Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Nella vita e' giusto accettare quello che viene e quello che non viene, ed e' giusto sapersi accettare e tenere gli occhi aperti per sapere cosa si vuole fare e cosa non, quale strada prendere" - Riccardo Maccaferri


Attualità

Riscossione – Ipoteca legale – Condizioni e limiti - Omessa indicazione dell'organo cui ricorrere - Illegittimità

Sentenza Cassazione 26.2.2013 n. 4777
28.02.2013 - pag. 83057 print in pdf print on web

1

1 - E’ correttamente motivata la sentenza del Giudice di Pace il quale abbia dichiarato la nullità dell’ipoteca legale esattoriale per violazione dell’art. 3 comma 4 della legge n. 241/1990, per omessa indicazione dell’organo giurisdizionale cui proporre opposizione e il termine entro cui proporla.  La normativa di cui alla legge n. 142/1990 contiene un sistema normativo posto a tutela dei diritti del cittadino nei confronti della pubblica amministrazione in generale e, pertanto, e’ pienamente applicabile anche ai rapporti con l’amministrazione finanziaria.

 

2 - L’ipoteca legale ex art. 77 DPR n.602/1973, pur non essendo atto di esecuzione, e’ tuttavia atto preordinato e strumentale alla espropriazione immobiliare, sicche’ e’ soggetto ai medesimi limiti di cui all’art. 76 stesso decreto. Per cui essa non può essere iscritta per debiti di importo inferiore agli € 8.000.

  NOTA – Affermando il principio di cui alla massima n. 1, la Suprema Corte ha – finalmente – preso atto della grave sproporzione di mezzi di tutela tra l’esattore e il contribuente. In particolare, ha affermato che” …Le norme in tema di esecuzione esattoriale contemplano misure che, a garanzia e a tutela dei crediti tributari, possono gravemente compromettere i diritti individuali poiché – oltre che avere introdotto misure quali il c.d. fermo amministrativo di beni mobili registrati e 1′iscrizione di ipoteca sugli immobili – contemplano misure estremamente rapide e semplificate di esproprio dei beni.   E’ essenziale pertanto che, proprio in tema di esecuzione esattoriale, siano rigorosamente rispettati sia il principio di legalità, tramite la stretta osservanza delle procedure stabilite; sia gli adempimenti di carattere generale diretti allo scopo di permettere all’esecutato di far valere le sue ragioni: soprattutto ove si tratti di adempimenti di agevole esecuzione e poco costosi per l’amministrazione, quali quello di comunicare all’interessato – unitamente alla comunicazione dell’avvenuta iscrizione ipotecaria – i termini e le modalità con cui può proporre opposizione e far valere le sue ragioni.

   Correttamente, pertanto, la sentenza impugnata ha ritenuto applicabile 1′art. 3, 4° comma, legge n. 241/1990 cit. al caso di specie”


Condividi su Facebook

28.02.2013 Franco Ionadi

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Attualità - Indice:
1. Bitcoin e Blockchain, in pillole di attualità ed anche corso base
2. La scuola riapra dopo il 23 settembre
3. Riconoscimento facciale ai semafori rossi e nelle toilette
4. L'agente dei calciatori. Nascita, evoluzione e attualita'
5. Accertamento sintetico – Redditometro – Spese per incrementi patrimoniali – Prova di redditi esenti – Fattispecie
6. Notificazione – Avviso di accertamento – A società di capitali – Consegna al’amministrazione di fatto – Nullità
7. Contenzioso tributario – Atti impugnabili – Estratto di ruolo – Contrasto di orientamenti della Suprema Corte – Opportunità della verifica della rimessione alle Sezioni Unite.
8. Riscossione – Ipoteca legale – Obblighi dell’esattore – Verifiche in merito all’insussistenza di provvedimenti di sgravio.
9. Penale tributario – Omesso versamento dell’IVA – Crisi di liquidità – Dolo – Insussistenza – Fattispecie
10. Riscossione – Cartella di pagamento – Notificazione – Incompletezza relata – Nullità – Sanatoria


Store:

    








innovare l'informatica e il diritto