Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 


Modello di atto di citazione - usura da mutuo bancario

Avv. Alberto Foggia - curatore dell'osservatorio di proc. civ.

adv iusondemand

Eutanasia

Accanimento terapeutico o eutanasia ? Vassalli e il Ministero. Diritto e non principi umanitari

16.07.2008 - pag. 61018 print in pdf print on web

U

UFFICIO STAMPA

VICENDA ELUANA ENGLARO:
DICHIARAZIONE SOTTOSEGRETARIO EUGENIA ROCCELLA
SUL PARERE DEL GIURISTA GIULIANO VASSALLI

“Sul caso Englaro, Giuliano Vassalli, presidente emerito della Corte Costituzionale e tre volte ministro della Giustizia, ha rilasciato a Il Foglio un’intervista molto critica nei confronti sia della sentenza della Corte di Cassazione del 2007, sia del provvedimento esecutivo con cui la Corte d’Appello civile di Milano, mercoledì scorso, ha autorizzato la sospensione della nutrizione e dell’idratazione a Eluana. È significativo che un giurista come Vassalli non trovi in entrambi i provvedimenti una “base giuridica rispetto al diritto vigente”. L’autorevole parere di Vassalli, che non entra nel merito delle questioni etiche ma di quelle giuridiche, rafforza tutti i dubbi sul caso Englaro e sottolinea l’assurdità di rendere immediatamente esecutivo un provvedimento così controverso e dibattuto dal punto di vista normativo”.

Dall'intervista rilasciata su il foglio che linkiamo con piacere:

"Decisioni simili a quelle riguardanti il caso Englaro le si può forse trarre da principi umanitari e ideali, ma certo non in base al diritto vigente. Sento parlare di continuo del fatto che sarà risolutivo il testamento biologico. Ma di per sé il testamento biologico non risolve proprio niente "

E ancora la nota del Centro di Ateneo di Bioetica dell’Università Cattolica, diretto dal prof. Adriano Pessina:

I giudici della Corte d'appello civile di Milano hanno autorizzato il padre di Eluana Englaro, in qualità di tutore, ad ottenere l’interruzione del trattamento di idratazione ed alimentazione che da sedici anni permette ad Eluana di continuare a vivere. Si deve constatare la gravità di una simile decisione che di fatto scardina il principio della non disponibilità della vita umana e del dovere, proprio di ogni società civile, di non legittimare forme di abbandono terapeutico ed assistenziale nei confronti dei propri cittadini che non sono in grado di provvedere a loro stessi.


Di fatto viene attribuito ad un tutore un vero e proprio potere di vita e di morte nei confronti della persona che gli è affidata, stravolgendo lo stesso significato della tutela. Non è pensabile che il miglior interesse di una persona, che non sta subendo alcuna forma di accanimento clinico, sia la morte, la quale non costituisce mai un bene da tutelare. Questa decisione, inoltre, introduce un serio e grave problema deontologico nella medicina: sospendere trattamenti ordinari come quelli somministrati ad un paziente in stato vegetativo a motivo di una decisione che non ha fondamento clinico, significa di fatto scardinare il dovere fondamentale del prendersi cura dei pazienti che non sono in grado di intendere e volere. Quanto al riferimento di una presunta e precedente volontà espressa da Eluana di non voler vivere in condizioni nelle quali non le fosse possibile l’esercizio della coscienza vigile, pur essendo in sé comprensibile, non può determinare nessuna azione volta all’abbandono assistenziale,né legittimare forme di eutanasia. Risulta inoltre inaccettabile e viziata da una erronea concezione antropologica, definire la vita personale di chi si trova in condizioni di stato vegetativo come pura vita biologica. La coscienza umana non definisce l’identità personale, ma semplicemente la manifesta. Per questo la cura delle persone in stato vegetativo si configura come doverosa.


L’interruzione dell’alimentazione e dell’idratazione comporteranno una lenta agonia di Eluana Englaro, colpevole soltanto di essere ancora viva. Ci auguriamo che questa decisione non venga attuata e ci appelliamo, ancora una volta, al sig. Englaro affinché permetta che Eluana continui a vivere. I parenti dei pazienti che sono nelle condizioni di Eluana Englaro e che in questi anni hanno combattuto grandi e significative battaglie culturali e sociali per rivendicare la dignità dei loro cari e il loro diritto ad essere accuditi e custoditi con cura ed affetto in strutture adeguate, rischiano di veder vanificata in questa sentenza la loro meritevole opera di civiltà.


Centro di Ateneo di Bioetica
Università Cattolica del Sacro Cuore
Via Nirone 15, 20123 Milano
€Tel. 02.7234.2922
ax 02. 7234.2207
E-mail: centrodibioetica@unicatt.it
www.centrodibioetica.it

16.07.2008

Spataro

Ministero del Lavoro
Link: http://www.ministerosalute.it/imgs/C_17_comunicati

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Eutanasia - Indice:
1. Assistenza al suicidio, senza influire sulla volontÓ giÓ formatasi
2. Assistenza al suicidio ed eutanasia
3. Riflessioni bioetiche sul suicidio medicalmente assistito
4. Il confine tra eutanasia ed accanimento terapeutico
5. E' legge: Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento
6. Fine vita o Ius soli ? Fine vita. Forse.
7. Papa Francesco: no all'accanimento terapeutico
8. L'eutanasia in pratica
9. Cure: rifiuto o palliative, non eutanasia
10. Eutanasia, cure palliative, norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento.



eventi sponsorizzati:


Store:

    





"Il mio cliente non ha alcuna fretta. Dio ha tutto il tempo del mondo" - Antoni Gaudý

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store