Diritto sportivo Dal 22.1.2004 La Banca Dati Normativa e Giurisprudenziale dell'avv. Alberto Foggia
Home Store Percorsi Giurisprudenza Normativa Prassi G.U. Demo Iscrizioni
Store · Indice   
Newsletter · Contatti   

Accesso


Password persa ?

oppure




Ebook: sei contratti di sponsorizzazione sportiva avv. Foggia





"L’errore peggiore è pensare che quello che conta più di tutto in una partita sia vincere. Niente affatto. Quello che conta è la gloria. È giocare con stile, con bellezza, è andare in campo e travolgere l’avversario, non aspettare che sia l’avversario a farsi avanti e così morire di noia.” - Danny Blanchflower

      

Il caso Catania spiegato dall'inizio: tutti fermi, palla al centro !

2003-06-23  NEW: Appunta - Stampa · modifica · cancella · pdf
      

Due parole in estrema sintesi per capire quello che sta succedendo e da dove e' iniziato tutto.

1) Qual e' il pomo della discordia?

Il giorno 12 aprile 2003 il Catania Calcio giocava contro il Siena. La partita finiva sull'1 a 1.

Il Catania, pero', si accorgeva che Martinelli del Siena aveva giocato pur squalificato per una giornata.

Piu' correttamente: Martinelli, squalificato per la  precedente giornata di campionato, non aveva giocato contro il Napoli ma aveva giocato (lo stesso giorno) contro la Ternana, nel campionato Primavera.

Il Catania ha sostenuto, quindi, la violazione dell'art. 17, comma 13, del Codice di giustizia sportiva per il quale: "La squalifica irrogata impedisce al tesserato di svolgere qualsiasi attività sportiva in ogni ambito federale per il periodo della squalifica, intendendosi per tale, nelle squalifiche per una o più giornate di gara, le giornate in cui disputa gare ufficiali la squadra nella quale  militava quando è avvenuta l'infrazione che ha determinato il  provvedimento". 

Quindi il Catania ha chiesto alle competenti autorità di Giustizia Sportiva il riconoscimento della vittoria  "a tavolino" per 2-0 sul Siena e la relativa attribuzione di tre punti in  classifica. Le autorita' di Giustizia Sportiva l'hanno negata (prima la Commissione Disciplinare e poi la Corte Federale – tra le due pronunce, quella favorevole della Caf –), e il Catania si e' rivolto (anche) alla giustizia ordinaria.

 

2) A che punto siamo processualmente?

- Sul fronte della giustizia ordinaria: dinanzi al Consiglio di Giustizia Amministrativa di Palermo è stata fissata per il 25 giugno l’udienza collegiale in contraddittorio tra le parti.

- Sul fronte del Coni: sulla base del parere già deliberato dalla Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport, intervenuta per delineare “ambiti e azioni in materia sportiva propri della Giunta Nazionale nell’esercizio del suo potere di vigilanza”, spetta ora al Coni prendere le opportune decisioni sulla legittimità o meno del provvedimento della Corte Federale.

3) Che cosa e' gia' stato deciso (ultime decisioni)?

Il Tar di Catania il 6 giugno scorso ha sospeso il provvedimento della Corte Federale (la quale aveva ribaltato la sentenza della Caf confermando il risultato di parità – 1-1 – ottenuto sul campo tra Catania e Siena) sostenendo che “le decisioni della Caf (che è giudice di ultima istanza) non sono ulteriormente sindacabili nemmeno dalla Corte Federale” e che quest’ultima ha, quindi, violato le ripartizioni delle competenze di cui agli artt. 31 e 32 Statuto Federale e 22 e 26 Codice di Giustizia Sportiva. Tale provvedimento è stato poi impugnato dalla Figc dinanzi al Consiglio di Stato ed al Consiglio di Giustizia Amministrativa di Palermo i quali, si sono già pronunciati dichiarando: (il primo) il ricorso inammissibile per “incompetenza funzionale”, e rigettato (il secondo) la richiesta della ricorrente di sospendere gli effetti della decisione adottata dal Tar di Catania, rimandando la decisione nel merito al prossimo 25 giugno.

4) Quali i ricorsi in ordine cronologico?

a)- Commissione Disciplinare;

b)- Caf (Commissione d’Appello Federale);

c)- Corte Federale;

d)- Tar (Tribunale Amministrativo Regionale) di Catania e Giunta Nazionale del Coni;

e)- Consiglio di Stato e Consiglio di Giustizia Amministrativa di Palermo.

5) Quali scenari?

Sia l’orientamento della giustizia ordinaria sia del Coni danno la sensazione che il Catania Calcio S.p.A. verrà ammesso a disputare nuovamente il campionato di B adottando una delle seguenti formule:

a)- Campionato a 21 squadre;

b)- Campionato a 22 squadre (con ripescaggio del Genoa);

c)- Campionato a 24 squadre (con ripescaggio di tutte le retrocesse);

d)- Campionato a 20 squadre (con spareggio tra Napoli e Venezia);

e)- Anticipo della Riforma del Campionato di B (prevista per la stagione 2005/2006): campionato diviso in due gironi da 16 squadre ciascuno.

 

 

 

2003-06-23 - Fonte: Alberto Foggia

Newsletter
Ricevi gli aggiornamenti su Il caso Catania spiegato dall'inizio: tutti fermi, palla al centro ! e gli altri post del sito:

Email: (gratis Info privacy)

  











 Agenti di calciatori
 Anno Europeo dello sport
 Atleti professionisti
 Atleti dilettanti
 Arbitri

 Bosman
 Cartellino sportivo
 Coni
 Credito sportivo

 Diritti tv
 Doping
 Fallimento
 Federazioni
 Fisco

 Giochi e scommesse
 Giustizia sportiva
 Giurisdizione
 Impianti sportivi
 Lavoro sportivo

 Leghe
 Marchi e brevetti
 Previdenza e assistenza
 Quotazioni in borsa
 Resp. sportiva e ord.

 Soc. e Ass. professionistiche
 Soc. e Assoc. dilettantistiche
 Sponsorizzazioni
 Vincolo sportivo
 Violenza
 

Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze) non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. I testi proposti non sono formulari se non la' dove espressamente indicato. I puntini sostituiscono le parti del testo non visibili per verificarne in anticipo la lunghezza. Riproduz. anche parziale riservata - @ IusOnDemand.com - condizioni d'uso della sezione - condizioni generali - Elenco testi - privacy policy - Cookie - Login