Diritto sportivo Dal 22.1.2004 La Banca Dati Normativa e Giurisprudenziale dell'avv. Alberto Foggia
Home Store Percorsi Giurisprudenza Normativa Prassi G.U. Demo Iscrizioni
Store · Indice   
Newsletter · Contatti   

Accesso


Password persa ?

oppure




Il nuovo codice di giustizia sportiva FIGC - luglio 2021 avv. Foggia





"Sei un atleta, non un seduttore. Non devi stare lì ad ammirati, ma a gareggiare. Devi avere fame di successi, di risultati, di gloria. Lo sport non è una sfilata, è provarci per davvero con tutto te stesso". - Sergej Bubka

      

Scommesse su eventi sportivi: conclusioni dell'avvocato generale Siegbert Alber relative alla causa C-243/01

2003-05-31  NEW: Appunta - Stampa · modifica · cancella · pdf
      

Un organizzatore di scommesse deve potere svolgere la sua attività anche in Italia anche qualora sia stabilito in un altro Stato membro e eserciti la sua attività in conformità alle normative ivi vigenti.


- CURIA -
Divisione Stampa e Informazione

COMUNICATO STAMPA n. 17/03

13 marzo 2003

Conclusioni dell'avvocato generale Siegbert Alber relative alla causa C-243/01


Procedimento penale a carico di Piergiorgio Gambelli e a.

SECONDO L'AVVOCATO GENERALE LA NORMATIVA ITALIANA CHE VIETA L'ESERCIZIO TRANSFRONTALIERO DI SCOMMESSE CONTRASTA CON LA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI

Un organizzatore di scommesse deve potere svolgere la sua attività anche in Italia anche qualora sia stabilito in un altro Stato membro e eserciti la sua attività in conformità alle normative ivi vigenti



Il sig. Gambelli e pi√Ļ di 100 altri indagati gestivano in Italia centri di trasmissione dati, che erano collegati via internet con un allibratore inglese e che raccoglievano per questo in Italia scommesse su eventi sportivi. In Italia un'attivit√† del genere √® riservata allo Stato o alle imprese titolari di una concessione.

A carico del sig. Gambelli (e degli altri gestori) è stato perciò avviato un procedimento penale per l'organizzazione e la ricezione di scommese vietate.

Il sig. Gambelli sostiene che le disposizioni italiane sono in contrasto con i principi di diritto comunitario della libertà di stabilimento e della libera prestazione di servizi.

Il Tribunale di Ascoli Piceno, investito del caso, ha chiesto alla Corte di Giustizia CE come debbano essere interpretate al riguardo le disposizioni del Trattato CE.

L'avvocato generale Siegbert Alber, il cui parere non vincola la Corte, rende oggi le sue conclusioni. Gli avvocati generali hanno il compito di proporre alla Corte, in piena indipendenza, una soluzione giuridica della causa di cui sono incaricati.  

Secondo l'avvocato generale il caso si discosta dalla problematica, esaminata finora nella giurisprudenza della Corte, in tema di normativa statale dei giochi d'azzardo (Sentenze 24 marzo 1994, causa C-275/92, Schindler; 21 settembre 1999, causa C-124/97, Läärä e 21 ottobre 1999, causa C-67/98, Zenatti).
L'avvocato generale tende a supporre che i centri di trasmissione dati non siano stabilimenti dell'allibratore inglese. Fondandosi sulla giurisprudenza della Corte egli è del parere che questicentri operino piuttosto nell'ambito della libera prestazione di servizi. In ultimo, è tuttavia decisiva la valutazione da parte del giudice nazionale.

Contrasto con la libertà di stabilimento

Se tuttavia esistesse uno stabilimento dell'allibratore inglese in Italia, questo dovrebbe potere fare domanda per ottenere una concessione come un operatore nazionale e il sistema concessorio dovrebbe soddisfare i presupposti generali di diritto comunitario per una normativa nazionale che restringa l'esercizio di un'attività economica.

Secondo l'avvocato generale le disposizioni italiane non soddisfano però questi presupposti, tra l'altro in ragione del fatto che esse sono strutturate in modo palesemente discriminatorio e che non sono idonee a tutelare i consumatori e l'ordine sociale.

Contrasto con la libera prestazione di servizi

Le disposizioni che impediscono ad operatori di altri Stati membri di esercitare scommesse sul territorio italiano rappresentano in ogni caso un ostacolo alla libera prestazione di servizi: esse dovrebbero perciò potere essere giustificate con esigenze imperative.

L'avvocato generale giunge tuttavia alla conclusione che la normativa italiana non pu√≤ essere giustificata. Gi√† la normativa dello Stato da cui proviene il servizio (in questo caso: il Regno Unito) costituisce una garanzia sufficiente per l'onest√† dell'organizzatore di scommesse. Per quanto riguarda il contenimento della passione per il gioco, a causa dell'effettivo ampliamento dell'offerta di giochi d'azzardo da parte del legislatore italiano negli ultimi anni, non pu√≤ pi√Ļ parlarsi di una coerente politica per la restrizione delle possibilit√† di gioco. Gli obiettivi dichiarati, ma non (pi√Ļ) effettivamente perseguiti, non sono pertanto idonei a giustificare gli ostacoli alla libera prestazione di servizi da parte di offerenti aventi sede in altri Stati Membri e l√¨ regolarmente autorizzati.

Secondo il parere dell'avvocato generale, nemmeno le temute conseguenze finanziarie negative per alcuni bilanci statali, conseguenti ad una relativa apertura dei mercati nazionali per i giochi d'azzardo, possono essere invocate come giustificazione.

Avvertenza: i giudici della Corte inizieranno a deliberare su questa causa. La sentenza verrà pronunciata successivamente.

2003-05-31 - Fonte: curia.eu.int

Newsletter
Ricevi gli aggiornamenti su Scommesse su eventi sportivi: conclusioni dell'avvocato generale Siegbert Alber relative alla causa C-243/01 e gli altri post del sito:

Email: (gratis Info privacy)

  











 Agenti di calciatori
 Anno Europeo dello sport
 Atleti professionisti
 Atleti dilettanti
 Arbitri

 Bosman
 Cartellino sportivo
 Coni
 Credito sportivo

 Diritti tv
 Doping
 Fallimento
 Federazioni
 Fisco

 Giochi e scommesse
 Giustizia sportiva
 Giurisdizione
 Impianti sportivi
 Lavoro sportivo

 Leghe
 Marchi e brevetti
 Previdenza e assistenza
 Quotazioni in borsa
 Resp. sportiva e ord.

 Soc. e Ass. professionistiche
 Soc. e Assoc. dilettantistiche
 Sponsorizzazioni
 Vincolo sportivo
 Violenza
 

Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze) non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. I testi proposti non sono formulari se non la' dove espressamente indicato. I puntini sostituiscono le parti del testo non visibili per verificarne in anticipo la lunghezza. Riproduz. anche parziale riservata - @ IusOnDemand.com - condizioni d'uso della sezione - condizioni generali - Elenco testi - privacy policy - Cookie - Login