Segui via: Newsletter - Telegram
 
VIDEO: nuove banche a rischio ? ascoltiamo La Nave - Gaber - Oblivion


Sognare

Il diritto di avere doveri

Perche' e' tutto nei nostri cuori, e le regole devono consentire di promuovere i nostri doveri, non solo rispettare i diritti altrui.

Dobbiamo difendere i doveri.

Oggi se c'e' un diritto, il dovere viene considerato una velleità, un "chi te lo fa fare ?", come direbbe Proietti

04.11.2020 - pag. 95261 print in pdf print on web

D

Data driven. Le decisioni vanno prese sui dati.

Un italiano che forse conoscete, Mario Draghi, in una intervista poco conosciuta ha aggiunto che senza valori le decisioni guidate dai dati non sono decisioni ottime.

Perchè una decisione funzioni, deve essere vissuta.

Per essere vissuta devi sentirti al centro.

Devi sentire di poter fare qualcosa, di poter fare la differenza, di potere migliorare.

Anni fa mi chiedevo come sarebbe stato un potere esecutivo in mano all'amministrazione pubblica.

Ora ho la risposta. Questo governo è incapace di fare errori, attento come è a rispettare le competenze e le regole.

Il Covid ha mischiato le carte. "Non sbagliare" non è sufficiente.

Sto dicendo che non esiste una soluzione per tutto, uguale sempre. Esistono criteri, che devono muovere i cuori e animare ciascuno, farci credere cittadini con il diritto di avere doveri.

Bella vero ? Il diritto di avere doveri, cioè il diritto di poter mettere in atto i nostri doveri, senza essere impediti da una idea di "diritti inviolabili" usata solo per mantenere tutto uguale.

  • Guardate i medici: non consentono ai laureati di esercitare perchè ci sono le elezioni.
  • Guardate gli avvocati: non fanno esami perchè c'è il covid.
  • Guardate la scuola: no alla didattica a distanza perchè nelle scuole il covid non c'e'.

Entrambi non prendono atto della situazione e non cercano soluzioni. E così in tanti altri settori.

Poi arrivano gli artisti. Chiudono i teatri e aprono i parrucchieri. Avrà un senso, ma nessuno me l'ha spiegato e io ho il dovere di non credere a coloro che dicono: "o rispettando, o nulla".

Tanto per essere chiari, c'è gente che fa la fame perchè altri li bloccano. Io credo a quelli che non fatturano, non a quelli che glielo impediscono.

Cosa ci vuole per capire che ci sono persone che vogliono fare il loro dovere, non limitarsi a rispettare le regole ?

Voglio restituito il diritto di avere doveri, di poter mettere in atto i miei doveri.

Gli effetti sono evidenti: le persone a cui vieti tutto, danno i numeri. Proposte ? Spiegazioni ? Coinvolgimento ?

Un governo della pubblica amministrazione è un governo che:

  • che invoca la Costituzione e i principi del diritto per vietarti di sviluppare i tuoi doveri solo per tutelare alcuni diritti.
  • che rispetta tutte le regole, e non spiega perche'.
  • che ha paura di qualcuno che parla, fa, sogna: e soprattutto ha paura di chi parla, fa e sogna liberamente !

Ecco dove siamo.

Siamo alla paura di sognare. Eh, no.

Accendete un disco. Attivate un musical. Cantate la natura. Inventate le parole.

Per sognare basta poco. L'ha detto Carlo Acutis: basta guardare in alto, e smettere di guardare in basso.

E' il momento.

Auguro a tutti di tornare ad alzare gli occhi verso il cielo, verso la natura, verso una emozione, per tornare a sognare. Non è un atto infantile. E' un atto volitivo di un adulto.

Voglio restituito il diritto di avere doveri, di poter mettere in atto i miei doveri.

Basta alla dittatura della mediocrità. Alziamo gli occhi in alto per sognare ora, subito.

Ricominciamo ascoltando Bocelli, che con i suoi occhi vede in alto più di noi e ci porta in alto con lui, semplicemente ascoltandolo. Magari a occhi chiusi.


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    












innovare l'informatica e il diritto