Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Non siamo perfetti, siamo strutturalmente dipendenti, diventiamo autonomi molto dopo gli altri animali" - Maurizio Ferraris


Immigrazione

Italia ed Europa: soldi ai libici e ONG trattenute per controlli

Siamo i buoni ? Medici senza frontiere, senza dubbio, si'. I parlamenti italiani ed europei fanno dubitare di conoscere la linea da non superare. E questo ha effetti anche su cittadini, miope non riconoscerlo. La storia insegna.

28.07.2021 - pag. 95617 print in pdf print on web

L

L'immigrazione sembra restare un tassello secondario.

I governi attuali, non solo quelli di destra, hanno una politica protezionistica dall'immigrazione incurante dei trattati internazionali sui rifugiati.

Ricordiamo:^ il rifugiato e' una risorsa, e il trattato spiega come fare emergere le opportunità a beneficio del rifugiato e della collettività che lo ospita.

Ma nessuno vuole leggere quei noiosi (non e' vero) testi internazionali. Tanto equilibrio sprecato; invece tutti a rincorrere i titoli di giornali estremisti.

^ Le navi delle ONG vengono bloccate per controlli che fanno solo a loro con tanta frequenza e attenzione.

Per impedire di salvare vite.

Nel frattempo^ Italia ed Europa danno ancora soldi ai libici per gestire i nostri lager, come Guantanamo per l'Iraq.

Si dira', come per i campi di concentramento, che sapevano, ma non facevano nulla e stavano zitti.

Io non staro' zitto.

Sono esseri umani e morire in mare, abbandonati, e' terribile il solo pensarlo.

Come sanno i pescatori.

Si scrive che gli ordini forensi ai tempi del fascismo invocassero l'applicazione delle leggi razziali. No avvocati ebrei. Oggi e' diverso. Si lascia fare alla natura impedendo i soccorsi. Molto piu' ipocrita.

video del comandante

"Non ci opponiamo alle ispezioni dello Stato di approdo, procedure legittime sviluppate per garantire la sicurezza della navigazione, ma contesta la legittimità del fermo e in particolare quanto sostenuto rispetto all’inadeguatezza della Geo Barents nel condurre l’attività di ricerca e soccorso in forma sistematica e all’eccessivo numero di persone a bordo. Le ^ convenzioni internazionali non prevedono del resto alcuna specifica classificazione per le navi di soccorso umanitarie”. "


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto