Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Anche se si stabilisse per tutti una proprieta' giusta, non se ne trarrebbe alcun vantaggio: in realta' si devono equilibrare i desideri piu' che le sostanze ... equilibrio tra possesso e educazione" - Aristotele in Politica


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Cultura

Le regole, la rigidita' e l'uniformita' del summum ius, summa iniuria

L'uniformita'. La rigidita'. Sono rigidi! Non hanno quella liberta' che da' lo Spirito Santo. E ancora: "Misericordia, non Giustizia" disse Maria al contadino Antonio Botta di Savona nel 1536
14.05.2015 - pag. 91513 print in pdf print on web

C

Come si applicano le Regole che Cristo ci ha dato ?

Papa Francesco: "E Gesù mai ha voluto che la sua Chiesa fosse così rigida. Mai. E questi, per questo atteggiamento, non entrano nella Chiesa. Si dicono cristiani, si dicono cattolici, ma il loro atteggiamento rigido li allontana dalla Chiesa."

Sono quelli che non condividono lo spirito delle regole, le applicano per vantaggio personale, sottolineando la propria personalita', indipendenza, unicita', e in fin dei conti, superiorita' sugli altri.

Le regole sono per tutti, e vanno applicate. Ma chi e' senza peccato ?

Non significa che le regole non vadano applicate. Ma che va valutato tutto, non solo lo spillo all'interno dell'intero pagliaio.

Ed e' per questo che troviamo l'equita' anche nei testi normativi.

Non e' una mancanza. E' una presa di posizione: Summum ius, summa iniuria. Lo diceva Cicerone, non un medioevalista.

"Misericordia, non Giustizia" disse Maria al contadino Antonio Botta di Savona nel 1536. Che non significa perdere guadagni in sterili transazioni, ma coltivare la fiducia che la categoria ha perso.


Condividi su Facebook

14.05.2015 Spataro

Papa Francesco

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Illumino spesso gli altri ma io rimango sempre al buio." - Alda Merini




innovare l'informatica e il diritto