Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Qui tutto e' cambiato" - Un carcerato dopo la visita di Papa Francesco


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Mediazione

Mediazione: ora parte l'assistenza necessaria degli avvocati nei procedimenti di conciliazione obbligatoria

Il comunicato del Ministero di Giustizia, annunciato da @pbonaca su Twitter
11.05.2011 - pag. 77795 print in pdf print on web

M

Mediazione Civile: Accordo raggiunto tra rappresentanti Avvocatura e ministero Giustizia
 11 maggio 2011

Ad esito di una ampia ed approfondita discussione, terminata a notte fonda, su tutti i nodi più complessi dell’amministrazione della Giustizia civile e del ruolo dell’avvocatura, il ministro della Giustizia, i rappresentanti del CNF ed i presidenti degli Ordini e delle Unioni regionali che hanno accolto l’invito a partecipare all’incontro, si è convenuto di introdurre l’assistenza necessaria degli avvocati nei procedimenti di conciliazione obbligatoria  e di costituire una cabina di regia permanente tra il ministro e l’avvocatura per risolvere il problema urgente dello riduzione dell’arretrato civile,  con il coinvolgimento dell’avvocatura nella giurisdizione, la promozione della negoziazione assistita affidata ai difensori, la introduzione di limiti per valore alla conciliazione obbligatoria o, in alternativa, la fissazione di tariffe graduate.

La riunione ha segnato un risultato positivo che CNF ed Ordini hanno ottenuto, per la prima volta, dopo molti mesi di tensione, superando polemiche e pregiudizi.

“Oggi ricomincia un cammino comune per il bene della Giustizia in Italia  - ha affermato il Guardasigilli a termine della riunione – questo cammino comune -conclude Alfano- porterà grandi risultati ai cittadini nel segno della efficienza della Giustizia civile”.


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Solo tu mi hai donato | un sorriso che nasce anche quando un motivo non c'e'" - Francesco Renga




innovare l'informatica e il diritto