Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Spesso una cosa stupida si regge perché viene approvata dalla Legge." - Trilussa


Embrioni

Fecondazione eterologa da errore

Ex factis oritur ius. Nella foto: una lampada e sullo sfondo una colomba della pace, by spataro2014. In aggiunta vogliamo far riflettere anche su questo principio: Ex iniuria ius non oritur, ricordato dai lettori piu' che dai commentatori
11.08.2014 - pag. 90378 print in pdf print on web

M

Mi e' tornata in mente la frase latina di cui sopra. Ex factis oritur ius. Dalla realta' dei fatti si costruiscono le regole di diritto. Non viceversa,

Nella sofferta decisione del Tribunale di Roma sul caso di fecondazione omologa che finisce "presso terzi", e accettata successivamente, rileva la difficolta' di trovare una soluzione.

Ora che la questione e' chiara nei fatti, ci si chiede, perche' tanta difficolta' in diritto ?

Perche' il diritto vigente e' frutto di visioni ancora immature, con presunzioni che cozzano, come sempre, con la realta'.

Nella decisione si parla di eterologa per errore. E si afferma che il Comitato di Bioetica ha parlato di incertezza.

Ora il fatto e' chiaro: due famiglie hanno provato la fecondazione omologa. Una e' andata male. L'altra bene ma non con i propri, ma con il seme degli altri.

Hanno partorito il seme altrui.

Qui il diritto, fermo alle presunzioni, si e' fermato, invocando un risarcimento dall'ospedale. Era possibile di piu' ?

La domanda riguarda tutto il diritto vigente. Cosa limita o cosa guida il diritto vigente ? La sola norma scritta ? Anche il diritto naturale ?

Di certo c'e' un inadempimento contrattuale dell'ospedale e, da parte della coppia che ha partorito, la consapevolezza che hanno partorito il figlio concepito da altri, presuntivamente a loro attribuito.

Che viva, piuttosto che tagliato in due, racconta la Bibbia davanti al giudice Salomone.

Ma per i genitori biologici, o meglio, per la coppia partoriente (attenzione a parlare di genitori biologici solo perche' hanno successivamente accettato l'eterologa per errore. L'uso di questo sostantivo e' asserito ma non dimostratato) ?

Abbiamo un possesso di figli senza titolo naturale, ma con titolo giuridico da presunzione.

Che costoro possano pensare di allevare un figlio concepito da altri, negandogli il patrimonio di chi lo ha concepito, definito erroneamente "diritto di sapere", e' una forzatura che nessun diritto puo' presuntivamente assumere, soprattutto per un errore di terzi.

I gemelli nati sono stati voluti da 4 genitori. Due li hanno concepiti, due li hanno partoriti sapendo di non essere propri.

Due dovranno prevalere, questo e' certo. Che prevalgano quelli consapevoli di un errore e per una presunzione giuridica ormai inattuale, mi sembra una follia. Per questo ex factis oritur ius.

Che i gemelli ci siano per amore di 4 persone, e' un fatto che dovranno accettare e far apprezzare anche ai figli.

 

11.08.2014

Spataro

Trib. Roma
Link: http://www.ricercagiuridica.com/sentenze/visual.ph

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Embrioni - Indice:
1. Ricerca piu' efficiente sugli embrioni
2. La piu' brutta e antidemocratica decisione dell'Europa
3. Stamina e i feti abortiti: si ferma la sperimentazione
4. Il diritto alla vita
5. AIGOC: solo 9.567 dei 99.251 embrioni trasferiti in utero nascono.
6. Vivisezione animale e su embrioni umani
7. Uno di noi: legge di iniziativa popolare europea - Anch'io sono stato embrione
8. Siamo nati e non moriremo mai piu' - Storia di Chiara Corbella Petrillo
9. 118.049 in attesa di nascere, se qualcuno li volesse
10. Da Brüstle alla Corte di cassazione sulla vita nascente



eventi sponsorizzati:


Store:

    





"I problemi più devastanti sono generati dall' indifferenza, dall'ignoranza , dalla mancanza di concretezza" - ProgettoNoemi.com

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store