Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Finche' un uomo procede per la sua strada, tutto sembra passare per la sua strada" - Ralph Waldo Emerson


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Europa

Discorso storico, epocale, di Papa Francesco sull'Europa - Awarding of the Charlemagne Prize

06.05.2016 - Awarding of the Charlemagne Prize
06.05.2016 - pag. 92226 print in pdf print on web

M

Mai letto questo ne' da un politico, ne' da un Papa.

Il discorso pronunciato poche ore fa, che sto ascoltando, mostra una visione storica complessiva che nessuno oggi puo' vantare.

E tuttavia e' un discorso ricco di verita' e prospettive di soluzioni.

Cito solo due frasi. Il testo integrale va letto e riletto. Insisto: e' un discorso da inserire nei libri di testo di religione, di educazione civica, di filosofia, di storia.

"Desidero ribadire la mia intenzione di offrire il prestigioso Premio, di cui vengo onorato, per l’Europa: non compiamo infatti un gesto celebrativo; cogliamo piuttosto l’occasione per auspicare insieme uno slancio nuovo e coraggioso per questo amato Continente.

"Che cosa ti è successo, Europa umanistica, paladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà? Che cosa ti è successo, Europa terra di poeti, filosofi, artisti, musicisti, letterati?^ Che cosa ti è successo, Europa madre di popoli e nazioni, madre di grandi uomini e donne che hanno saputo difendere e dare la vita per la dignità dei loro fratelli?

E ancora.

Il volto dell’Europa non si distingue infatti nel contrapporsi ad altri, ma nel portare impressi i tratti di varie culture e la bellezza di vincere le chiusure. ^ Senza questa capacità di integrazione le parole pronunciate da Konrad Adenauer nel passato risuoneranno oggi come profezia di futuro: «Il futuro dell’Occidente non è tanto minacciato dalla tensione politica, quanto dal pericolo della massificazione, della uniformità del pensiero e del sentimento; in breve, da tutto il sistema di vita, dalla fuga dalla responsabilità, con l’unica preoccupazione per il proprio io»

E per le scuole.

^ Questa cultura del dialogo, che dovrebbe essere inserita in tutti i curriculi scolastici come asse trasversale delle discipline, aiuterà ad inculcare nelle giovani generazioni un modo di risolvere i conflitti diverso da quello a cui li stiamo abituando.

e ancora:

Con la mente e con il cuore, con speranza e senza vane nostalgie, come un figlio che ritrova nella madre Europa le sue radici di vita e di fede, sogno un nuovo umanesimo europeo, «un costante cammino di umanizzazione», cui servono «memoria, coraggio, sana e umana utopia»[10].

Sogno un’Europa giovane, capace di essere ancora madre: una madre che abbia vita, perché rispetta la vita e offre speranze di vita.
Sogno un’Europa che si prende cura del bambino, che soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo.
Sogno un’Europa che ascolta e valorizza le persone malate e anziane, perché non siano ridotte a improduttivi oggetti di scarto.
Sogno un’Europa, in cui essere migrante non è delitto, bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano.
Sogno un’Europa dove i giovani respirano l’aria pulita dell’onestà, amano la bellezza della cultura e di una vita semplice, non inquinata dagli infiniti bisogni del consumismo; dove sposarsi e avere figli sono una responsabilità e una gioia grande, non un problema dato dalla mancanza di un lavoro sufficientemente stabile.
Sogno un’Europa delle famiglie, con politiche veramente effettive, incentrate sui volti più che sui numeri, sulle nascite dei figli più che sull’aumento dei beni.
Sogno un’Europa che promuove e tutela i diritti di ciascuno, senza dimenticare i doveri verso tutti.
^ Sogno un’Europa di cui non si possa dire che il suo impegno per i diritti umani è stato la sua ultima utopia.

Grazie.

Al link il discorso completo.

Incredibilmente lungimirante, politico, storico, educativo, formativo.

C'e' la descrizione, spiegazione e risposta alla crisi attuale.

Da leggere e rileggere. Anche ascoltarlo.

Attenzione: nel testo pubblicato su Vatican.va manca un passaggio importantissimo sui giovani e sul diritto ad un lavoro pagato, sulla correzione, sulla valorizzazione delle comunita'. Il finale e' completamente diverso, Forse e' stato appena aggiornato integralmente.


Condividi su Facebook

06.05.2016 Spataro

Papa Francesco Link: https://youtu.be/6uS48LcE1eE?t=5570

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"ma dimmi... ma che uomo sei... se non hai il Cielo" - Renato Zero




innovare l'informatica e il diritto