Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Anche se si stabilisse per tutti una proprieta' giusta, non se ne trarrebbe alcun vantaggio: in realta' si devono equilibrare i desideri piu' che le sostanze ... equilibrio tra possesso e educazione" - Aristotele in Politica


Le basi operative del GDPR

Valutazione: 4.55 su 5

adv IusOnDemand

Studi settore

Gli strumenti presuntivi di accertamento del reddito introdotti dal 1989: natura e conseguenze sul piano probatorio.

RELAZIONE N. 94 DEL 9 LUGLIO 2009
30.07.2009 - pag. 69442 print in pdf print on web

G

Gli strumenti presuntivi di accertamento del reddito introdotti dal 1989: natura e conseguenze sul piano probatorio.

  • 1. Premessa.
  • 2. I coefficienti presuntivi.
  • 2.a. Le norme.
  • 2.b. I coefficienti secondo la Corte costituzionale.
  • 2.c. La giurisprudenza della Sezione V sui coefficienti.
  • 2.d. La dottrina sulla natura dei coefficienti.
  • 3. La c.d. “minimum tax”.
  • 3.a. Le norme.
  • 3.b. La valenza probatoria della “minimum tax”.
  • 4. I parametri.
  • 4.a. Le norme.
  • 4.b. Il contraddittorio con il contribuente.
  • 4.c. L’elaborazione ed applicazione dei parametri: considerazioni pratiche.
  • 4.d. Segue: considerazioni sulla incoerenza interna dei parametri.
  • 4.e. I parametri secondo la Corte costituzionale.
  • 4.f. La giurisprudenza della Sezione V sui parametri.
  • 4.g. La dottrina sulla natura dei parametri.
  • 5. Gli studi di settore.
  • 5.a. La disciplina degli accertamenti basati sugli studi di settore.
  • 5.a.1. Le norme.
  • 5.a.2. Segue: i presupposti dell’accertamento; il contraddittorio con il contribuente.
  • 5.a.3. Il funzionamento degli studi di settore in generale.
  • 5.a.4. Il c.d. intervallo di confidenza.
  • 5.a.5. Gli indicatori di normalità economica: fase transitoria e definitiva.
  • 5.b. La natura degli studi di settore secondo le circolari ministeriali. La relazione della Commissione “Rey”.
  • 5.c. La giurisprudenza della Sezione V sugli studi di settore.
  • 5.d. La natura degli studi di settore secondo la dottrina.
  • 5.d.1. L’inquadramento sistematico degli accertamenti basati sugli studi di settore.
  • 5.d.2. I vari orientamenti sulla natura degli studi di settore: quadro generale.
  • 5.d.3. Il concetto di gravi incongruenze.
  • 5.d.4. La tesi degli studi di settore come presunzioni legali relative: approfondimento. La teoria della natura sostanziale degli accertamenti basati sugli studi di settore.
  • 5.d.5. La tesi degli studi di settore come presunzioni semplici: approfondimento.
  • 5.d.6. Le due tesi a confronto: ulteriori argomenti a favore della natura di presunzione semplice.
  • 5.d.7. La natura degli studi di settore a seguito dell’introduzione degli I.N.E. transitori.
  • 5.e. Accertamento e processo nelle due principali opzioni interpretative.
  • 5.e.1. Quadro generale
  • 5.e.2. Il contraddittorio.
  • 5.e.3. La motivazione dell’atto di accertamento.
  • 5.f. Il dibattito sulla costituzionalità della disciplina degli studi di settore.
  • 6. Conclusioni. 


Condividi su Facebook

30.07.2009 Spataro

CorteDiCassazione.it Link: http://www.cortedicassazione.it/Notizie/SchedaNews

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Papa ti vogliamo tanto bene, non ti dimenticare di noi come noi non dimentichiamo te nella preghiera. Aiutaci ad avere una condizione dignitosa, vogliamo lavorare. Ma c'e' il problema della residenza, dei documenti. Senza, il padrone non ci fa il contratto" - migrante in baraccopoli




innovare l'informatica e il diritto