Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"La liberta' non appartiene a nessuno: siamo noi che apparteniamo a lei" - Babakar Mbaye Ndaak


Modello di atto di citazione - usura da mutuo bancario

Avv. Alberto Foggia - curatore dell'osservatorio di proc. civ.

adv iusondemand

Cassazione

Imposte e tasse - Plusvalenza da avviamento - Accertamento ai dini dell'imposta di registro - Utilizzazione ai fini dell'accertamento per le imposte dirette

Sentenza Cassazione 18.7.2008 n. 19830 - Confermata la legittimitā dell'accertametno induttivo basato sulla rettifica, ai fini del registro, del valore della cessione d'azienda.
05.08.2008 - pag. 61178 print in pdf print on web

L

L'amministrazione finanziaria è legittimata a procedere in via induttiva all'accertamento del reddito da plusvalenza patrimoniale relativa al valore di avviamento, realizzata a seguito di cessione di azienda, sulla base dell'accertamento di valore effettuato in sede di applicazione dell'imposta di registro, ed è onere probatorio del contribuente superare (anche con ricorso ad elementi indiziari) la presunzione di corrispondenza del prezzo incassato con il valore di mercato accertato in via definitiva in sede di applicazione dell'imposta di registro, dimostrando di avere in concreto venduto ad un prezzo inferiore.

Testo:

Con l'unico motivo l'amministrazione finanziaria, lamentando la violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39 e del D.L. 30 agosto 1993, n. 331, art. 62 sexies, comma 3, convertito nella L. 29 ottobre 1993, n. 427, osserva anzitutto che ai fini dell'imposta di registro era stato dichiarato un valore dell'azienda notevolmente inferiore rispetto a quello determinato dall'Ufficio sulla base della presenza di beni di azienda e di movimentazioni contabili, analiticamente indicati nel provvedimento impugnato. La presunzione a favore dell'amministrazione non era stata però contrastata dal contribuente attraverso la produzione di prove del valore di mercato dei beni ceduti. Il valore dell'azienda così ricostruito aveva indotto l'Ufficio ad accertamenti ulteriori, dai quali era emersa una percentuale di ricarico sul costo del venduto di L. 64.984.000, pari al 29%, irrisoria in relazione all'attività di commercio ambulante di abbigliamento - per la quale gli studi di settore indicano percentuali di ricarico dal 50% al 100% -, sicchè la percentuale del 50% applicata era favorevole al contribuente.
Censurava poi la sentenza per vizio di motivazione per il mancato esame del punto decisivo della controversia rappresentato dalla fondatezza dell'accertamento e dalla incontrovertibilità dei dati effettivamente riscontrati.
Il ricorso è manifestamente fondato.
Secondo il principio ripetutamente enunciato da questa Corte, "l'amministrazione finanziaria è legittimata a procedere in via induttiva all'accertamento del reddito da plusvalenza patrimoniale relativa al valore di avviamento, realizzata a seguito di cessione di azienda, sulla base dell'accertamento di valore effettuato in sede di applicazione dell'imposta di registro, ed è onere probatorio del contribuente superare (anche con ricorso ad elementi indiziari) la presunzione di corrispondenza del prezzo incassato con il valore di mercato accertato in via definitiva in sede di applicazione dell'imposta di registro, dimostrando di avere in concreto venduto ad un prezzo inferiore" (Cass. n. 21055 del 2005, n. 4117 del 2002, n. 12899 del 2007). Ad un siffatto principio la sentenza impugnata non si è attenuta.
Quanto all'applicazione delle percentuali di ricarico, questa Corte ha affermato, in tema di imposte sui redditi di impresa minore, che "perchè sia legittima l'adozione, da parte dell'ufficio tributario, nell'accertamento di un maggior reddito d'impresa, del criterio induttivo di cui al D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39, comma 2, non basta il solo rilievo dell'applicazione da parte del contribuente di una percentuale di ricarico diversa da quella risultante da uno studio di settore, ma occorre che risulti qualche elemento ulteriore incidente sull'attendibilità complessiva della dichiarazione (In applicazione di tale principio la Corte ha ritenuto legittima l'applicazione del metodo induttivo in considerazione del fatto che il contribuente, nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo in contestazione, aveva omesso di indicare il valore delle rimanenze di esercizio e non aveva mai assolto all'incombente di esibire il relativo prospetto, alla cui tenuta sono obbligate anche le imprese soggette a contabilità semplificate)" (Cass. n. 9946 del 2003).
Il ricorso va pertanto accolto e la sentenza impugnata va cassata con rinvio ad altra sezione della Commissione tributaria regionale della Campania.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso e cassa la sentenza impugnata con rinvio ad altra sezione della Commissione tributaria regionale della Campania.
Così deciso in Roma, il 27 marzo 2008.
Depositato in Cancelleria il 18 luglio 2008

05.08.2008

Franco Ionadi

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Cassazione - Indice:
1. Danno alla salute e quantificazione come sinistro stradale: Cassazione civile III civile n. 28986 del 2019
2. Cassazione su Pedone e esclusione della responsabilitā del conducente
3. La liquidazione del danno biologico negli infortuni sul lavoro
4. Ricorso in cassazione inammissibile: condanna per lite temeraria
5. L'omesso esame di un fatto decisivo quando č denunciabile in Cassazione?
6. Sorpasso pericoloso, concorso di colpa, imprevedibilitā e visibilitā limitata
7. Cassazione: la rinuncia della rivalsa in caso di ebbrezza puo' essere prevista da una polizza super
8. Mutui: clausola risolutiva espressa e banca
9. Sms e email: necessario il disconoscimento specifico
10. Il danno non patrimoniale da uccisione dei prossimi congiunti



eventi sponsorizzati:


Store:

    





"#NonEsistonoCausePerse" - Antonio Mumolo, pres. Avvocato di strada

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store