Segui via: Newsletter - Telegram
 

"Art. 36 Rapporti tra genitori e figli 1. I rapporti personali e patrimoniali tra genitori e figli, compresa la potesta' dei genitori, sono regolati dalla legge nazionale del figlio." - Legge 31 maggio 1995, n. 218



Professioni    

I consigli dati a chi ha bisogno di un avvocato e non si sogna nemmeno di incaricarlo

Mercato ? Dove ? Pane e pesce ? Oggi c'e' solo la distanza dalle mura del castello dei professionisti dal mercato dei villici fuori le mura - Photo courtesy of Spataro - Castello di Carcassonne
17.02.2012 - pag. 80563 print in pdf print on web

M

Mio padre era un avvocato civilista che aveva esercitato per più di 50 anni.

E' stata una esperienza fantastica e durissima lavorare con lui per tanti anni.

Da lui ho imparato a gestire i problemi. Qualcosa che oggi dovrebbe insegnare la pratica, invece si riduce ad imparare quanto chiedere ai clienti e come fronteggiare le controparti.

Sta di fatto che chi lo conosceva lo chiamava per un aiuto, per un consiglio. Anche per una causa. E mio padre faceva ogni sforzo per  evitatare le cause.

Si': una volta si faceva cosi'.

Dopo decine di anni mi chiama il figlio di un cliente di mio padre.

Da dipendente diventa socio dopo pochissimo tempo, la proprietà lo incastra e lo mette in condizioni di uscire dalla società dopo poco. Però la proprietà chiede migliaia di euro per andare dal notaio e accettare l'uscita dalla societa'. Uso il termine proprietà per restare impersonale ed anonimo.

Quante ne capitano come questa ? Non poche.

Il dipendente esce frastornato, mi chiama e gli dico di prendere fiato. Sento solo le ragioni degli altri e niente delle sue ragioni.

Gli dico: "Hai x.000 euro da dare alla proprietà ?" "No."

"Glieli vuoi dare senza un consulente che ti segue nel testo dell'accordo e negli aspetti pratici, vista la fregatura ?" "Beh ..."

"Sei matto ? Non ti costa meno un avvocato ?" "Ma non ho i soldi per l'avvocato". "Li hai per l'altro ? E come glieli dài, così ?".

Insomma, dopo numerose mie insistenze, si è rivolto ad un avvocato che gli ha detto le mie stesse cose.

Ma insomma: possibile che gli avvocati non possano parlare di come gestire queste situazioni dai propri blog, quali i vantaggi e quali i rischi di fare da soli ? E, perchè no, dei costi ?

Non sto parlando di cambiare la deontologia, ma di cambiare la mentalita'.

I clienti hanno dei problemi, ormai non si sognano nemmeno di andare dall'avvocato per principio. Meglio essere tartassati dalla controparte, almeno so cosa mi chiede e glielo do'.

Vogliamo svegliarci ? Basta battaglie sui minimi, qui si tratta di ricostruire un mercato che i rappresentanti degli avvocati e troppi avvocati hanno distrutto, minando quella fiducia che viene tanto sbandierata per proteggere il decoro di una professione.

Non c'è più decoro perchè è finito il mercato. Non c'è più l'avvocato di una volta perchè non c'è più il mercato di una volta, ci sono problemi nuovi da affrontare in modo nuovo con strumenti nuovi.

Si vuole pensare solo alle aziende, alle parcelle stratosferiche, o si vuole gestire anche una nutrita clientela piccola ma importante per il passa parola ?

Non c'è più il mercato di una volta e non si è aperto un nuovo mercato.

Questo significa che ogni avvocato può ricostruirlo e diventare quello che nessun altro fa.

Teoria. Certo. Si'. Buone parole. Si'. Da bar.

Poi c'è la realta': gli Ordini che avviano procedimenti contro i giovani che provano a costruire un mercato, il proprio mercato, la propria clientela e la propria immagine pubblica.

Cose che non si sono mai studiate. E' il momento di iniziare a studiarle e pensarci, perchè è per questo che non c'è mercato. L'avvocato non vuole pensare a cosa serve al cliente. E' l'occasione giusta per quei pochi che ci pensano e ci lavorano con professionalita'.

Ripeto: non è il primo che preferisce pagare invece di farsi assistere. Oppure che non paga perchè aspetta la causa, invece di rispondere con la giusta forza con un proprio legale.

Peccato perdere lavoro utile al cliente. Non trovate ?

Secondo te che leggi, cosa serve oggi per risolvere il problema ?

 

 

 


Condividi su Facebook

17.02.2012 Spataro

Spataro

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

    






"Art. 36 Rapporti tra genitori e figli 1. I rapporti personali e patrimoniali tra genitori e figli, compresa la potesta' dei genitori, sono regolati dalla legge nazionale del figlio." - Legge 31 maggio 1995, n. 218








innovare l'informatica e il diritto


per la pace