Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Non ho fede nei dottori ma se mi ammalo voglio morire scientificamente" - San Pio X


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Divorzi

Fabbrica dei divorzi e recessione: chi ha ragione ?

Continua l'attenzione su un testo veramente fuori dal coro. (Segnalazione dell'avv. Battaglini di Mestre)
23.10.2008 - pag. 66694 print in pdf print on web

A

Abbiamo intervistato l'avv. Fiorin che potete leggere anche al link indicato, su Zenit.org (Segnalazione dell'avv. Battaglini di Mestre).

Una domanda provocatoria. C'e' una norma che prevede il mantenimento del tenore di vita per il coniuge piu' debole anche dopo il divorzio.

Resta inascoltato il grido di aiuto delle associazioni che aiutano i poveri: sempre piu' padri divorziati sono alle mense dei poveri.

In una fase di recessione sapete perche' non fara' notizia ? Perche' fare un pignoramento ad uno spiantato sara' semplicemente inutile.

Ma e' ingiusto che una norma imponga il mantenimento del tenore di vita fino a che non ti fai una nuova famiglia (legale, non di fatto). 

Siamo quasi all'assistenza previdenziale coatta privata.

A me pare incostituzionale. Cosa ne pensate ?

 


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Non ne ho mai vista una donna felice del suo aborto. Anzi, molte sono divorate per sempre dal senso di colpa. " - medico abortista in dubbio




innovare l'informatica e il diritto