Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Non aver paura degli sbagli, pensa al bene" - Maria V.


Divorzio

Divorzio cattolico: arriva il processo breve

Due atti cambiano il processo.
08.09.2015 - pag. 91708 print in pdf print on web

P

Piu' rapido, piu' localizzato. Ma, davanti al Vescovo, e' una procedura congiunta, cioe' se i coniugi entrambi lo chiedono (o uno con il consenso anche dell'altro).

Non aggiungo nulla perche' il motu proprio e' un esempio di come andrebbero pubblicati i testi in Gazzetta Ufficiale.

"Oltre a rendere più agile il processo matrimoniale, si è disegnata una forma di processo più breve – in aggiunta a quello documentale come attualmente vigente –, da applicarsi nei casi in cui l’accusata nullità del matrimonio è sostenuta da argomenti particolarmente evidenti. Non mi è tuttavia sfuggito quanto un giudizio abbreviato possa mettere a rischio il principio dell’indissolubilità del matrimonio; appunto per questo ho voluto che in tale processo sia costituito giudice lo stesso Vescovo, che in forza del suo ufficio pastorale è con Pietro il maggiore garante dell’unità cattolica nella fede e nella disciplina.

"L’appello alla Sede Metropolitana, come ufficio capitale della provincia ecclesiastica, stabile nei secoli, è un segno distintivo della primigenia forma della sinodalità nelle Chiese orientali, che deve essere sostenuto e incoraggiato."

I testi:


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto