Segui via: Newsletter - Telegram
 
"La tragedia di questo paese non sono i deliquenti, ma quelli che sostengono i deliquenti" - Piercamillo Davigo


Salute

Arriva il registro delle protesi mammarie e il divieto per le minorenni

Come per le automobili, per rifarsi il seno bisognerà aspettare la maggiore età ... Approvato il disegno di legge - Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali - Nella foto (courtesy of Spataro): la strada verso il rifarcimento artificiale precoce e' stata fermata...
11.12.2009 - pag. 70563 print in pdf print on web

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

I

Il Consiglio dei Ministri ha approvato oggi il DDL che reca l’istituzione del Registro delle protesi mammarie e vieta l’impianto ai minori di 18 anni.

In proposito il Sottosegretario alla Salute On.le Francesca Martini ha dichiarato:

 

“Esprimo grande soddisfazione per l’approvazione di un provvedimento che ritengo fondamentale a tutela della salute di tutte le donne che accedono ad un intervento di protesi mammaria, anche per puro motivo estetico, e non potevano essere lasciate nell’attuale Far West. L’istituzione del Registro interviene fornendo un protocollo che coinvolge la piena tracciabilità dell’intervento, delle protesi utilizzate e del follow-up della paziente.

"Permetterà, inoltre, di proseguire nelle attività di screening per la diagnosi precoce del tumore al seno con consapevolezza rispetto al numero delle donne impiantate in Italia, nel rispetto della loro privacy. ^ Sottolineo, inoltre, l’importanza del divieto di impianto a fini estetici per le minori di 18 anni.

"Questa norma rappresenta uno “stop” a tutela delle adolescenti al dilagare di una inconsapevolezza diffusa che rasenta l’incoscienza rispetto all’accesso ad interventi di protesi mammarie che comportano rischio clinico e che non possono diventare fattore di moda o di costume.

"Va inoltre evidenziata la fondamentale importanza, sempre e comunque, di un reale consenso che coinvolga la piena informazione della paziente relativamente all’intervento, ai materiali e alle tecniche utilizzate, al decorso clinico, nonché ai potenziali fattori di rischio"


Condividi su Facebook

11.12.2009 Spataro

Min. salute e lavoro

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto