Diritto sportivo Dal 22.1.2004 La Banca Dati Normativa e Giurisprudenziale dell'avv. Alberto Foggia
Home Store Percorsi Giurisprudenza Normativa Prassi G.U. Demo Iscrizioni
Store · Indice   
Newsletter · Contatti   

Accesso


Password persa ?

oppure




Ebook: sei contratti di sponsorizzazione sportiva avv. Foggia





"Sono pronta a sfidare i limiti. La storia li pone, gli uomini devono superarsi per generare altri ostacoli che puntualmente verranno abbattuti. E' lo sport, come la vita". - Valentina Vezzali

      

Il parere della Corte Federale sui ciriteri per i ripescaggi

2005-07-20  NEW: Appunta - Stampa · modifica · cancella · pdf
      

In relazione al comunicato uff. n. 224/A del 13 giugno 2005

&

 1) "Che siano escluse dal ripescaggio nei Campionati di Serie C le società che siano state comunque ripescate in una delle ultime cinque stagioni sportive";

2) "Che l'esclusione dal ripescaggio di società ripescate in una delle ultime cinque stagioni sportive non si applichi ai Campionati di Serie A e B".

                                                      ==°==

COMUNICATO UFFICIALE N. 224/A

Il Consiglio Federale

attesa la necessità di stabilire i criteri e le procedure per la sostituzione delle eventuali società

che non venissero ammesse ai Campionati professionistici 2005/2006;

tenuto conto dei criteri approvati dalla Lega Professionisti di Serie C in data 25.05.2005 e di

quelli pubblicati dal Comitato Interregionale – L.N.D. sul C.U. n. 86 del 29.12.2004, ai fini della

predisposizione delle graduatorie delle società da ammettere in Serie C1 ed in Serie C2, in

sostituzione delle società non ammesse a tali campionati;

visto l’art. 24 dello Statuto Federale

d e l i b e r a

di fissare i criteri e le procedure di cui all’allegato A) per la sostituzione delle società non ammesse

ai Campionati professionistici 2005-2006.

PUBBLICATO IN ROMA IL 13 GIUGNO 2005

IL SEGRETARIO

Francesco Ghirelli

IL PRESIDENTE

Dott. Franco Carraro




Allegato A)

Sostituzione delle società non ammesse ai campionati professionistici 2005/2006

La sostituzione delle società non ammesse ai Campionati professionistici 2005/2006, fatta salva

l’applicazione delle disposizioni di cui all’art. 52, commi 6 e 7, delle NOIF, avviene secondo i

criteri di seguito trascritti.

Campionati di Serie A e B

In caso di non ammissione di una o più società ai Campionati di Serie A e B, e al fine di completare

gli organici relativi come previsti per la stagione sportiva 2005/2006, il Consiglio Federale –

ovvero, su sua delega, il Presidente Federale, d’intesa con i Vice Presidenti e con i Presidenti della

L.N.P., L.P.S.C, L.N.D., A.I.A.C. e A.I.C. – procede, una volta assunte le decisioni in ordine alla

ammissione, alla sostituzione delle società non ammesse ai Campionati di competenza con società

in possesso dei requisiti di ammissibilità secondo le seguenti previsioni:

A) in caso di non ammissione al Campionato di Serie A 2005/2006 di Società che hanno

partecipato a tale Campionato nella stagione sportiva 2004/2005, il Consiglio Federale - ovvero,

su sua delega, il Presidente Federale, d’intesa con i Vice Presidenti e con i Presidenti della

L.N.P., L.P.S.C, L.N.D., A.I.A.C. e A.I.C. - sentite la CO.VI.SO.C. e la Lega Nazionale

Professionisti, ammette al Campionato di Serie A 2005/2006, seguendo l’ordine di classifica

finale, le società classificate al 18° - 19° - 20° posto del Campionato di Serie A 2004/2005.

In caso di ulteriore carenza di organico, il Consiglio Federale ovvero, su sua delega, il Presidente

Federale, d’intesa con i Vice Presidenti e con i Presidenti della L.N.P., L.P.S.C, L.N.D., A.I.A.C. e

A.I.C. – sentite la CO.VI.SO.C. e la Lega Nazionale Professionisti ammette al Campionato di Serie

A 2005/2006 nell’ordine:

1) le società di Serie B, seguendo l’ordine di classifica definito a seguito dello svolgimento dei

Play-Off con l’assegnazione del 4° posto alla società perdente la gara di finale dei Play-Off

per la promozione al Campionato di Serie A e del 5° e 6° posto alle società perdenti le gare

di semifinale Play-Off tenendo conto, per quest’ultime, dell’ordine di classifica finale del

campionato. Nel caso di ulteriore vacanza di organico saranno ammesse le altre società di

Serie B in successione di classifica tenendo conto dei criteri fissati dall’art. 51, commi 4 e 5

delle N.O.I.F. esclusi in ogni caso la disputa di spareggi e quindi nell’ordine: punti conseguiti

negli incontri diretti, differenza reti negli incontri diretti, differenza reti nell’intero

campionato, maggior numero di reti segnate nell’intero campionato, sorteggio;




B) in caso di non ammissione al Campionato di Serie A 2005/2006 di società promosse dal

Campionato di Serie B, il Consiglio Federale - ovvero, su sua delega, il Presidente Federale,

d’intesa con i Vice Presidenti e con i Presidenti della L.N.P., L.P.S.C, L.N.D., A.I.A.C. e A.I.C.,

- sentite la CO.VI.SO.C. e la Lega Nazionale Professionisti, ammette al Campionato di Serie A

2005/2006, nell’ordine:

1) le società di Serie B, seguendo l’ordine di classifica definito a seguito dello svolgimento dei

Play-Off con l’assegnazione del 4° posto alla società perdente la gara di finale dei Play-Off

per la promozione al Campionato di Serie A e del 5° e 6° posto alle società perdenti le gare

di semifinale Play-Off tenendo conto, per quest’ultime, dell’ordine di classifica finale del

campionato. Nel caso di ulteriore vacanza di organico saranno ammesse le altre società di

Serie B in successione di classifica tenendo conto dei criteri fissati dall’art. 51, commi 4 e 5

delle N.O.I.F. esclusi in ogni caso la disputa di spareggi e quindi nell’ordine: punti conseguiti

negli incontri diretti, differenza reti negli incontri diretti, differenza reti nell’intero

campionato, maggior numero di reti segnate nell’intero campionato, sorteggio;

C) in caso di non ammissione al Campionato di Serie B 2005/2006 di società che hanno partecipato

a tale campionato nella stagione 2004/2005 o che sono retrocesse dalla Serie A, il Consiglio

Federale - ovvero, su sua delega, il Presidente Federale, d’intesa con i Vice Presidenti e con i

Presidenti della L.N.P., L.P.S.C, L.N.D., A.I.A.C. e A.I.C., - sentite la CO.VI.SO.C. e la Lega

Nazionale Professionisti, ammette al campionato di Serie B 2005/2006 nell’ordine:

1) le società retrocesse al Campionato di Serie C1, seguendo l’ordine di classifica definito in

base ai criteri stabiliti dal C.U. n. 97/A del 7.09.2004;

2) le società di Serie C1, seguendo l’ordine di classifica del Campionato 2004/2005, definita a

seguito dello svolgimento dei play-off, con assegnazione del 3° posto alle società perdenti le

gare di finale di play-off per la promozione al Campionato di Serie B e del 4° e 5° posto alle

società perdenti le gare di cui all’art. 49, comma 1 lettera b) (Lega Professionisti Serie C)

numero 2) lett. a) e b) delle N.O.I.F., tenendo conto dell’ordine di classifica finale del

campionato. In caso di posti disponibili per il ripescaggio in Serie B in numero dispari, vista

la diversa composizione numerica dei gironi di Serie C1 nella stagione 2004/2005, la scelta

della società tra quelle classificatesi al medesimo posto nei due gironi viene effettuata

tenendo conto:

del miglior coefficiente determinato dal rapporto tra i punti conseguiti in classifica nel

proprio girone ed il numero di gare disputate nel girone stesso; ed in caso di parità di

coefficiente,


del miglior coefficiente determinato dalla differenza tra reti fatte e subite diviso il numero

delle gare disputate nel girone stesso ed in caso di ulteriore parità di coefficiente, la Lega

Professionisti Serie C provvederà al sorteggio.

3) le altre società di Serie C1 in successione di classifica, utilizzando i criteri previsti dall’art.

49, comma 1 lett. b) (Lega Professionisti Serie C) delle N.O.I.F. per la formazione delle

classifiche finali di girone ed i criteri di cui al punto precedente nel caso di posti disponibili

in numero dispari.

D) In caso di non ammissione al Campionato di Serie B 2005/2006 di società promosse dal

campionato di serie C1 2004/2005, il Consiglio Federale - ovvero, su sua delega, il Presidente

Federale, d’intesa con i Vice Presidenti e con i Presidenti della L.N.P., L.P.S.C, L.N.D., A.I.A.C.

e A.I.C., - sentite la CO.VI.SO.C. e la Lega Nazionale Professionisti, ammette al Campionato di

Serie B 2005/2006 nell’ordine:

1) le società di Serie C1, seguendo l’ordine di classifica del Campionato 2004/2005, definita a

seguito dello svolgimento dei play-off, con assegnazione del 3° posto alle società perdenti le

gare di finale di play-off per la promozione al Campionato di Serie B e del 4° e 5° posto alle

società perdenti le gare di cui all’art. 49, comma 1 lettera b) (Lega Professionisti Serie C)

numero 2) lett. a) e b) delle N.O.I.F., tenendo conto dell’ordine di classifica finale del

campionato. In caso di posti disponibili per il ripescaggio in Serie B in numero dispari, vista

la diversa composizione numerica dei gironi di Serie C1 nella stagione 2004/2005, la scelta

della società tra quelle classificatesi al medesimo posto nei due gironi viene effettuata

tenendo conto:

del miglior coefficiente determinato dal rapporto tra i punti conseguiti in classifica nel

proprio girone ed il numero di gare disputate nel girone stesso; ed in caso di parità di

coefficiente,

del miglior coefficiente determinato dalla differenza tra reti fatte e subite diviso il numero

delle gare disputate nel girone stesso ed in caso di ulteriore parità di coefficiente, la Lega

Professionisti Serie C provvederà al sorteggio.

2) le altre società di Serie C1 in successione di classifica, utilizzando i criteri previsti dall’art.

49, comma 1 lett. b) (Lega Professionisti Serie C) delle N.O.I.F. per la formazione delle

classifiche finali di girone ed i criteri di cui al punto precedente nel caso di posti disponibili

in numero dispari.


Campionato di Serie C-1

a

Divisione (C1) 2005/2006

In sostituzione delle società non ammesse al Campionato di Serie C-1

a

Divisione (C1) 2005/2006,

tenuto conto delle disposizioni di cui al C.U. 148/A del 20.12.2004, ad integrazione dell’organico

dei Campionati di Serie C1 fino a 36 squadre (18 per girone), escludendo, in ogni caso, le società

ripescate in una delle ultime 5 stagioni sportive, il Consiglio Federale - ovvero su sua delega, il

Presidente Federale, d’intesa con i Vice Presidenti e con i Presidenti della L.N.P., L.P.S.C, L.N.D.,

A.I.A.C. e A.I.C., - sentite la CO.VI.SO.C. e la Lega Professionisti Serie C, tenuto conto dei criteri

di ripescaggio emanati dalla medesima Lega, ammette nell’ordine:

1) le società retrocesse al Campionato di Serie C2;

2) le società di Serie C2, partecipanti ai play-off 2004/2005.

3) le altre società di Serie C2.

Le società di cui ai precedenti punti 1), 2) e 3), che abbiano interesse a candidarsi per la suddetta

selezione, dovranno avere i requisiti di ammissibilità e dovranno presentare apposita domanda alla

Lega Professionisti Serie C e alla F.I.G.C. in copia entro il termine perentorio del 7 luglio 2005 ore

19,00.

Campionato di Serie C-2

a

Divisione (C2) 2005/2006

In sostituzione di società non ammesse al Campionato di Serie C2 Divisione (C2) 2005/2006,

tenuto conto delle disposizioni di cui al C.U. 148/A del 20.12.2004, ad integrazione dell’organico

dei Campionati di Serie C2 fino a 54 squadre (18 per girone), escludendo, in ogni caso, le società

ripescate in una delle ultime 5 stagioni sportive, il Consiglio Federale - ovvero su sua delega, il

Presidente Federale, d’intesa con i Vice Presidenti e con i Presidenti della L.N.P., L.P.S.C, L.N.D.,

A.I.A.C. e A.I.C., - sentite la CO.VI.SO.C. e la Lega Professionisti Serie C, ammette, tenuto conto

dei criteri di ripescaggio emanati dalla L.P.S.C. e dal Comitato Interregionale - L.N.D., le società

nel seguente ordine alternato:

1) una società del Comitato Interregionale e una retrocessa dalla Serie C2.

Le società di cui al punto precedente, che abbiano interesse a candidarsi per la predetta selezione,

dovranno avere i requisiti di ammissibilità e dovranno presentare, entro il termine perentorio del 7




luglio 2005, ore 19,00, apposita domanda, alla Lega Professionisti Serie C e alla F.I.G.C. in copia,

corredata:

a) per quanto attiene alle società appartenenti al Settore professionistico, da tutta la

documentazione prevista dal C.U. n. 189/A del 15 marzo 2005, ai fini dell’ammissione al

Campionato di Serie C2;

b) per quanto attiene alle società appartenenti al Settore dilettantistico, da tutta la documentazione

prevista dal paragrafo III del C.U. n. 189/A del 15 marzo 2005.

Per le Società non aventi diritto appartenenti al settore dilettantistico, è fatto obbligo di rispettare

inderogabilmente il termine perentorio del 7 luglio 2005, ore 19,00 in ordine alla presentazione

della domanda di ammissione al Campionato di Serie C2. La Lega Professionisti Serie C

provvederà di conseguenza, a trasmettere al Comitato Interregionale l’elenco delle Società che

avranno presentato nel suddetto termine la documentazione di iscrizione, depennando dall’elenco

tutte le Società che non avranno rispettato il termine perentorio del 7 luglio 2005 ore 19,00 per il

completamento e il deposito della relativa domanda di iscrizione con gli adempimenti richiesti. Il

Comitato Interregionale, per il tramite della L.N.D., provvederà a trasmettere alla Lega

Professionisti Serie C, l’elenco delle Società che avranno presentato nel suddetto termine la

documentazione di iscrizione.

Tutti i provvedimenti adottati in applicazione dei criteri selettivi stabiliti nel presente allegato sono

preordinati al solo fine di ovviare ad eventuali carenze di organico e, in considerazione del carattere

straordinario dell’ammissione al campionato disposta in deroga al possesso del prescritto titolo

sportivo, non danno luogo all’insorgenza di posizioni tutelabili in capo alle società aspiranti alle

sostituzioni.


2005-07-20 - Fonte: Figc

Newsletter
Ricevi gli aggiornamenti su Il parere della Corte Federale sui ciriteri per i ripescaggi e gli altri post del sito:

Email: (gratis Info privacy)

  











 Agenti di calciatori
 Anno Europeo dello sport
 Atleti professionisti
 Atleti dilettanti
 Arbitri

 Bosman
 Cartellino sportivo
 Coni
 Credito sportivo

 Diritti tv
 Doping
 Fallimento
 Federazioni
 Fisco

 Giochi e scommesse
 Giustizia sportiva
 Giurisdizione
 Impianti sportivi
 Lavoro sportivo

 Leghe
 Marchi e brevetti
 Previdenza e assistenza
 Quotazioni in borsa
 Resp. sportiva e ord.

 Soc. e Ass. professionistiche
 Soc. e Assoc. dilettantistiche
 Sponsorizzazioni
 Vincolo sportivo
 Violenza
 

Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze) non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. I testi proposti non sono formulari se non la' dove espressamente indicato. I puntini sostituiscono le parti del testo non visibili per verificarne in anticipo la lunghezza. Riproduz. anche parziale riservata - @ IusOnDemand.com - condizioni d'uso della sezione - condizioni generali - Elenco testi - privacy policy - Cookie - Login