Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Art. 35 - La Repubblica ... Riconosce la liberta' di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell'interesse generale, e tutela il lavoro italiano all'estero. " - Costituzione Italiana


Arte

Tre artisti contemporanei al palazzo di Giustizia di Milano. La giustizia e i suoi simboli

BEATTIE – MIYAHARA – ROTA.

Milano, Palazzo di giustizia (largo Marco Biagi)

24 settembre - 30 ottobre 2009

21.09.2009 - pag. 69406 print in pdf print on web

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

L

L’esposizione, dal titolo La giustizia e i suoi simboli, presenterà 28 opere di Basil Beattie, Mitsuo Miyahara e Aldo Rota, che dialogheranno con i capolavori presenti nello storico edificio disegnato da Marcello Piacentini.

L’arte contemporanea dialoga con i simboli della giustizia e per la prima volta lo fa all’interno di uno dei suoi luoghi simbolo. Questo propone la mostra La giustizia e i suoi simboli, organizzata da B-artcontemporary, col patrocinio della Regione Lombardia, della Provincia di Milano, del Comune di Milano che, dal 24 settembre al 30 ottobre 2009, verrà ospitata dal Palazzo di Giustizia di Milano.

L’esposizione è curata da Victor de Circasia e presenterà 28 opere di tre artisti, Basil Beattie, Mitsuo Miyahara e Aldo Rota, che hanno lavorato, usando come fonte d’ispirazione, il tema della giustizia, i suoi simboli, il rapporto emotivo tra l’essere umano e il processo, dialogando con i grandi capolavori presenti nel Palazzo di Giustizia di Milano e la grande fisicità dell’edificio disegnato da Marcello Piacentini.

 

Basil Beattie (1935), uno dei maggiori artisti astratti britannici, ha sempre volto la sua attenzione su due principali soggetti  - il suo intimo e la terra – e le immagini che ne risultano, rappresentano un comune, ma profondamente personale, senso dell'ordine. Nei decenni Beattie ha utilizzato tratti giocosi, piacevoli ed intriganti. La sua visione si è poi lentamente evoluta dalla metà degli anni Novanta, acquisendo un senso più ampio dei luoghi e dello spazio.

Le opere recenti contengono un forte richiamo ai primi lavori e sono una testimonianza del trascorrere del tempo, testimoniato da Beattie con l’incondizionato apprezzamento delle cose più care.

Il giapponese, ma torinese d’adozione, Mitsuo Miyahara (1948) ha concentrato la sua attenzione sul tema del progetto, con un’installazione site specific composta da 18 pannelli dipinti che costituisce una testimonianza pubblica del suo profondo studio della simbologia della giustizia. Invece di porre in evidenza come lo spettatore interpreta il rapporto con le immagini, Miyahara offre una serie di elementi per studiare la simbologia dei segni. Diversamente dagli altri suoi interventi, per i quali l’artista ha tratto i soggetti dalla natura e dal paesaggio, in questo caso trae i riferimenti interamente dall'esperienza quotidiana.

^ Aldo Rota (1941) presenta una serie di 8 tele in cui la pittura è in rilievo e mostra una superficie contorta che fa riferimento al passato più antico e alla trasformazione dei materiali quotidiani in un’idea simbolica e inorganica. I suoi dipinti, che fanno riferimento alla fisicità del palazzo e alla fisicità intellettuale della giustizia, sono allo stesso tempo sommersi e di immediata percezione, ricchi di gestualità e di esplosioni di colore monocromo, in modo da essere percepiti come sensazioni ancor più che come segni.

 

Questa mostra sarà anche l’occasione per ammirare l'importante collezione di opere presenti all’interno del Palazzo di Giustizia.

Accompagna l’esposizione un catalogo edizioni B-artcontemporary.


Orari: da lunedì a venerdì, dalle 8.00 alle 17.00; sabato, dalle 8.00 alle 13.00.

Ingresso libero

Catalogo: edizioni B-artcontemporary


Condividi su Facebook

21.09.2009 Spataro

Tribunale Milano

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)
Location: milano

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto