Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Illumino spesso gli altri ma io rimango sempre al buio." - Alda Merini


Tecnopraticanti

Tecnopraticanti: come scegliere il software ?

Consigli ancora pratici.
10.12.2014 - pag. 90933 print in pdf print on web

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

O

Oggi la scelta del software si fa perche' lo fanno tutti.

Tutti hanno office. Tutti windows. Perche' complicarmi la vita ?

Non e' questo il modo. Ho provato a ripartire da zero. Ecco i consigli di questa esperienza.

 

SISTEMA OPERATIVO

Il sistema operativo e' windows. Se si vuole una esperienza diversa osx. Linux per smanettoni.

Se non avete tempo il mio consiglio e' usate il sistema operativo che conoscete. Punto.

Se invece avete un vecchio pc e non volete buttarlo via, dovete installare lubuntu o easypeasy, due versione di linux leggere. Avrete difficolta' a installare stampanti in rete, e sicuramente vi troverete nudi con nuove interfacce grafiche. Pero' vista una, viste tutte.

Ubuntu e' una scelta per chi ha tempo o esperienza di provare cose nuove. I vantaggi sono la sicurezza e la vicinanza all'utente, oltre che la trasparenza. In poche parole solo con linux il computer e' ancora vostro. Tra i vantaggi secondari l'hard disk finalmente fermo e un computer silenzioso mentre si lavora.

 

I SOFTWARE BASE

Browser, posta elettronica, office: ci sono tutti open source. Il vantaggio ? Compatibili e funzionano su qualsiasi piattaforma. Se avete tanti sistemi operativi tra le mani, non ne potete fare a meno.

Se invece volete semplicemente dei software che facciano quel che serve e non altro, siete costretti all'open source. Firefox, Thunderbird, OpenOffice o meglio Libreoffice (che sta migliorando). Skype sara' una vulnerabilita' nel vostro computer, ma potete metterlo su tutto, inutile negare che lo usano tutti.

Volete condividere files ? Dropbox, bit torrent sync e spideroak funzionano su tutto.

Poi ?

Il calendario. So che tutti usano google calendar. Malissimo, cosa vi resta in mano se il servizio viene tolto ? Cerini.

Insomma, oltre il software base, c'e' tanta ricerca. Dipende da quello che vi fa perdere tanto tempo. Io non posso fare a meno di EVERYTHING,un motore di ricerca istantaneo di files all'interno del mio pc (solo windows). mi manca sotto linux.

Invece per le foto shotwell e' fantastico (solo linux). Niente di piu' semplice.

Per catalogare quindi i documenti ? Organizzatevi in cartelle, ma ricordate di farne copie su altri harddisk, quindi antivirus, antispyware, firewall e backup/restore. Open source ? Ci sono anche quelli. ma sceglieteli perche' funziona bene e non vendono i vostri dati. ^ E che provengano da nazioni "sicure".

 

^ PER SMARTPHONE ?

Idem, controllate:

  • il nome dell'azienda,
  • dove ha sede,
  • se ci sono polemiche,
  • se le condizioni legali sono illeggibili,
  • se le funzionalita' corrispondono a quanto dichiarato
  • se non sono progetti abbandonati

In effetti i punti non sono tanti. Usando open source verificate progetti che siano supportati e aggiornati.

Purtroppo pero' sono noiosi e tutti si limitano a fare come tutti, per evitare critiche.

 

^ IL PRIMO CRITERIO ?

Non subite passivmaente la soluzione proposta dal software, ma cercate di capire perche' fa le cose in quel modo prima di criticarlo. Sara' piu' semplice usarlo al meglio.

Se poi e' open source, preferitelo: sara' sicuramente piu' vicino alle vostre esigenze. E' cosi' che vincono solo i migliori: perche' semplici e utili.


Condividi su Facebook

10.12.2014 Spataro

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto