Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Facebook e' come una droga, ieri l'ho consultato 5 volte" - dal film The social network


L'innovazione nel mondo legale: ci riesce solo il 10%, perchè ?

Ne parliamo nel webinar gratuito ma privato martedì 7 luglio ore 18.15

adv IusOnDemand

Salute

Cure: rifiuto o palliative, non eutanasia

Non confondiamo la legge, da migliorare comunque.
20.04.2017 - pag. 93684 print in pdf print on web

H

Ho letto costituzionalisti e giuristi anche cattolici criticare il ddl che ora passa al Senato.

Devo dire che l'ho letto per la prima volta senza pregiudizi e senza conoscere molto dei lavori parlamentari, come un testo nuovo da studiare.

^ Ho trovato alcuni principi:

  • nessuna cura puo' essere imposta senza volonta' del paziente
  • il paziente decide in forma scritta o, se impossibilitato, con video o dispositivi di comunicazione per disabili
  • il paziente si puo' far rappresentare anche da conviventi e da terzi 
  • il paziente ha diritto di sapere
  • il paziente puo' cambiare sempre idea.
  • Il paziente ha diritto a scegliere o rifiutare le cure, e ha diritto comunque alle palliative.
  • il medico che conosce novita' che possono aiutare il paziente puo' sollecitare una nuova dichiarazione

Se questi elementi sono corretti, non c'e' nulla di cui preoccuparsi.

Non si autorizza l'eutanasia, ma si segue la Costituzione: ho diritto di rifiutare la cure.

Espressamente la legge vieta l'uso di tecniche diverse da quelle curative o palliative. Resta vietata l'eutanasia, anche se si poteva forse dire, per finalita' politiche, in modo piu' evidente. Ma secondo me e' chiaro.

Ci sono invece degli aspetti importanti da sottolineare.

In assenza di registri regionali (la cui funzione pero' non e' di certificare la data), tutte le successive dichiarazioni vanno messe in ordine, e di questo il medico se ne fa carico.

^ Tuttavia:

  1. la data del documento puo' non essere sicura (non dico certa che ha un significato preciso): si pensi anche a documenti senza data, video con data sbagliata, dispositivi informatici non certificanti data. La data del dispositivo elettronico potrebbe avere un valore straordinario, nel concreto. Troppo forse.
  2. la dichiarazione puo' essere anche prestampata e solo firmata. Non tutta autografa.
  3. si potrebbe far firmare la dichiarazione prestampata ad un inconsapevole

^ Sono punti sostanziali, si noti bene. In breve:

  • Basta una firma su un prestampato
  • La data puo' essere apposta successivamente
  • non c'e' obbligo di autenticare (autore e data) le dichiarazioni di rifiuto delle cure
  • il terzo potrebbe essere chiunque: un minimo legale sarebbe stato opportuno, cosi' come per l'amministrazione di sostegno.

Bisogna riflettere.


Condividi su Facebook

20.04.2017 Spataro

Spataro

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Cure: rifiuto o palliative, non eutanasia
Eutanasia, cure palliative, norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento.

Tags:






Store:

    





"Il sommo atto di giustizia e' necessariamente sommo atto di amore se e' giustizia vera, e viceversa se e' amore autentico" - Piero Pajardi, presidente del Tribunale di Milano




innovare l'informatica e il diritto