I provvedimenti spiegati alle aziende
con guide, checklist, modelli; AI assisted
Osservatorio a cura del dott. V. Spataro 



   documento 2023-05-04 ·  NEW:   Appunta · Stampa · Cita: 'Doc 96768' · pdf
  

Audizione del Garante Risoluzione 7 00055, iniziative per contrastare la diffusione delle Blue whale nelle reti sociali telematiche

abstract:


documento annotato il 04.05.2023 -  La relazione disegna gli interessi contrapposti e le iniziative ancora da trovare attuazione. Restano dubbi sull'identificazione e tutela automatica dei minori online.

Fonte: GPDP
Link: https://gpdp.it/home/docweb/-/docweb-display/docwe

analisi:

L'analisi è riservata agli iscritti. Segui la newsletter dell'Osservatorio oppure il Podcast iscrizione gratuita 30 giorni


index:

Indice

  • Audizione del Presidente del Garante per

testo:

E

estimated reading time: 11 min

Audizione del Presidente del Garante per la protezione dei dati personali, Prof. Pasquale Stanzione - Esame della risoluzione 7-00055, recante iniziative per contrastare la diffusione delle sfide di resistenza (challenge) nelle reti sociali telematiche

Camera dei Deputati - VII Commissione Cultura, Scienza e Istruzione

(26 aprile 2023)

- IL VIDEO DELL'AUDIZIONE

Ringrazio, anzitutto, la Commissione, per la sensibilità dimostrata nel voler affrontare, anche dal punto di vista della protezione dei Dati personali un tema di tale rilievo quale quello della diffusione, sui social network, di sfide tra adolescenti talora anche letali. Questo fenomeno ha destato una significativa attenzione già nel 2017 con “Blue Whale”, una sfida con effetto manipolativo dai contenuti quasi istigativi al suicidio, che peraltro ha condotto in Italia, nel 2021, a una condanna per violenza privata ed atti persecutori. Altri casi noti hanno riguardato la morte, nel gennaio 2021, di una bimba palermitana di soli dieci anni che aveva aderito all’incitamento a pratiche di soffocamento, nell’ambito di una macabra sfida su Tik Tok. Tra le più recenti merita considerazione, in particolare, quella della “cicatrice francese”, diffusa anche in Italia ed oggetto della risoluzione in discussione. 

Naturalmente i social network non sono solo questo e, come correttamente rileva la stessa risoluzione, il loro uso non va demonizzato né, aggiungo, subito, ma governato con consapevolezza. Le stesse sfide sui social non presentano tutte e soltanto contenuti autolesionistici o comunque pericolosi: ve ne sono anche di innocue, come quella relativa alla pubblicazione della lista dei propri libri o film preferiti o di foto degli utenti da piccoli. Ma è evidente come anche soltanto la possibilità del coinvolgimento di min ori in “giochi” potenzialmente persino mortali, per effetto dell’esposizione a contenuti dalla valenza manipolatoria o, comunque, fortemente condizionante, non può lasciare inerti le istituzioni. 

Il tema delle sfide sui social va inquadrato all’interno della più ampia questione dell’uso inadeguato della rete e, in particolare, dei socialnetwork da parte dei min ori. Esso va regolamentato e gestito con attenzione, per consentire ai ragazzi di fruire delle molte opportunità (di conoscenza, informazione, relazioni sociali) offerte dalla rete, in condizioni tuttavia di sicurezza.

Va, in particolare, evitata l’esposizione dei ragazzi a contenuti e contesti inadeguati per il grado di sviluppo, anche in termini di autodeterminazione, della loro personalità che, va ricordato, anche negli adolescenti è ancora in formazione e, dunque, maggiormente suscettibile di condizionamento. Fenomeni drammatici come il grooming, il cyberbullismo, il revenge-porn, il coinvolgimento in “giochi” mortali hanno infatti in comune, pur nelle loro differenze, l’esposizione del min ore a un mezzo, quale la rete, che se utilizzato in modo sbagliato o in assenza della necessaria consapevolezza e capacità di autodeterminazione, può avere effetti fortemente lesivi. 

Per un min ore è, infatti, spesso difficile opporre un diniego a una richiesta di condivisione di immagini o, comunque, contenuti della cui lesività non sempre riesce ad avere contezza: questo spiega molto delle dinamiche del cyberbullismo, del revenge porn ma anche del grooming. Molti adescamenti nascono, infatti, con la richiesta al min ore di cessione di immagini o dati privatissimi in cambio di altro, con la possibilità, pericolosissima, di incontri non più solo virtuali. Rispetto al coinvolgimento nelle sfide anche potenzialmente autolesive gioca, invece, la componente ulteriore del rito d’iniziazione, della volontà del min ore, tanto più se fragile, di sentirsi accettato dal “gruppo” mostrandosi privo d’inibizioni, spregiudicato e disposto a mettere a rischio, talvolta, persino la propria stessa vita. Sono, naturalmente, dinamiche note e tipicamente adolescenziali, ma che con i social network e le infinite possibilità d’interazione da essi consentite si espandono, spesso, oltre le cautele apposte dai genitori nel mondo off-line, con la selezione della cerchia di amici di riferimento, dei contesti e delle attività consentite al min ore, delle sue possibilità di scelta autonoma. 

Questi pericoli si amplificano, del resto, in misura esponenziale quanto più piccoli e, dunque, tendenzialmente immaturi siano gli utenti delle piattaforme: stabilire la soglia di accesso autonomo dei min ori alla rete diviene, dunque, tema cruciale per impedire i rischi della “solitudine digitale”. La disciplina di protezione dati offre, sotto questo profilo, un presidio importante, nella misura in cui individua nella fascia tra i tredici e i sedici anni (secondo le scelte dei singoli Stati) la soglia per il Consenso digitale del min ore, assicurando che al di sotto dell’età fissata egli non possa accedere, in via autonoma, ai servizi della società dell’informazione.

Il GDPR ha inteso, così, promuovere un equilibrio ragionevole tra autodeterminazione del min ore (funzionale alla sua partecipazione consapevole alla società dell’informazione) e tutela della sua personalità rispetto a condotte suscettibili, in vario modo, di lederla. Si è così bilanciata l’esigenza di riconoscimento all’adolescente (in quanto presunto capace di discernimento) di una prima possibilità di esperienza autonoma del mondo digitale, con alcune tutele specifiche riconosciutegli tanto sul piano informativo, quanto su quello remediale. 

Sotto il primo profilo, infatti, rileva la previsione di una maggior comprensibilità dell’informativa, che si richiede di calibrare sulle capacità cognitive dei min ori (art.12.1). Sotto il secondo profilo, il Consenso del min ore al Trattamento non soltanto è sempre revocabile (al pari del Consenso dell’adulto), ma legittima un esercizio ampio del diritto alla cancellazione dei dati così raccolti (art. 17.f Gdpr), in chiave remediale. Il carattere realmente consapevole del Consenso da un lato e il criterio della reversibilità delle scelte assunte dal min ore, dall’altro, bilanciano dunque, in chiave di tutela rispettivamente preventiva e successiva, l’estensione della sfera di autonomia decisionale del min ore in un ambito, quale quello della proiezione digitale della persona, sempre più rilevante per i ragazzi di oggi.

L’Italia, dopo un ampio dibattito, ha fissato a 14 anni la soglia per la prestazione autonoma del Consenso da parte del min ore, in analogia con altri istituti che, a partire da quell’età, consentono al min ore sue autonome determinazioni in alcuni campi.

Naturalmente, proprio le peculiarità del contesto digitale determinano criticità, nell’accertamento dell’età dell’utente, rispetto alle quali il Garante ha inteso concentrare, anche recentemente, la propria azione. I numerosi provvedimenti adottati in materia sono, infatti, complessivamente volti a garantire che l’anticipazione dell’autonomia decisionale riconosciuta al min ore non si presti ad abusi o non si risolva in un pregiudizio per il ragazzo stesso. 

Le carenze riscontrate nel sistema di accertamento dell’età di Tik Tok hanno, in particolare, indotto l’Autorità dapprima a promuovere la costituzione di una task-force in sede europea e, quindi, dopo la morte della bimba palermitana, all’avvio, nel 2021, di un complesso procedimento. Esso, attraverso misure dapprima inibitorie e poi prescrittive, ha sensibilizzato quella ed altre piattaforme analoghe sull’esigenza di adottare sistemi di age verification certi, in modo da evitare l’indebito accesso dei più piccoli, in pericolosa solitudine, a ‘giochi’ troppo più grandi di loro. Si è, inoltre, prescritto di rendere l’informativa maggiormente comprensibile a un pubblico così peculiare, valorizzando in tal modo il principio di trasparenza. 

Naturalmente si tratta di realtà ancora in evoluzione, rispetto alle quali vanno individuati sistemi di verifica dell’età che, pur efficaci, non si risolvano, paradossalmente, in una schedatura del min ore e che, comunque, anticipino il controllo non oltre il momento della registrazione dell’utente alla piattaforma. In questa direzione si muove, ad esempio, il tavolo istituito con il recente protocollo d’intesa tra Garante ed Agcom, per la promozione di un codice di condotta relativo ai sistemi per la verifica dell’età delle piattaforme. Per min imizzare il rischio di una centralizzazione di dati di min ori in capo alle piattaforme, si potrebbe anche incaricare della verifica anagrafica terze parti affidabili, in grado di asseverare il raggiungimento dell’età necessaria per l’ammissione.

Peraltro a livello europeo, con la strategia europea per un “Internet migliore per i bambini” la Commissione si è impegnata, in particolare, a proporre, a partire dal 2023, una disciplina europea per la verifica dell'età nel contesto della proposta sull'identità digitale europea e a ·sostenere, a partire dal 2024, lo sviluppo di una prova digitale dell'età basata sulla data di nascita riconosciuta in tutta l'UE nel quadro della proposta sull'identità digitale europea. Inoltre, con lo stesso atto la Commissione si è impegnata a promuovere un approccio integrato alla tutela dell’utente digitale min orenne, che ne favorisca la fruizione consapevole delle risorse telematiche in condizioni di sicurezza. A tal fine, la Commissione indica quali obiettivi la promozione di esperienze digitali sicure per proteggere i min ori, l’empowerment digitale e la loro partecipazione attiva.

Ed è proprio questa convergenza di azioni la chiave metodologica per affrontare un problema complesso quale quello dell’uso sostenibile del web da parte dei min ori, del quale appunto il coinvolgimento in giochi pericolosi è uno degli aspetti tra i più drammatici. Da un lato, infatti, è preliminare garantire che sia effettivamente inibito l’accesso autonomo alle piattaforme agli infraquattordicenni Dall’altro lato, tuttavia, anche laddove tale limite sia osservato, è comunque necessario proteggere i min ori, seppur ultraquattordicenni, dall’esposizione a contenuti inappropriati di vario tipo. Una prima soluzione è quella della selezione, mediante parental control, dei contenuti a visione non libera (secondo soluzioni disciplinate, in particolare, dalle linee guida Agcom del 2023, adottate ai sensi dell’art. 7-bis d.l. 28 del 2020, conv.mod.l.70 del 2020 e conformemente all’art. 37 d.lgs. 208/21). I limiti di questa misura sono, naturalmente, la sua natura volontaristica, rimessa cioè alla sensibilità dei genitori e la sua scarsa efficacia rispetto a piattaforme dai contenuti più vari- ed immessi dagli stessi utenti - come i social network.

Andrebbero, in ogni caso, valorizzate le misure di privacy by design e by default, che consentirebbero di configurare, sin dall’origine, programmi e dispositivi in modo sicuro (ad esempio con la preimpostazione del  parental control, suscettibile di disattivazione solo attraverso azioni specifiche e consapevoli).

Più complessa è la questione della tutela generalizzata del minore rispetto a contenuti inappropriati, non rimessa alla mera scelta genitoriale o alla limitazione dell’accesso, ai soli maggiorenni, a determinati siti dal contenuto inadatto ai min ori (perché, ad esempio, violento, sessualmente esplicito, ecc.).  L’obiettivo, sul punto, è realizzare un equilibrio sostenibile tra libertà di espressione, assenza di obbligo di sorveglianza preventiva del provider sui contenuti e tutela del min ore. 

Il filtro preventivo previsto, ad esempio, sul terreno della pedopornografia - ed esteso dal regolamento 2021/1232, in via temporanea, alle comunicazioni individuali (email e messaggistica) - rappresenta una deroga alle garanzie di riservatezza delle comunicazioni e all’esclusione degli obblighi di sorveglianza preventiva dei provider sui contenuti, ribadito anche dall’art. 8 del Digital Services Act (reg Ue 2022/2065). Si tratta di una deroga circoscritta alla materia della pedopornografia non solo per ragioni di gravità dell’illecito, ma anche per caratteristiche del contenuto. Il filtro presuppone, infatti, una selezione algoritmica più affidabile se riferita a parametri oggettivi (quali ad esempio la porzione di “pelle” esposta ai fini della pedopornografia), meno se riferita alla valutazione semantica dei contenuti, che implica un apprezzamento in certa misura discrezionale difficilmente delegabile alla macchina. 

Anche sul terreno del revenge porn, il blocco dell’upload non consensuale di contenuti intimi è previsto, ai sensi dell’art. 144-bis del Codice, all’esito di una decisione del Garante su segnalazione di una potenziale vittima, dunque non in maniera generalizzata e in presenza di particolari evidenze. 

La protezione del min ore dall’esposizione a contenuti inadatti è, al di fuori di questi casi, affidata allo strumento della rimozione su segnalazione valorizzato, peraltro, dal Digital Services Act come forma di tutela remediale idonea a coniugare contrasto dell’uso scorretto della rete e assenza di sorveglianza preventiva. Lo stesso regolamento, poi, responsabilizza le piattaforme anche rispetto all’obbligo di progettazione delle interfacce on line dei sistemi secondo il massimo livello di privacy, sicurezza e protezione per impostazione predefinita, anche con l’adesione a quei codici di condotta che, proprio sul terreno della protezione dati, hanno dato ottima prova di sé. Significativo, anche, il divieto di inserzioni pubblicitarie basate sulla Profilazione rispetto ad utenti min ori, che può almeno in parte proteggerli dal condizionamento del microtargeting.

Ed è proprio la rimozione dei contenuti la soluzione preferibile rispetto a piattaforme, quali appunto i social network, a contenuto aperto, derivante dall’interazione degli utenti e dunque difficilmente classificabile in via preventiva, soprattutto quando lo stesso contenuto possa risultare più o meno inappropriato in virtù di variabili apprezzabili solo in concreto. Tale soluzione è, ad esempio, prevista, per contenuti ospitati su videosharing platform, suscettibili di ledere lo sviluppo fisico, psichico o morale dei min ori a norma dell'articolo 38, comma 1 del TUSMA, dallo schema di regolamento Agcom sottoposto a consultazione pubblica in questi giorni (n. 76/23).

Ma in linea più generale, soprattutto per limitare la diffusione di contenuti che inducano i min ori a misurarsi con sfide pericolose, si potrebbe allora considerare una proposta approvata, nella scorsa legislatura, dal Senato (come emendamento al ddl AS 2086), volta a trasporre, sul terreno dell’istigazione all’autolesionismo, la specifica tutela accordata dal Garante al min ore rispetto al cyberbullismo. La norma legittimava, infatti, la richiesta (anche da parte degli stessi min ori ultra 14enni) al gestore della piattaforma o, in caso di inerzia, al Garante, di rimozione dei contenuti illeciti (perché, appunto, istigativi alla violenza o all’autolesionismo).

Su questa soluzione può tornare a riflettersi, in quanto capace, meglio di altre, di bilanciare esigenze di tutela del min ore dal rischio di esposizione a contenuti inappropriati e libertà di espressione. 

Ma nessuna tutela potrà mai essere pienamente efficace in assenza di una reale consapevolezza del min ore, che ne promuova la capacità di discernimento e, quindi, di autodeterminazione, necessaria per vivere la dimensione digitale come una vera risorsa e non come il luogo dove si possa incontrare la morte per effetto di una sfida perversa. Le campagne promosse, negli ultimi anni, dall’Autorità e dal Telefono azzurro, per la sensibilizzazione dei genitori rispetto al loro ruolo di vigilanza e informazione dei figli circa l’uso corretto del web, miravano anche a promuovere, con il contributo delle famiglie, un’essenziale alfabetizzazione digitale dei ragazzi. 

Le politiche dell’innovazione devono fondarsi dunque e prioritariamente su di una vera e propria pedagogia digitale, che renda anzitutto i ragazzi consci delle opportunità ma anche dei rischi cui li espone la rete, sfruttandone tutte le straordinarie risorse per essere più consapevoli, mai meno liberi.


Link: https://gpdp.it/home/docweb/-/docweb-display/docwe

Testo del 2023-05-04 Fonte: GPDP




Commenta



i commenti sono anonimi e inviati via mail e cancellati dopo aver migliorato la voce alla quale si riferiscono: non sono archiviati; comunque non lasciare dati particolari. Si applica la privacy policy.







Nota: il dizionario è aggiornato frequentemente con correzioni e giurisprudenza