Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Aborto

Storie di aborti

Come nelle separazione, il diritto facilita il chiudere tutto. Che non si chiude per nulla
25.09.2018 - pag. 94241 print in pdf print on web

T

Tutto e' relativo, ma non il diritto che parla di certezze. Le leggi sono tali se danno certezze, non indirizzi demagogici.

Aborto. Un diritto. Da esercitare in fretta. Non importa se consapevolmente. Genitori e ex fidanzato tutti d'accordo: il figlio non voluto si abortisce, non puo' bloccarti la vita.

Poi ci chiediamo perche' ci siano pochi figli.

^ Una minorenne, per non abortire, e' dovuta scappare all'ultimo minuto dall'ospedale.

Tutti le ripetevano che doveva abortire. Lei pero' pregava.

^ Pregare mentre si sa che si sta per commettere peccato e' qualcosa che non si insegna.

E' un dono di qualcuno altro, regalatoci dalla preghiera di qualcun altro. Ma Dio ascolta le preghiere del cuore.

Oggi la mamma (aveva quasi 18 anni al momento del concepimento) e' orgogliosa. Il papa' e' tornato con lei, orgoglioso di suo figlio. I nonni entusiasti.

Ma un bambino e' vivo nonostate che le leggi garantiscano l'aborto ma non offrano tutela, allo stesso modo, alla vita del nascituro.

E' una storia da leggere, quella raccontata su Avvenire.

^ Il diritto crede di risolvere tagliando i ponti. Stop alla vita. Stop al matrimonio. E poi ? Siamo macchine, si ricomincia con un  reset.

Paradossalmente le separazioni migliori sono quelle dove le parti restano in buoni rapporti. 

Bisognerebbe chiedersi ^ se il paradosso sia in questa convivenza o in un diritto che non sa rivolvere i problemi degli uomini.

Leggete il link su Avvenire.

Merita.


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"E' civile chi da' agli altri la stessa importanza che da' a se stesso" - Don Mazzi




innovare l'informatica e il diritto