Diritto sportivo Dal 22.1.2004 La Banca Dati Normativa e Giurisprudenziale dell'avv. Alberto Foggia
Home Store Percorsi Giurisprudenza Normativa Prassi G.U. Demo Iscrizioni
Store · Indice   
Newsletter · Contatti   

Accesso


Password persa ?

oppure




Il nuovo codice di giustizia sportiva FIGC - luglio 2021 avv. Foggia





"Quando apro il giornale, leggo sempre le pagine dedicate allo sport. Vi si parla infatti delle imprese compiute da uomini e donne, e delle loro vittorie. Mentre la prima pagina parla, in genere, dei loro fallimenti". - Earl Warren

      

La linea di confine fra responsabilitĂ  sportiva e ordinaria

2004-01-13  NEW: Appunta - Stampa · modifica · cancella · pdf
      

Rispetto delle regole del gioco e dovere di lealtĂ  sportiva

C

Come noto, la giurisprudenza in questi ultimi anni ha individuato chiaramente (e pacificamente) una netta linea di confine fra responsabilità sportiva e ordinaria rappresentata dal “RISPETTO (O MENO) DELLE REGOLE DEL GIOCO” (stabilite dalle rispettive Federazioni sportive) E dal “DOVERE DI LEALTA’ SPORTIVA”.

Tenendo ben presente il principio suindicato, occorre esaminare cosa s’intende per:

A)- RISPETTO DELLE REGOLE DEL GIOCO;

B)- MANCATO RISPETTO DELLE REGOLE DEL GIOCO.

Nel caso sub A), l’atleta si adegua alle regole del gioco senza alcuna volontà di violarle; conseguentemente, eventuali danni arrecati all’avversario, dovuti ad es. a normali contrasti o falli di gioco, non potranno certo essergli addebitati a titolo di responsabilità ordinaria.

Nel caso sub B), invece, e necessario distinguere fra:

INVOLONTARIO MANCATO RISPETTO DELLE REGOLE DEL GIOCO e VOLONTARIO MANCATO RISPETTO DELLE REGOLE DEL GIOCO.

Nel primo caso, l’atleta pone in essere un involontario mancato rispetto delle regole del gioco qualora non sia stata sua intenzione violarle: tale circostanza si verifica solo per caso fortuito (si pensi ad un giocatore di calcio che per la foga agonistica non riesce ad arrestare la propria corsa e si scontra con un altro avversario). Conseguentemente, alcuna responsabilità ordinaria può operare a suo carico.

Nel secondo caso, si è, invece, in presenza di mancato rispetto volontario delle regole del gioco quando l’atleta le abbia coscientemente e volontariamente violate. In tale evenienza, la responsabilità del giocatore è più o meno grave, ovvero:

- Dolosa, se vi è la consapevolezza di violare col proprio comportamento le regole del gioco e di arrecare intenzionalmente anche un danno all’avversario; tale consapevolezza è facilmente individuabile nel caso di pugno, schiaffo, gomitata … scagliata ad un avversario a gioco fermo, o lontano dall’azione di gioco, o negli spogliatoi … 

- Colposa, se pure essendovi la consapevolezza di violare col proprio comportamento le regole del gioco, non c’è la volontà di procurare una lesione all’avversario, che quindi si verifica solo per eccessiva imprudenza. Significativo, in tale ipotesi, il caso “gamba tesa”.

In entrambi i casi, comunque, sussiste responsabilitĂ  sportiva e ordinaria.

Spetta, ovviamente, al giudice di merito il compito di stabilire la sussistenza o meno della volontarietĂ  tramite i mezzi di prova ritenuti (referto arbitrale, testimonianze, filmati).

Per ulteriori approfondimenti ( … Evoluzione dottrinale e giurisprudenziale; Differenza fra competizioni ufficiali, amichevoli e allenamenti; Responsabilità nel Calcio e nel calcetto; Punibilità della lesione personali, ecc.) si rimanda all’ebook “Le regole del gioco e la responsabilità dello sportivo“, appresso linkato.

 

 

 


Link: http://www.iusondemand.com/pdf/default2.asp?pdf=le

2004-01-13 - Fonte: Alberto Foggia

Newsletter
Ricevi gli aggiornamenti su La linea di confine fra responsabilitĂ  sportiva e ordinaria e gli altri post del sito:

Email: (gratis Info privacy)

  











 Agenti di calciatori
 Anno Europeo dello sport
 Atleti professionisti
 Atleti dilettanti
 Arbitri

 Bosman
 Cartellino sportivo
 Coni
 Credito sportivo

 Diritti tv
 Doping
 Fallimento
 Federazioni
 Fisco

 Giochi e scommesse
 Giustizia sportiva
 Giurisdizione
 Impianti sportivi
 Lavoro sportivo

 Leghe
 Marchi e brevetti
 Previdenza e assistenza
 Quotazioni in borsa
 Resp. sportiva e ord.

 Soc. e Ass. professionistiche
 Soc. e Assoc. dilettantistiche
 Sponsorizzazioni
 Vincolo sportivo
 Violenza
 

Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze) non rivestono carattere di ufficialitĂ  e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. I testi proposti non sono formulari se non la' dove espressamente indicato. I puntini sostituiscono le parti del testo non visibili per verificarne in anticipo la lunghezza. Riproduz. anche parziale riservata - @ IusOnDemand.com - condizioni d'uso della sezione - condizioni generali - Elenco testi - privacy policy - Cookie - Login