Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Non condivido quello che dici ma difendero' fino alla morte il tuo diritto di dirlo" - Evelyn Beatrice Hall su Voltaire


A chi dare il proprio pc e il telefono in caso di emergenza ?

Antonio: "E' proprio come me lo aspettavo. Molto chiaro e con molti spunti interessanti su come tutelarsi."

adv IusOnDemand

Leggi

Droghe e alcol: proibizioni e informazioni

La comunicazione promozionale, commerciale, elettorale, propagandistica; ha raggiunto livelli di pervasività mai visti.

Possiamo desiderare una comunicazione su valori diversi ?

26.06.2020 - pag. 95061 print in pdf print on web

F

Fr. Biagio in questi giorni sciopera.

Non mangia.

Solo una eucarestia al giorno.

Perche' ?

^ Perche' si permette alle persone di drogarsi, bere, dipendere da tutto e poi commettere violenze su altri.

Biagio si chiede perche' si consente la promozione commerciale di prodotti che danneggiano.

Perche' ?

^ Molti diranno che e' l'uso sbagliato.

  • Fare ^ tardi la sera, dopo la disco.
  • ^ Bere troppo con gli amici, per divertirsi.
  • ^ Giocarsi tutto alle slot, per fiducia nella sorte.
  • Correre in ^ auto, perche' sicuri di se' stessi.
  • L'^ hate speech, per sentirsi potenti al pc.

Allora vietiamo le ^ auto ? I giochi ? Le bevande ? Il web ? Le droghe ?

Il confine tra dittatura e democrazia sta nella scuola. Nell'educazione. Nell'informazione.

Nel parlarne.

^ Finche' le tv e i social sono dominati dalla pubblicità, che determina i contenuti normali e quelli promozionali, non c'e' molto da dire.

Ci vedremo sempre in tv o su youtube allo specchio del consumatore. Siamo perche' possiamo desiderare qualcosa.

Guardare la pubblicità di 100 anni fa, e' triste. Fa rimpiangere un mondo dove serviva far sapere di esistere, non che una cosa inutile era indispensabile piu' delle altre.

Oggi la comunicazione e' tutta emotiva e con soli valori commerciali.

Si puo' desiderare un mondo diverso ?

^ Fr. Biagio implora che cambi qualcosa.

^ Ma anche qualche mamma, la cui lettera finisce su Avvenire.it

Lei, che ha perso il figlio per un drogato. Che non gliene frega niente.

Perché non pensare che sballare con l’alcol, drogarsi, è mettere a rischio la propria vita e quella e altrui?

Perché non pensare che sballare con l’alcol, drogarsi, è mettere a rischio la propria vita e quella e altrui?

Ecco. Perche' ?

Perche' non parlarne ?

Perche' non cambiare le leggi per gestire il martellamento pubblicitario e imporre adeguate campagne di comunicazioni ?

^ Oppure e' il mercato a decidere cosa devono sapere le persone e cosa non serve ?

Perche'.

Continuiamo a chiederlo.

Perche' ?


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"La scienza e' il capitano, e la pratica sono i soldati." - Leonardo da Vinci




innovare l'informatica e il diritto