Diritto sportivo Dal 22.1.2004 La Banca Dati Normativa e Giurisprudenziale dell'avv. Alberto Foggia
Home Store Percorsi Giurisprudenza Normativa Prassi G.U. Demo Iscrizioni
Store · Indice   
Newsletter · Contatti   

Accesso


Password persa ?

oppure




Ebook: sei contratti di sponsorizzazione sportiva avv. Foggia





"Al lavoro si contrappone un altro tipo di sforzo che non nasce da un'imposizione, ma da un impulso veramente libero e generoso della potenza vitale: lo sport [...] Si tratta di uno sforzo lussuoso, che si dà a mani piene senza speranza di ricompensa, come il traboccare di un'intima energia. Perciò la qualità dello sforzo sportivo è sempre egregia, squisita". - Josè Ortega y Gasset

      

La natura dello Sport

2004-03-22  NEW: Appunta - Stampa · modifica · cancella · pdf
      

Lo sport e' la ritualizzazione dei combattimenti ...

P

Pensate ad uno sport che abbia come finalita' la morte fisica del concorrente.

Nell'antica Roma era cosi'. Da allora lo sport e' cambiato completamente, ma anche la cultura della gente.

Forse ai tempi di Roma tutto sommato non era molto diverso, anche pensando al Colosseo: c'erano delle regole da rispettare, durante la battaglia ritualizzata.

Ritualizzata: secondo alcune regole.

Il fallo in area e' rigore perche' viola gravemente una regola.

Ma le regole sono solo quelle della "singolar tenzone" ?

Certo che no: da sempre gli sportieranti, gli atleti, i giocatori, sono un esempio di moralita' per i conterranei.

Lo sportivo vittorioso e' un esempio di affermazione personale sugli altri nel rispetto delle regole.

Puo' questo essere ancora per il calcio italiano ? Le regole violate in campo sono sanzionate (e messe in discussione) da subito da tutti. Ma anche gli acquisti di calciatori, gli indebitamenti, giustamente fanno parte delle regole del gioco.

La squadra che compera tutti i palloni d'oro del mondo, li fa giocare e vince, ma non li puo' pagare, o non puo' pagare lo Stato, fa perdere tutto lo sport.

Poi possiamo anche far cambiare le regole alla politica: non sara' certo il primo caso.

Ma lo sport e' ritualizzazione di un combattimento. Se il rito diventa anarchia, le famiglie andranno via dagli stadi e ogni avvenimento potra' accadere.

Come ieri tra Roma e Lazio: una falsa notizia, o piu' d'una, mette d'accordo tutte le tifoserie che bloccano, d'accordo con i giocatori e tutti gli operatori, la partita.

Ordine pubblico, si dice.

Incivilta' giuridica. O semplicemente troppa furbizia nello stirare le regole, invece di giocare secondo le regole.

Vinca il migliore: succedera' ancora. Ma oggi i migliori devono tenere i denti stretti e sperare di sopravvivere al malessere dei piu' furbi.

2004-03-22 - Fonte: Spataro

Newsletter
Ricevi gli aggiornamenti su La natura dello Sport e gli altri post del sito:

Email: (gratis Info privacy)

  











 Agenti di calciatori
 Anno Europeo dello sport
 Atleti professionisti
 Atleti dilettanti
 Arbitri

 Bosman
 Cartellino sportivo
 Coni
 Credito sportivo

 Diritti tv
 Doping
 Fallimento
 Federazioni
 Fisco

 Giochi e scommesse
 Giustizia sportiva
 Giurisdizione
 Impianti sportivi
 Lavoro sportivo

 Leghe
 Marchi e brevetti
 Previdenza e assistenza
 Quotazioni in borsa
 Resp. sportiva e ord.

 Soc. e Ass. professionistiche
 Soc. e Assoc. dilettantistiche
 Sponsorizzazioni
 Vincolo sportivo
 Violenza
 

Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze) non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. I testi proposti non sono formulari se non la' dove espressamente indicato. I puntini sostituiscono le parti del testo non visibili per verificarne in anticipo la lunghezza. Riproduz. anche parziale riservata - @ IusOnDemand.com - condizioni d'uso della sezione - condizioni generali - Elenco testi - privacy policy - Cookie - Login