Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Amarsi un pó" - Lucio Battisti


Sentenze

Imposte e Tasse - Cessione d'azienda - Responsabilità solidale dell'acquirente cessionario

Sentenza Cassazione 18.6.2008 n. 16476 - La particolare natura dei debiti tributari e i suoi effetti.
05.08.2008 - pag. 61177 print in pdf print on web

I

In ipotesi di cessione d'azienza, data la particolare natura dell'obbligazione tributaria, il cessionario acquirente non può opporre al Fisco la regola, valida per i debiti di diritto comune, per cui, ai fini della corresponsabilità solidale, è necessaria l'iscrizione di essi  nelle scritture contabili obbligatrorie (art. 2560 comma 2, cod. civ.).

Testo

Con il primo motivo del ricorso l'esponente denunzia la violazione dell'art. 112 c.p.c., nonchè il difetto di motivazione della sentenza; deduce che la CTR ha risolto la controversia richiamando l'art. 2560 c.c. (cessione di azienda e debiti relativi all'azienda ceduta), mentre invece l'Amministrazione aveva sostenuto la diversa tesi dell'incorporazione nella società ricorrente di una preesistente società, della quale aveva assorbito tutte le passività. Con il 2^ motivo l'esponente denuncia la violazione dell'art. 2560 c.c. rilevando che tale norma non è applicabile nel caso in esame, in quanto i debiti tributari non erano iscritti nei libri contabili obbligatori della società ceduta. Con il 3^ motivo la ricorrente denuncia la violazione della stessa norma sotto altro profilo in quanto i debiti ceduti riguardavano non l'intera azienda ma soltanto il ramo aziendale ceduto.
Le predette doglianze - che possono essere esaminate congiuntamente stante la loro stretta connessione - sono prive di giuridico fondamento. Invero la fattispecie esaminata dalla C.T.R. è la stessa sia sotto il profilo dell'incorporazione della società (tesi dell'Ufficio) che sotto quello di cui all'art. 2560 c.c., a cui ha fatto riferimento il giudice a quo per confermare la responsabilità della società per i debiti fiscali della "primitiva" soc. xxx s.r.l..
Ciò posto osserva il Collegio che i debiti tributari, data la loro particolare natura, non sono equiparabili a quelli di diritto comune per cui non è pertinente il richiamo all'art. 2560 c.c., comma 2 che esige l'iscrizione dei debiti nei registri contabili obbligatori dell'azienda ai fini della responsabilità dell'acquirente dell'azienda per i debiti inerenti all'esercizio dell'azienda ceduta.
Sotto tale specifico motivo è irrilevante la tesi della ricorrente, non essendo necessaria l'iscrizione dei debiti nei libri contabili dell'azienda per la non opponibilità al fisco.
Quanto ai restanti motivi (3^ e 4^ motivo) - che riguardano infine la questione dell'applicabilità nella fattispecie in esame della L. n. 4 del 1929, art. 19 - sono inammissibili in quanto non risultano proposti nei precedenti gradi di giudizio.
Conseguentemente il ricorso dev'essere rigettato; nulla per le spese.


Condividi su Facebook

05.08.2008 Franco Ionadi

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Sentenze - Indice:
1. Cassazione su terzo vittima e proprietario del veicolo
2. Alcoltest, avviso di assistenza con difensore di fiducia, nullità sanabile.
3. Cassazione sul sequestro probatorio di strumenti informatici
4. Guida sotto l'effetto di stupefacenti e imputabilità del sinistro ed ignoti
5. Ransonware - Controllo dei lavoratori tra statuto dei lavoratori e informative - Cassazione 25732/21
6. Privacy: La Cassazione sui consensi recuperati
7. Facebook vs Antitrust italiano: la sentenza del Consiglio di Stato sulla commerciabilità dei dati personali
8. Fecondazione eterologa e utero in affitto: la diretta streaming sulle sentenze della Corte Costituzionale
9. La forma delle decisioni delle corti
10. La Corte Europea di Giustizia sulla sorveglianza di massa - traduzione italiana del comunicato


Store:

    








innovare l'informatica e il diritto