Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Sei tu, e non le notifiche, a decidere quando usare il telefono" - anonimo


Immigrazione

Dobbiamo agire. Mai piu' come Chimiary e Emmanuel Chidi Namdi, il rifugiato di Fermo

Tocca tutti. Faremo finta ancora ?
08.07.2016 - pag. 92348 print in pdf print on web

S

Sto leggendo cose abominevoli e osservo disgustato i silenzi.

E' il momento di pretendere da tutta la stampa di agire per il bene, di fare un salto di qualita': di sviluppare la memoria dei lettori.

Il rifugiato scappato da Boko Haram e' morto dopo una discussione con un italiano che lo ha insultato.

Ora si parla, con notevole competenza professionale, di omicidio preterintenzionale, di aggressione provocata dal defunto, di aver usato violenza egli per primo, di essere irregolare, che non era sposato, che non puo' nemmeno donare gli organi per mancanza di documenti.

Pare che qualche religioso abbia detto alla moglie che non puo' nemmeno fare le foto al corpo morto e martoriato del figlio. Spero non sia vero, la carita' e altro.

La moglie soffre. 26 anni. Dice: "Era bello", e nel senso di bellezza c'e' tutto l'insieme dei valori per i quali e' bello vivere.

Ora e' distrutta. 500 persone ai funerali. Nulla.

Cosa aspettiamo per reagire ?

La violenza porta violenza. Prima contro i diversi, poi contro i simili. La storia insegna ?

Pretendiamo l'applicazione sostanziale della convenzione sui rifugiati.

E alla moglie dico: hai perso tutto. Non posso fare niente per ridarti la vita che avevi. Ma non staro' zitto. Non voglio essere come coloro che, presenti, hanno fatto o non hanno fatto nulla.

Siamo tutti esseri umani, alcuni piu' bisognosi di altri.

Oltre il denaro vediamo la realta', composta da persone. Persone. Persone. Ho detto: persone.

Vogliamo ancora restare indifferenti ?

C'e' un solo modo: ascoltare tutti coloro che protestano contro gli immigrati, e trovare soluzioni ai problemi veri e quelli percepiti come veri senza esserli.

Dialogo, fuori dal continuo dare notizie di morti come se fossimo spettatori impotenti.

Non siamo impotenti. Siamo indifferenti.


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto