Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Ogni lettore, quando legge, legge se stesso." - Marcel Proust


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Vorrei tanto

Lettera aperta all'ABI e alla Banca d'Italia

10 pagine di modifiche contrattuali ogni estratto conto ????
25.08.2010 - pag. 74807 print in pdf print on web

S

Stimati enti,

Comprendo gli adempimenti di legge e l'obbligo di trasparenza.

Sono sinceramente impossibilita' pero' di venire derubato ad ogni estratto conto delle ore necessarie per leggere il legalese e il burocratese espresso nelle comunicazioni di modifica delle condizioni dei conti correnti.

Cosi' non e' comunicare nulla anche se si usa parole tratta dal vocabolario italiano (quando va bene).

Quale informazione e' quella di chi cambia le condizioni continuamente unilateralmente in cosi' tanti aspetti da non sapere piu' di cosa si sta parlando ? Credete che la banche abbiano il diritto di chiedere ai clienti di leggere 10 pagine di condizioni contrattuali e capire cosa c'e' di nuovo ?

Da oggi ritengo tali fogli inviati non comunicazioni bancarie ma comunicazioni di nulla finche' non si utilizzeranno modalita' e linguaggi consoni al dettato imposto dal codice civile dell'esecuzione dei contratti in buona fede.

Le banche parlino la lingua italiana e si facciano capire anche da bambini, come imposto dalla direttiva ecommerce che andrebbe applicata ai contratti bancari, se si potesse.

Ogni mese decine di pagine incomprensibili e che ci vengono fatte pagare.

Ironia della malasorte, la comunicazione mi viene inviata dieci giorni dopo la chiusura del conto in esame.

Vogliate richiamare le banche sui punti sopra esposti o revocare l'autorizzazione necessaria per operare sul mercato.

Distintamente,

dott. Valentino Spataro


Condividi su Facebook

25.08.2010 Spataro

Spataro

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Art. 32: Nessuno puo' essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non perdisposizione di legge. La legge non puo' in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. " - Costituzione italiana




innovare l'informatica e il diritto