Diritto sportivo Dal 22.1.2004 La Banca Dati Normativa e Giurisprudenziale dell'avv. Alberto Foggia
Home Store Percorsi Giurisprudenza Normativa Prassi G.U. Demo Iscrizioni
Store · Indice   
Newsletter · Contatti   

Accesso


Password persa ?

oppure




Ebook: sei contratti di sponsorizzazione sportiva avv. Foggia





"Ci si può drogare di cose buone… E una di queste è certamente lo sport". - Alessandro Zanardi

      

La direzione giusta per risolvere i problemi del calcio, dei calciatori e dei tifosi

2004-03-31  NEW: Appunta - Stampa · modifica · cancella · pdf
      

Perche' oggi, perche' non domani.

A

A oggi si e' arrivati per tanti motivi. Parliamo chiaro: si tratta di soldi. Certo che il calcio non chiede soldi allo Stato, ma ne porta. Ma e' vero anche che con il calcio di soldi ne girano veramente tanti. Nulla di male. Se siete arrivati a questo punto starete gia' storcendo il naso: qualunquismo di argomentazioni in una rivista che si propone come giuridica ? In America il diritto e' senza remore legato all'impatto sull'economia, sui soldi. Parliamone qui, oggi, in Italia. E' il momento. Lo sport nasce dal desiderio di chi, lavorando sul proprio corpo e sulla propria mente, vuole essere migliore degli altri. Ogni altra considerazione vizia il gioco e la competizione. Certo: l'allenamento puo' dipendere dalla capacita' economica di spesa. Per questo regole sovranazionali impongono il pareggio di bilancio: i migliori amministratori non devono essere penalizzati da chi sa fare debiti, e non pagarli. Anche questo e' giocare. Le ultime proposte sono nella direzione di dettare regole diverse per chi ha una tradizione del calcio. Diciamolo chiaro: le squadre di Roma, Milano, Torino, le squadre piu' "importanti". Allora facciamo un campionato delle squadre importanti, ma non facciamole giocare in serie A. Facciamole giocare nella serie "importante", non con le altre di sola seria A. E' immaginabile pensare una campionato di F1 con regole diverse per i team di formula uno ? E' evidente che nella serie A ci saranno sempre squadre non in grado di competere con le squadre importanti. Mandiamole in B se falliscono: per un anno non danneggeranno le virtuose di A. E' un errore. Un solo anno e' un danno per le virtuose, non un risarcimento. Le squadre che falliscono devono ricominciare dall'inizio, come tutti. Anzi, magari nuovi imprenditori penseranno di fare crescere le proprie squadre. Ci sarebbe un ricambio. Di virtuosi in arrivo, abituati a rispettare le regole. Vogliamo continuare a fare regali a chi non rispetta le regole, anche economiche ? Bene. Ma non lamentiamoci se non possiamo portare i nostri figli a vedere una partita: non possono nemmeno imparare il valore della fatica nel lottare per essere vincitori, se il vincitore e' gia' scritto nelle regole del gioco. Ma non e' solo calcio. E' un problema di teste. Ce ne accorgeremo ?

2004-03-31 - Fonte: Spataro

Newsletter
Ricevi gli aggiornamenti su La direzione giusta per risolvere i problemi del calcio, dei calciatori e dei tifosi e gli altri post del sito:

Email: (gratis Info privacy)

  











 Agenti di calciatori
 Anno Europeo dello sport
 Atleti professionisti
 Atleti dilettanti
 Arbitri

 Bosman
 Cartellino sportivo
 Coni
 Credito sportivo

 Diritti tv
 Doping
 Fallimento
 Federazioni
 Fisco

 Giochi e scommesse
 Giustizia sportiva
 Giurisdizione
 Impianti sportivi
 Lavoro sportivo

 Leghe
 Marchi e brevetti
 Previdenza e assistenza
 Quotazioni in borsa
 Resp. sportiva e ord.

 Soc. e Ass. professionistiche
 Soc. e Assoc. dilettantistiche
 Sponsorizzazioni
 Vincolo sportivo
 Violenza
 

Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze) non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. I testi proposti non sono formulari se non la' dove espressamente indicato. I puntini sostituiscono le parti del testo non visibili per verificarne in anticipo la lunghezza. Riproduz. anche parziale riservata - @ IusOnDemand.com - condizioni d'uso della sezione - condizioni generali - Elenco testi - privacy policy - Cookie - Login