Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Non sa amare chi non sa fingere" - l'amante di Vittorio Emanuele, poi sposa, e tradita, ma mai lasciata


Le basi operative del GDPR

Valutazione: 4.55 su 5

adv IusOnDemand

Frasi

De Sanctis, sulle repressioni: nascono per difendere la monarchia dalle minoranze

Da Wikipedia. Si notiche che per "reazione" si intende "repressione".
01.07.2019 - pag. 94610 print in pdf print on web

I

Intervenne in Parlamento dopo il tentato attentato al re Umberto I (del 1878) da parte dell'anarchico Giovanni Passannante, manifestando la sua contrarietà di sincero democratico ad ogni tipo di repressione:

"«Io, signori, non credo alla reazione; ma badiamo che le reazioni non si presentano con la loro faccia; e quando la prima volta la reazione ci viene a far visita, non dice: io sono la reazione. Consultatemi un poco le storie; tutte le reazioni sono venute con questo linguaggio: che è necessaria la vera libertà, che bisogna ricostituir l'ordine morale, che bisogna difendere la monarchia dalle minoranze. Sono questi i luoghi comuni, ormai la storia la sappiamo tutti, sono questi i luoghi comuni, coi quali si affaccia la reazione.[2]»"

...

"Fare un privilegio a quelli che sono costituzionali, inventare un’onestà, una capacità, una rettitudine costituzionale e metter fuori gli altri, perchè il Governo non paia che li prenda sotto la sua protezione; non io, e nessuno che ami la libertà, potrà volerlo."

"Sapete voi quando la libertà può pericolare? Quando la libertà si dimostri insufficiente a tutelare l’ordine pubblico. Perchè quando la libertà non soddisfi il primo bisogno che c’è nella società, di mantenere l’ordine, fa un atto di abdicazione e legittima le reazioni. Allora si fanno innanzi i salvatori della società, tanto più pericolosi quanto più bassi sono i fondi dai quali provengono, ed a questo noi dobbiamo mettere argine."

...

"Le idee si combattono con le idee, si combattono con altre dottrine, si combattono coll’educazione; non si combattono coi carabinieri e colle restrizioni."

...

"Le classi colte ed intelligenti, che hanno dato il primo impulso a costituire l’Italia, non fanno più il loro dovere. Una volta compiuta l’Italia, si sono addormentate sui loro allori ed è tempo che dinanzi a questi fenomeni minacciosi si risveglino tutti. E non domandino già al Governo: pensa tu per noi, ma ciascuno senta che, in tempo di libertà, non basta provvedere alle proprie faccende."

A pag. 213 del pdf allegato a questo post, degli scritti politici di De Sanctis, il discorso completo.

Si ricorda che LIBERLIBER.it, distributore del pdf, e' una eccellenza italiana imperidibile nel leggere documenti storici.


Condividi su Facebook

Download Pdf

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Il presente del passato e' la memoria, il presente del presente la visione, il presente del futuro l'attesa" - Sant'Agostino, Confessioni, XI, 20. 26




innovare l'informatica e il diritto