Segui via: Newsletter - Telegram
 
"La guerra che genera guerra, un terrorismo contro l'altro, tanto a pagare saranno poi civili inermi. Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra" - Gino Strada


Certificato energetico

Case: Il certificato energetico in Lombardia e i tempi di applicazione

I lettori ci aiutano a scoprire che il certificato energetico e' previsto anche da due delibere della Regione Lombardia. Vediamo come. - Photo courtesy of kaike75
16.09.2008 - pag. 61309 print in pdf print on web

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

O

Ogni giorno arrivano commenti dai lettori di Civile.it.

 

IL QUADRO NAZIONALE

Uno degli ultimi riguarda la certificazione energetica che, nel caos applicativo, e' stata "sospesa".

Consisteva nella necessità, prima di disporre di un immobile (vendita o locazione), di un certificato che attestasse la conformità degli impianti (e per impianti intendo anche il campanello di casa o l'antenna della tv) alle norme esistenti.

Un caos che la confedilizia ha giustamente denunciato. Una norma che minava la certezza dei rapporti commerciali perche' bastava un filo scoperto perche' l'impianto non fosse conforme e la vendita ... nulla. Anche i notai spiegavano che non potevano fare atti senza mille carte.

Carte che avrebbero dovuto fare le attuali imprese, stavolta iscritte ad un albo che non e' mai stato istituito.

 

NELLE REGIONI

A parte, questo, in Toscana sappiamo che sono avanti.

Il lettore (il cui sito linkiamo anche in fondo) ci segnala che in Lombardia si e' iniziato un percorso di certificazione.

Piu' precisamente, da ORS: Il Lombardia la certificazione energetica è prevista nel Piano d'Azione per l'Energia.

Il CENED, l'Organismo Regionale di Accreditamento si occuperà dell'attuazione (oltre che elencare i professionisti abilitati).

"La certificazione energetica dovrà venire applicata:

  • per tutti gli edifici, nel caso di trasferimento a titolo oneroso dell'intero edificio (dal 1 settembre 2007);
  • nel caso di edifici di proprietà pubblica (dal 1 settembre 2007 ed entro il 1 luglio 2009);
  • nel caso di contratti "servizio energia", nuovi o rinnovati, relativi ad edifici pubblici o privati (a decorrere dal 1 gennaio 2008);
  • nel caso di trasferimento a titolo oneroso delle singole unità immobiliari (a decorrere dal 1 luglio 2009);
  • nel caso di locazione dell'intero edificio o della singola unità immobiliare (a decorrere dal 1 luglio 2010)." (da ORS).

 

LE DELIBERE DELLA REGIONE LOMBARDIA

Al momento tutto poggia su due delibere:

  • Indirizzi inerenti l'applicazione di riduzione degli oneri di urbanizzazione in relazione a interventi di edilizia bioclimatica o finalizzati al risparmio energetico (L.R. 12/2005 Art. 44, comma 18) (riguardante gli immmobili nel momento di costruirli)
  • Procedura di calcolo per certificare il fabisogno energetico degli edifici, in attuazione dell'Art. 29 della L-R. 26/2003 e dell'Art. 25 della L.R. 24/2006. I (primo) provvedimento, (riguarda la certificazione degli immobili esistenti)

 

CONSIGLI PRATICI

Il Dott.Ing.Claudio MASOCH ci scrive due informazioni utilissime (lo ringraziamo qui pubblicamente):

"Il testo delle delibere si trova nel sito http://www.cened.it nella sezione "Normativa Regionale , il DGR. VII / 5773 è operativo in Regione Lombardia dal 01 Settembre 2007.
Nel sito www.notariato.it ricercando con la parola "certificazione" si rende disponibile il parere e i consigli dei notai per le Regioni che hanno normativa specifica per la certificazione energetica."

 

CONCLUSIONI

Insomma: l'Italia torna all'autonomia locale. Ogni Regione va avanti per una propria strada. Il patrimonio immobiliare italiano e' mediamente vecchio, se non antico. In certi casi sara' proprio una terna al lotto, in altri semplicemente costoso.

Cio' non toglie che il risparmio energetico si puo' ottenere ed e' utile, ma come troppo spesso succede, a volte diventa solo un ulteriore balzello senza vantaggi. A volte no, naturalmente. Ma minare la certezza di una vendita per la mancanza di un documento, quando chi comprava si poteva informare e accettare tutto, e' soggetto a valutazione dei giuristi.

Una volta insomma bastava vendere nello stato di fatto e di diritto in cui si trovava qualcosa. Ora una deroga al principio mina questa certezza.

 

ALLEGATI (da ors.regione.lombardia^ e Notariato.it e Cened):

 


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto