Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Giustizia

La Giustizia secondo Nicolò Govoni

Scopro oggi di un candidato inusuale al premio Nobel. Giovanissimo e italiano.

La ricetta e' semplice: una idea chiara alla volta, ogni volta che si deve decidere, scegliendo i "chi" invece dei "cosa".

Lui la chiama "Sono infuocato da un gigantesco bisogno di giustizia". Sappiamo bene questo sacro fuoco da dove viene, vale la pena condividerlo.

Lo segnalo in queste pagine perche' colpisce le istituzioni italiane, troppo lontane dalle esigenze delle persone. Ma anche chi, all'interno delle istituzioni, pensa che tu sia un piantagrane, come ho segnalato altre volte in queste pagine in materia di filiazione

Continua anche a scrivere, non solo i tuoi libri. Grazie

ps: Viene proposto per la candidatura al Premio Nobel per la Pace 2020 da Sara Conti, membro del Consiglio Grande e Generale della Repubblica di San Marino.

16.09.2020 - pag. 95176 print in pdf print on web

D

Dal suo sito:

"A dicembre scopro che uno dei miei bambini, un orfano arrivato a Samos con dei parenti, vive una situazione di abuso domestico. Decido di fare tutto il possibile per aiutarlo.


"Pochi giorni dopo, la State University of New York mi offre una parziale borsa di studio per gli studi del Master. È il sogno di una vita, eppure esito. I miei studenti sono sfuggiti alla guerra e hanno perso tutto, ma ora hanno qualcosa di prezioso, un mentore, e i loro occhi brillano di gratitudine ogni giorno. E poi c’è questo bambino, questo bambino che non ha nessun altro a vegliare su di lui. Come posso andarmene?


“Al diavolo,” mi dico. “Le persone valgono più dei certificati, dei soldi, del prestigio, della carriera, e sì, pure dei miei progetti.” Mi basta specchiarmi nel sorriso del mio studente per decidere. “Resto dove hanno bisogno di me.”


"Devo riuscire ad aiutare questo bambino. Faccio appello al sistema di protezione dell’infanzia. Chiedo aiuto agli assistenti sociali. Chiedo aiuto al governo. Chiedo aiuto alle Nazioni Unite. ^ Nessuno alza un dito.


"Non mi lascio scoraggiare. Lui merita di meglio, merita una Casa, e io posso offrirgliene una. Mi offro come padre in affido. È una follia, me ne rendo conto, ma non è forse più folle abbandonare un bambino quando potresti tendergli la mano? Pare funzionare, all’inizio, ma poi il sistema rivela la sua totale corruzione. “Sei un piantagrane,” dicono gli occhi degli assistenti sociali. ^ “Datti una calmata,” mi intimano gli esponenti del governo. La mia denuncia e il caso di questo bambino vengono ignorati, seppelliti, messi a tacere.

"^ Sono infuocato da un gigantesco bisogno di giustizia."

"Ho perso la prima vera battaglia della mia vita, e mi si spezza il cuore. Posso solo stare a guardare mente il bambino peggiora e scivola via. Penso di gettare la spugna e di andarmene. Ma di nuovo, resto. Ho perso, sì, ma sebbene non possa salvarli, posso ancora offrire ai miei bambini gli strumenti per costruirsi una vita migliore. ^ Sono infuocato da un gigantesco bisogno di giustizia.

ps: la foto e' tratta dal suo post su Facebook sull'incendio del campo profughi a Moria, Lesbo, in Grecia


Condividi su Facebook

16.09.2020 Valentino Spataro

Nicologovoni.com Link: https://www.nicologovoni.com/

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





VIDEO: "Ogni storia ha i suoi limiti" - Renato Zero




innovare l'informatica e il diritto