Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Perche' non si sconvolgono i palinsesti programmando finalmente i grandi film, i grandi concerti di musica classica, di jazz, di pop, i documentari sulla vita e le opere dei grandi pittori, dei grandi scultori, dei grandi architetti, la lettura dei testi dei grandi scrittori, la prosa, la poesia, la danza, insomma perche' non diamo la possibilita' a milioni di utenti di scoprire che c'e' altro?" - Pupi Avati


Wfc

Cassandra: I sacrifici degli italiani e la Corte dei Conti

Si prendono i soldi dove sono alla luce del sole. Si prendono anche dai soliti noti, e non si fanno i conti di chi gode di tutte le esenzioni, ICI compresa. E non si ascolta la Corte di Conti, la Cassandra di ogni epoca. Photo courtesy of svilen001
12.12.2011 - pag. 79973 print in pdf print on web

S

Sto leggendo troppe sciocchezze di questi tempi.

 

^ La prima oggi: per tagliere le spese prima bisogna studiare quali sprechi ci sono.

Ebbene, se i giornali leggessero la relazione integrale della Corte dei Conti questa implora l'ascolto del Governo.

Dice, senza giri di parole: se volete tagliare, l'elenco degli sprechi lo pubblichiamo da anni. Basta prenderlo e usarlo.

Chiaro questo fatto ?

 

^ Secondo: i sacrifici sono per tutti.

Balle. I prezzi stanno aumentando da subito, le riduzioni di spesa no. Fra anni. Per un solo motivo: Monti e', nella peggiore delle ipotesi, un gigante con i piedi d'argilla sulla sabbia.

Non ha appoggio in Parlamento. E' lo stesso Parlamento di Berlusconi di qualche mese fa, sia pure senza Lega, ma con il Pd. Questa classe politica e' rimasta tutta li' e lascia che l'immagine se la disfi Monti.

Nella migliore delle ipotesi non sara' un gigante e potra' galleggiare. Ma se si credera' un gigante anche per un solo minuto, il Parlamento lo sfiducia. Quando ? Quando il rischio di elezioni non sara' superiore alla sfiducia. Questo Parlamento vuole andare avanti fino alle elezioni, e' evidente. Solo questa e' la forza di Monti, la fiducia negli interessi personali di troppi parlamentari.

 

^ Terzo: inflazione.

Non riesco ad usare la parola stagflazione, mi fa troppa paura. Ma ormai e' evidente: alzare i prezzi per ridurre il debito reale, svalutando il valore dei soldi, in barba al patto di stabilita'.

La manovra di Monti e' prima di tutto generatrice di inflazione.Chi ha orecchie, intenda.

 

^ Quarto: ICI

Vorrei tanto un censimento integrale con numeri e non battute demagogiche di chi non paga l'ICI in Italia.

I giornali omettono accuratamente di indicare tutti i beni esenti ICI.

Via twitter @termozeta mi conferma il dubbio: "ici esenti se esclusive assistenz previdenz sanitarie didattic ricettive cultural ricreat sport 504/92 "

Queste sono tutte le attivita' esenti ICI.

Altri mi dicono che vi rientrano i sindacati.

Ma tutti si lamentano delle attivita' commerciali della Chiesa.

Vogliamo fare i conti o vogliamo togliere i soldi a chi non ci e' simpatico, come ai tempi degli Ebrei ?

 

 

^ Quinto: la nullita' dei contratti finanziari

Rispetto delle regole. Eccessiva onerosita' sopravvenuta. Contratti per causa illecita. Tutti istituti giuridici utili per dichiarare nulli i debiti creati ad arte da talune finanziarie al di fuori di ogni controllo.

Su questa strada il nulla. Non si sa nemmeno a chi dobbiamo dare i soldi. E nessuno che prenda la penna e dica quanto dobbiamo dare a chi, e perche' ?

In cambio di un esproprio, quale e' ogni patrimoniale, sarebbe il minimo sapere a chi andranno i nostri soldi.

Ma questo se fossimo un mondo perfetto.

A noi non resta che continuare a cavalcare quello che nel mondo, oggi, funziona. E per fortuna ci sono mille opportunita'.

Da cogliere solo con adeguata apertura mentale. Ma ci sono.

 

 


Condividi su Facebook

12.12.2011 Spataro

Spataro

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto