Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Chi rinuncia alla libertà per raggiungere la sicurezza, non merita né la libertà né la sicurezza." - Benjamin Franklin


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Eutanasia

Ancora sul testamento biologico: vuoto normativo o ingerenza ?

04.09.2008 - pag. 61230 print in pdf print on web

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

B

Bisogna leggere e riflettere. Senza dare per scontato nulla.

"Un’interpretazione non sofistica della normativa esistente, che impedisce di togliere la vita a chiunque, sarebbe in realtà più che sufficiente. "

L'idea e' corretta. La valutazione "non sofistica" no. Il giudice (collegio) d'appello di Milano tutto ha fatto fuorche' cercare di piegare la realtà ad una conclusione.

Chi ha letto il testo della sentenza (pochi, anche tra gli interessati), vedrà la fatica di arrivare alla conclusione. Fatica non celata.

 

Su un fatto siamo in molti d'accordo: non si puo' togliere l'alimentazione a qualcuno. La nozione di morte a qualcuno che mangia, ma non si puo' muovere e non capisce nulla, da anni, e' tutta da scrivere.

Proponevo ad un amico magistrato l'utilizzo del criterio della ragionevolezza (che significa non avere nulla di meglio da proporre): superato un certo numero di anni senza coscienza, senza attività muscolare, ma solo vegetativa, presupporre per legge la morte.

Mi ha obiettato che prima o poi qualcuno avrebbe chiesto di ridurre il numero di anni, che io proponevo 15. Quindici anni per vegetare, poi assistere la morte.

La mia proposta, che puo' (ed e') sembrare sia pratica che ingiusta deriva dal fatto che i neuroni non ci sono piu'. Il cervello si atrofizza, al pari dei muscoli, e perde funzionalità. Tornare in vita cosciente sarebbe una condanna peggiore, la coscienza sarebbe quella di un criceto nel corpo di un ippopotamo atrofizzato.

Qualcuno diceva che il diritto non sempre e' giusto, ma risolve i conflitti delle persone. I problemi di convivenza. Trovando un equilibrio. Ditelo a ci si occupa di diritto fallimentare.


La morte per inedia non si da' nemmeno agli animali di casa
Nel caso tanto famoso (non diro' il nome) non ho dubbio che togliere da mangiare e aspettare ^ la morte per inedia sia una violenza che non si deve dare ne' ai cani ne' ai vegetali ne' agli esseri umani.

Il giudice, sul punto, ha dato un criterio di buone intenzioni ma di pessima applicazione pratica, senza dare argomentazioni giuridiche su questo punto. E come si potrebbe ? L'ha fatto perche' al giudice si chiede di risolvere problemi, non di fare leggi. E il caso concreto, particolare e unico, non giustifica di denegare un pronunciamento.

Cio' non toglie che il problema esista e va affrontato con grande onestà intellettuale ma non solo in teoria, anche in pratica.

Ci vuole un compromesso ? Non credo. Ci vuole una regola che aiuti tutti.

Se cercheremo un compromesso nessuno sara' soddisfatto.

Se indicheremo un valore da seguire, pensiamo ad ogni aspetto pratico. Troppa ragion teorica e' peggio di troppa ragion pratica.


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Art. 47. La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l'esercizio del credito. " - Costituzione Italiana




innovare l'informatica e il diritto