Civile.it Civile.it
 
 
"Nessuno ti puo' togliere quello che hai imparato" - un padre

Banche dati
dell'avv. Foggia:
Banche dati
del dott. Spataro:
Ebook e Store
by IusOnDemand srl

Assegno divorzile

Abstract: Cambia qualcosa. Ed e' importante fonte: Avvenire
Fonte: Avvenire - Da: Spataro - 2017-05-11 - pag. 93700 print in pdf print on web


S

Su civile.it abbiamo combattuto per alcune idee.

Il diritto al cognome materno dei figli. Ora si puo'.

Il dovere di cambiare l'assegno divorzile: troppi uomini finiscono in totale poverta'. Alle mense dei poveri. Dati Caritas.

La sentenza pero' arriva, pare, a regolare un divorzio milionario tra vip. Siamo tutti sulla stessa barca.

I nuovi criteri perdono il tenore di vita, vissuto come allungamento del vincolo matrimoniale e fonte di ricatti. Lo sappiamo bene tutti, uomini, donne e figli.

Avvenire sintetizza bene la decisione n. 11504 del 2017 pubblicata su ricercagiuridica.com/sentenze della Cassazione:

scopo:  accertare l'indipendenza economica del richiedente l'assegno ed inoltre la possibilità di avere risorse.

"1) avere redditi di qualsiasi specie

"2) avere cespiti patrimoniali mobiliari ed immobiliari

"3) le capacità e le possibilità effettive di lavoro personale, in relazione alla salute, all'età, al sesso ed al mercato del lavoro indipendente o autonomo

"4) la stabile disponibilità di una casa di abitazione"

Resta ora il sogno di un protocollo nazionale sulle spese di mantenimento dei figli. Sia quelle ordinarie che straordinarie.

Ma ci arriveremo, vedrete.

Qui la sentenza integrale. Segue il principio enunciato.

2.5. - Pertanto, devono essere enunciati i seguenti principi di diritto.

Il giudice del divorzio, richiesto dell'assegno di cui all'art. 5, comma 6, della legge n. 898 del 1970, come sostituito dall'art. 10 della legge n. 74 del 1987, nel rispetto della distinzione del relativo giudizio in due fasi e dell'ordine progressivo tra le stesse stabilito da tale norma:

A) deve verificare, nella fase dell'an debeatur - informata al principio dell'autoresponsabilità economica" di ciascuno degli ex coniugi quali "persone singole", ed il cui oggetto è costituito esclusivamente dall'accertamento volto al riconoscimento, o no, del diritto all'assegno di divorzio fatto valere dall'ex coniuge richiedente -, se la domanda di quest'ultimo soddisfa le relative condizioni di legge (mancanza di «mezzi adeguati» o, comunque, impossibilità «di procurarseli per ragioni oggettive»), con esclusivo riferimento all’indipendenza o autosufficienza economica" dello stesso, desunta dai principali "indici" - salvo altri, rilevanti nelle singole fattispecie - del possesso di redditi di qualsiasi specie e/o di cespiti patrimoniali mobiliari ed immobiliari (tenuto conto di tutti gli oneri lato sensu "imposti" e del costo della vita nel luogo di residenza dell'ex coniuge richiedente), delle capacità e possibilità effettive di lavoro personale(in relazione alla salute, all'età, al sesso ed al mercato del lavoro dipendente o autonomo), della stabile disponibilità di una casa di abitazione; ciò, sulla base delle pertinenti allegazioni, deduzioni e prove offerte dal richiedentemedesimo, sul quale incombe il corrispondente onere probatorio, fermo il diritto all'eccezione ed alla prova contraria dell'altro ex coniuge;

B) deve "tener conto", nella fase del quantum debeatur - informata al principio della «solidarietà economica» dell'ex coniuge obbligato alla prestazione dell'assegno nei confronti dell'altro in quanto "persona" economicamente più debole (artt. 2 e 23 Cost), il cui oggetto è costituito esclusivamente dalla determinazione dell'assegno, ed alla quale può accedersi soltanto all'esito positivo della prima fase, conclusasi con il riconoscimento del diritto -, di tutti gli elementi indicati dalla norma («[....] condizioni dei coniugi, [....] ragioni della decisione, [....] contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare ed alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune, [....] reddito di entrambi [....]»), e "valutare" «tutti i suddetti elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio», al fine di determinare in concreto la misura dell'assegno di divorzio; ciò sulla base delle pertinenti allegazioni, deduzioni e prove offerte, secondo i normali canoni che disciplinano la distribuzione dell'onere della prova (art. 2697 cod. civ.)

Ricevi gli aggiornamenti su L'assegno divorzile perde il tenore di vita, Assegno divorzile e gli altri post del sito:

Newsletter: (gratis Info privacy)


Link: https://www.avvenire.it/attualita/pagine/cassazion


Tags:


civile.it store:




2017-05-11 - Spataro - Fonte: Avvenire - Rubrica: Assegno divorzile - Tutto Civile.it: Iscriviti al feed di tutto Civile.it - Richiesta rimozione

Assegno divorzile - Indice: 1. Nullità del matrimonio e assegno divorzile 2. Alla Corte Costituzionale il mantenimento del tenore di vita dopo il divorzio 3. Ciao Robin Williams, morto per debiti verso le 2 ex mogli 4. Assegno divorzile: miglioramenti della situazione economica dell'onerato 5. Differenti natura e presuposti tra mantenimento nei confronti dei figli e assegno divorzile in favore del coniuge 6. Milano: Padri Separati al Circolo della Stampa 7. Utilizzabilita' delle foto e chat di Facebook in separazione: decisione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere del 13 giugno 2013 8. Separazione, una tantum e decesso: l'assegno di mantenimeno solo fino alla morte. 9. L'assegno di mantenimento: la guida ai criteri di calcolo 10. Assegno divorzile: la privacy, la posta elettronica e l'istruttoria nel processo di separazione - Torna alle guide

    



Internet Law - Procedura - Sportivo - Tributario





"Che le cose siano cosi, non vuol dire che debbano andare così. Solo che quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare. Ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi più che fare" - Giovanni Falcone

Visita lo Store On Demand