Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Tutte le reazioni sono venute con questo linguaggio: che e' necessaria la vera liberta', che bisogna ricostituir l'ordine morale, che bisogna difendere la monarchia dalle minoranze." - De Sanctis, discorso alla Camera del 1878


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Legalità

Fr. Biagio: non consentire i consumi che generano dipendenze negative

Fr. Biagio era uno "normale". Poi a Lourdes ebbe la grazia, e cambio' vita per gratitudine. Da 22 giorni vive solo di eucarestia in una grotta nell'entroterra siciliano.

E' arrivato in Inghilterra, da Palermo, a piedi. Continua a denunciare cosa possiamo fare e non si fa. E si appella anche ai professionisti e ai non credenti.

Si puo' pensare ad un esaltato, solo se non lo si conosce. Dice quello che i media non dicono:

a tutte le Istituzioni, a tutte le professioni, alle scuole, ai mezzi d’informazione, a tutte le nazioni, alla chiesa, a tutte le religioni e ai non religiosi: facciamo attenzione, non si deve acconsentire e permettere l’utilizzo e il consumo di tutto ciò che causa e determina le dipendenze negative.

23.06.2020 - pag. 95057 print in pdf print on web

Ventidue giorni di digiuno e preghiera per il bene comune, per allontanare i mali e soprattutto i vizi che avvolgono il mondo di oggi. Per chi conosce la Missione di Speranza e Carità questo è il più lungo periodo di digiuno che Fratel Biagio sta seguendo.


Una volta al giorno si alimenta solo di Eucarestia.


La sua preghiera a Dio è di liberare questa comunità dove viviamo di tanti vizi che condizionano e sviliscono la vita di tanti fratelli e sorelle.

Oggi un forte messaggio per la Chiesa e per i religiosi

APPELLO ALLA CHIESA E A TUTTE LE RELIGIONI

Carissima e amata Chiesa e tutte le varie religioni, religiosi e religiose: dobbiamo rafforzare sempre più la preghiera e l’operato per aiutare e liberare i tanti uomini e donne schiavi di tanti malsani vizi e schiacciati da tante dipendenze negative.


Sono molto rattristato e fortemente addolorato per il perpetrarsi dei tanti e tantissimi mali, vizi, ingiustizie, violenze, sopraffazioni, omicidi, suicidi che si moltiplicano quotidianamente nella nostra sofferta e malata società, soprattutto nelle città e nei paesi. Purtroppo stanno aumentando sempre più i cittadini oppressi e schiacciati dalle schiavitù delle dipendenze negative, dell’alcool, delle droghe, delle sigarette cioè della nicotina, del gioco delle scommesse, delle mode che non rispettano la persona e il corpo e di tante altre negative dipendenze. Ho visto in questi anni ammalare e morire tantissimi uomini e donne, schiavi di queste dipendenze negative: adesso basta, bisogna invocare l’aiuto del Buon Dio.


Carissimi religiosi e religiose è chiaro che questa società purtroppo ha commesso un grave errore: si è allontanata da Dio e dal nostro prossimo. E adesso sarà nostro dovere e impegno invitarla a ritornare a Dio e al nostro prossimo, soprattutto a quelli più in difficoltà, poveri e disagiati ^ aiutiamo anche quelli schiacciati dalle dipendenze negative, richiamandoli, correggendoli, e guidandoli nella retta via, cioè al bene.


Preghiamo per i giovani che sono tanto a rischio per l’assenza del lavoro, per un futuro non stabile, incerto, insicuro e stiamo vicino a quelli più fragili, sia ai giovani locali sia agli immigrati; ^ rischiano di precipitare nelle sabbie mobili, cioè nel giro dello spaccio, della prostituzione, della delinquenza.

Adesso basta: bisogna subito impegnarci a costruire una società più civile e più giusta che tuteli soprattutto i giovani e i meno giovani, la famiglia e ogni singolo cittadino. Impegnandoci così a creare una più vera e stabile generazione non più nel male ma nel bene.


Appello urgentissimo^ a tutte le Istituzioni, a tutte le professioni, alle scuole, ai mezzi d’informazione, a tutte le nazioni, alla chiesa, a tutte le religioni e ai non religiosi: facciamo attenzione, non si deve acconsentire e permettere l’utilizzo e il consumo di tutto ciò che causa e determina le dipendenze negative.


Carissimi religiosi e religiose, facciamo attenzione ad essere anche voi liberi da queste dipendenze negative; siate prudenti per essere di buon esempio. Come dice il buon Dio “ama il prossimo tuo come te stesso”; chiaro che se ami e rispetti te stesso potrai amare e aiutare anche e soprattutto il tuo prossimo. E così tutti insieme possiamo debellare questi mali e costruire un mondo migliore.

Carissimi religiosi e religiose in comunione con tutta l’umanità rispondiamo a questa società malata e disobbediente con la preghiera e le opere buone di carità e di solidarietà cercando di invitare tutti a una vera conversione, al buon Dio, al nostro prossimo per il bene comune
Pace Speranza
Fratel Biagio
piccolo servo inutile


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"La nostra meta non e' mai un luogo ma un nuovo modo di vedere le cose" - Henry Miller




innovare l'informatica e il diritto