Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Tutti valgono più di quello che pensano. Alcuni meno di quelli che credono" - Henry David Thoreau


Creative commons

Siae e Creative Commons: qualcosa si muove per gli iscritti in esclusiva

Gli autori potranno distribuire in modo diverso ?
12.01.2009 - pag. 67236 print in pdf print on web

I

Iscriversi alla Siae significa conferire alla Siae l'esclusiva dell'intermediazione sui diritti.

L'autore che voglia distribuire direttamente le proprie opere, al momento, non puo' aggirare la Siae.

Qualcosa sembra cambiare:

Il 23 dicembre 2008 a Roma si è formalizzata la costituzione del Gruppo di Lavoro Giuridico misto, composto da rappresentanti della SIAE e dagli esponenti del gruppo di lavoro Creative Commons Italia, tra i quali, l’Avv. Deborah De Angelis ed un altro compente CC indicato, di volta in volta, per ciascuna riunione.

Il Gruppo di Lavoro Giuridico misto, che si incontrerà a Roma, presso la sede della Direzione Generale della SIAE, indicativamente ogni 15 giorni, svolgerà uno studio approfondito per dare la possibilità agli autori che hanno optato per il rilascio delle proprie opere con licenze libere, riservandosi gli usi commerciali, di affidare alla SIAE la raccolta e distribuzione dei relativi proventi.

Il primo incontro ha avuto luogo ieri, 9 gennaio 2009.

Torino, 10 gennaio 2009

CREATIVE COMMONS ITALIA
Il gruppo di lavoro Creative Commons Italia gestisce, su mandato di Creative Commons Corporation (http://creativecommons.org) e su base volontaria, la versione italiana delle licenze Creative Commons, ne spiega il  funzionamento e ne promuove l'utilizzo.
Gestisce inoltre il sito ufficiale http://creativecommons.it, dove sono  disponibili ulteriori informazioni e notizie su Creative Commons.
Creative Commons Italia è un progetto del Centro NEXA su Internet & Società del Politecnico di Torino, http://nexa.polito.it.

 


Condividi su Facebook

12.01.2009 De Martin

De Martin Link: http://nexa.polito.it

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto