu affidato il compito di realizzare uno studio di fattibilità per stabilire l’effettiva tossicità dei materiali da intaso rivenienti da prodotti riciclati, quindi – come tali – "non vergini". Citiamo, a titolo esemplificativo, SBR o EPDM, recuperati rispettivamente da copertoni e da guarnizioni per edilizia e attualmente approvati dalla F.I.F.A. per gli intasi di campi in erba artificiale della categoria "Star 2". A tutt’oggi, si ignora se gli studi da parte della suddetta Commissione Interministeriale siano stati completati, non essendo pervenuta alla Lega Nazionale Dilettanti alcuna comunicazione in merito;

4. nel frattempo, la Lega Nazionale Dilettanti, alla luce delle risultanze degli studi tecnico-scientifici di cui al punto precedente, ha indirizzato la propria linea operativa su cicli produttivi basati esclusivamente sull’utilizzo di materiali eco-compatibili, tenuto conto delle problematiche generate da alcuni prodotti riciclati, non in grado di contribuire alla salvaguardia ambientale. Tali materiali eco-compatibili sono stati individuati in elastomeri - termoplastici vergini, uniche categorie, per quanto di nostra diretta conoscenza, in grado di rispondere ai requisiti di ecocompatibilità della pavimentazione, nonché alle problematiche bio-meccaniche degli atleti che utilizzano gli impianti in erba artificiale. Da qui è nata la volontà della Lega Nazionale Dilettanti di accreditare solo prodotti "vergini" o "riciclati": i primi progettati e fabbricati per essere utilizzati da intaso e, di conseguenza, atossici; gli altri da utilizzarsi come estratto di gomme di pneumatico riciclate, a patto che venissero preventivamente "nobilitati", cioè "puliti" dai residui tossici e, comunque, avvolti in una capsula che evitasse l’eventuale dispersione sul terreno di residui tossici. Si tenga conto, in tal senso, di due aspetti peculiari:

a) attraverso l’evoluzione di questi studi, è stato possibile per la Lega Nazionale Dilettanti addivenire alla stesura di un nuovo Regolamento per i campi in erba artificiale, entrato in vigore nel Febbraio 2006 con norme sempre più restrittive in fatto di eco-compatibilità e di materiali da intaso. Tale Regolamento ha ottenuto l’apprezzamento della F.I.F.A., che ha plaudito la Lega Nazionale Dilettanti per il lavoro svolto;

b) l’attuale impostazione ed anche per i nuovi sottofondi consente, addirittura, il mantenimento dei costi di originari.

Attraverso la presente nota, la Lega Nazionale Dilettanti ha cercato di fare il punto della situazione e di chiarire l’evoluzione storica dell’intera questione, consapevole di aver sempre posto in essere tutte le verifiche necessarie per assumere le decisioni più corrette, trasparenti ed opportune, a salvaguardia e tutela di beni primari quali l’ambiente e la salute degli sportivi praticanti e di avere, nel contempo, segnalato alle Istituzioni competenti le determinazioni scientifiche rilevate dagli studi effettuati. Risulta, pertanto, evidente come non esista, allo stato, alcun atto fornito alla Lega Nazionale Dilettanti in ordine alle risultanze degli studi condotti da parte dell’Istituto Superiore di Sanità. Si ritiene, di conseguenza, che gli approfondimenti riportati dagli organi di informazione rappresentino il frutto di indiscrezioni giornalistiche.

LEGA NAZIONALE DILETTANTI

IL PRESIDENTE

Carlo Tavecchio

 

2006-05-05 - Fonte: Repubblica/Lega Naz. Dilett.

Newsletter
Ricevi gli aggiornamenti su I campi da calcetto sono cancerogeni? e gli altri post del sito:

Email: (gratis Info privacy)

  











 Agenti di calciatori
 Anno Europeo dello sport
 Atleti professionisti
 Atleti dilettanti
 Arbitri

 Bosman
 Cartellino sportivo
 Coni
 Credito sportivo

 Diritti tv
 Doping
 Fallimento
 Federazioni
 Fisco

 Giochi e scommesse
 Giustizia sportiva
 Giurisdizione
 Impianti sportivi
 Lavoro sportivo

 Leghe
 Marchi e brevetti
 Previdenza e assistenza
 Quotazioni in borsa
 Resp. sportiva e ord.

 Soc. e Ass. professionistiche
 Soc. e Assoc. dilettantistiche
 Sponsorizzazioni
 Vincolo sportivo
 Violenza
 

Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze) non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. I testi proposti non sono formulari se non la' dove espressamente indicato. I puntini sostituiscono le parti del testo non visibili per verificarne in anticipo la lunghezza. Riproduz. anche parziale riservata - @ IusOnDemand.com - condizioni d'uso della sezione - condizioni generali - Elenco testi - privacy policy - Cookie - Login