Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 


Modello di atto di citazione - usura da mutuo bancario

Avv. Alberto Foggia - curatore dell'osservatorio di proc. civ.

adv iusondemand

Guide

Guida: amministratori condominiali su apertura conti e anticipazione di soldi propri per spese condominiali

L'amministratore può aprire un conto corrente intestato al condominio senza autorizzazione?
28.08.2012 - pag. 82047 print in pdf print on web

C

Cass. 7162 del 10 maggio 2012

Il caso

La Banca chiede un decreto ingiuntivo contro il condominio di circa 70 mila euro per saldo negativo di conto corrente.

Il condominio si oppone, chiamando tra l'altro a manleva l'ex amministratore.

 

L'amministratore può aprire un conto corrente intestato al condominio senza autorizzazione?

Certo che sì.

Anzi, la Corte giudica positivamente l'apertura di un conto corrente separato.

L'amministratore non è certamente obbligato ad aprire un conto corrente separato rispetto al suo patrimonio personale. Ma se lo fa, è meglio.

E' buona norma che "l'amministratore faccia affluire i versamenti delle quote condominiali su apposito e separato conto corrente intestato al condominio, per evitare confusioni e sovrapposizioni tra il patrimonio del condominio e il suo personale od eventualmente quello di altri differenti condomini, da lui amministrati".

Anche perchè "ciascun condomino possa costantemente verificare la destinazione dei propri esborsi e la chiarezza e facile comprensibilita' dell'intera gestione condominiale".

L'apertura del conto corrente non richiede dunque specifiche autorizzazioni assembleari (la Corte precisa che l'apertura di una linea di credito bancaria richiede invece autorizzazione).

 

L'amministratore può anticipare soldi propri per far fronte alle esigenze condominiali?

L'amministratore "puo' sicuramente anticipare fondi per effettuare pagamenti a favore di terzi (al riguardo, v. Cass., n. 1046/1974) (ad es., se alcuni condomini siano inadempienti)".

Ciò perchè "egli ha l'obbligo, ai sensi del comma 1, n. 3, di erogare le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni" e "nell'ambito di tali poteri, l'amministratore gode di ampia autonomia".

 

Sentenza integrale al link sotto indicato.

28.08.2012

Avv. Paolo Fais

Avv. Paolo Fais
Link: http://www.civile.it/condominio/visual.php?num=813

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Guide - Indice:
1. Fattura elettronica: App con faq / guida
2. GDPR: Privacy e assistenti virtuali in remoto
3. GDPR: nuove istruzioni
4. Sviluppato un nuovo strumento per pubblicare velocemente guide e banche dati personalissime
5. Gli approfondimenti disponibili per la comunita' WordPress
6. Come scegliere un computer economico nel 2016
7. Mantellini punta l'indice sugli aggiornamento obbligatori
8. La guida al parto anonimo per le donne che non vogliono riconoscere i figli
9. Tecnopraticanti: Meglio un ebook in epub o in pdf ?
10. Tecnopraticanti: Come usare WhatsApp sul lavoro


Store:

    





"No’ si volta chi a stella è fisso. " - Leonardo da Vinci

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store