Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Kintsugi: la crepa nei vasi giapponesi viene dorata per darle valore" - Usi


Cultura

La prima tentazione e' scandalizzare

Chi lavora nello spettacolo sa che l'asticella va sempre spostata oltre il normale.
09.01.2020 - pag. 94812 print in pdf print on web

F

Fake news, click baiting, la religione nella pubblicità, la satira diretta al credo religioso, la religione come strumento di propaganda politica.

Questa e' la frontiera della libertà che non e' altro che mancanza di rispetto per gli altri.

Si dira' che alcune volte bisogna mancare di rispetto contro chi e' violento, contro chi opprime, contro chi abusa.

Come dire che a volte e' legittimo contrastare chi e' nel torto.

E chi e' nel torto ?

Questo e' il problema di affrontare tutto eticamente. Il diritto non e' etica, e' composizione di interessi, anche dell'etica.

Un lullone realizza una pellicola rappresentando Gesu' come gay, e chiamandola la prima tentazione.

Altri presentatori in Italia non negano di usare centimetri di chiappe per realizzare trasmissioni vuote ma ascoltate. Semplice ed efficace, l'importante e' sputtanare il giocatore e lo spettatore. Corrado, il presentatore, lo aveva additato come qualcuno che voleva tutto e subito. Ma Corrado non c'e' piu'.

Come impedire offese della religione ? Se andassimo in Toscana il Vernacoliere ci mostrerebbe l'utilità di andare contro il vescovo e certi temporeggiamenti usando il turpiloquio piu' ricercato e profondo. Un artista genio nei secoli che sa contro chi puntare la propria penna. E' quasi come tornare ai tempi della commedia Romana o Greca, quella popolana trasmessa fino a noi. Senza problema ad usare uccelli in ogni modo e scherno.

E oggi ?

Oggi il vendere non ha limiti. Bisogna fatturare. Questo impone il fisco, prima che la sopravvivenza.

C'e' un mondo migliore. Quale ?

Quello che alcuni costruiscono silenziosamente, restando nicchie sciocche e bigotte.

Sara'.

Ma finche' le persone non potranno veramente influenza il pubblico, saremo qui a girare i pollici e perdere tempo in parole.

Facebook ha insegnato a farsi gli affari di tutti. Vediamo se riusciamo a costruire qualcosa che influisca l'opinione pubblica almeno quanto le fake news su Facebook.

Vedremo. Qualcuno lo fara'.


Condividi su Facebook

09.01.2020 Spataro

Spataro

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto