Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Un libro e' un giardino che puoi custodire in tasca" - proverbio arabo


Sinistro Fantasma: come difendersi

9,90 €       download immediato

adv iusondemand

Rifugiati

Idomeni, cronaca di una deportazione

Nessuna informazione, nessun coinvolgimento con gli operatori umanitari, forze di polizia e trasferimenti coatti. Come si chiama ? Deportazione
25.05.2016 - pag. 92250 print in pdf print on web

L

La notizia di oggi e' che la Grecia vede il proprio debito ristrutturato. Cioe' parte condonato o dilazionato, con il consenso della troika della quale il fondo monetario fa parte.

Purtroppo la notizia e' un'altra.

L'unhcr greco sembra stia lavorando insieme al governo greco per trasferire le persone nel campo profughi spontaneo di idomeni.

Bene. Mancavano troppi servizi.

Pero'.

Pero' la cosa viene fatta in questo modo.

  • Dall'oggi al domani viene impedito alle ONG di entrare nel campo, salvo particolari controlli e raccomandazioni
  • La stampa e' interdetta ed e' vietato fotografare
  • si presenta la polizia greca e fa salire gente su bus per campi governativi
  • non si sa come scelgono le persone e se tengono i bambini con le famiglie o gli amici
  • alcuni campi di destinazione sono stati visionati: manca tutto.
  • nessun comunicato ufficiale
  • le ong non sanno nulla
  • il campo di Idomeni e' stato dichiarato area militare. I campi di destinazione secondo alcuni sono aree militari.
  • Msf dice che tutto per ora avviene tranquillamente ma non e' informata

Tutto questo e' indice di indizi precisi e concordanti.

Si chiama deportazione.

Dio ci perdoni e perdoni tutti coloro che non taceranno.

Su sollecitazione IusOnDemand ha chiesto un comunicato ufficiale, vi faremo sapere.

La cronaca della BBC parla di accesso consentito solo ad alcuni giornalisti greci

L'unico comunicato e' di medici senza frontier.

MSF chiede alle autorità di garantire che i volontari e le ONG possano continuare a fornire assistenza alle persone che vivono nel campo di Idomeni fin quando si troveranno lì. A questo proposito, ci preoccupa il fatto che negli ultimi due giorni è stato negato l’accesso al campo a molti gruppi di volontari, mentre sono proprio loro che si occupano della distribuzione di cibo e di altri importanti servizi. Oltre a questo, MSF non ha ricevuto alcuna informazione sui piani del governo o sulla disponibilità di posti e le condizioni nei campi, né sappiamo esattamente dove queste persone verranno ricollocate.

Da Facebook:

So: the remaining 8000 at Idomeni are to be moved to other sites, and scores of riot police have moved in, in order to ensure the process is “peaceful”: "Hundreds of riot police moved into the camp at dawn, but the authorities have stressed force will not be used." To fulfill the exchange, their presence replaces the absence left by volunteers and journalists, the vast majority of whom have been expelled from the camp. This has two results. Nobody is left to witness, and aid is vastly reduced. And thus, the umbrella result: the refugees are left with no choice. This is siege tactics. If people’s access to food, medical care, etc., is vastly reduced, and they are told they have to move elsewhere in order to have it restored, this deprivation leads to another: they are being deliberately deprived of the power to make a choice. This, then, is what is being enacted upon people.

25.05.2016

Spataro

Medici Senza Frontiere
Link: http://www.medicisenzafrontiere.it/notizie/news/id

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Rifugiati - Indice:
1. I due avvocati che portano l'Europa al banco degli imputati della Corte dell'Aia
2. Camilleri: questa e' una ossessione. Questa nazista volgaritÓ non e' in nome mio
3. Ciminalizzando i migranti e chi li aiuta, si perde l'umanitÓ.
4. VIolazione dei diritti dei rifugiati: i governi europei hanno attivamente ostacolato i salvataggi
5. Margot Robbie: la storia di un avvocato che sa cosa e' una ingiustizia
6. Un rifugiato. Papa Francesco racconta
7. Muore Eritrea in galleria verso la Francia: mancano percorsi legali
8. Carta giubilare dei Diritti dei Profughi
9. La convenzione di Ginevra sui rifugiati del 1951
10. Lesbo: L'Europa, i dislocamenti forzati


Store:

    





"Illumino spesso gli altri ma io rimango sempre al buio." - Alda Merini

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store