Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Art. 32: Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non perdisposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. " - Costituzione italiana


Sinistro Fantasma: come difendersi

9,90 €       download immediato

adv iusondemand

Riscossione

Riscossione tributi - Cartella di pagamento - Termini di notifica

Sentenza Cassazione 30.11.2005 n. 26104 (conforme, n. 26105/2005)
10.12.2005 - pag. 60696 print in pdf print on web

&

  In tema di riscossione delle imposte liquidate ai sensi ell'art. 36 bis DPR n. 600/1973, la nuova disciplina dei termini di notifica della cartella di pagamento, introdotta con DL n. 106/2005 conv. in legge n. 156/2005, esclude la rilevanza, nel contesto del rapporto tributario, dell'attività interna dell'amministrazione (formazione del ruolo e consegna all'esattore), mentre attribuisce esclusivo rilievo all'attività esterna (notifica della cartella).
Tale disciplina  
 comporta l’applicazione dei nuovi termini, e di quelli dettati in via transitoria ai rapporti ancora pendenti, come se l’azione amministrativa tributaria fosse stata regolata dagli stessi ab initio.

 

 

TESTO

3.Il ricorso deve essere deciso alla luce dei principi che si passa ad esporre.

3.1. La notifica della cartella di pagamento al contribuente costituisce l’atto finale di un

procedimento che segue l’attività dell’amministrazione finanziaria diretta alla liquidazione delle imposte, sulla base delle dichiarazioni presentate dai contribuenti e dai sostituti d’imposta, attività che si articola in varie fasi e che comprende, al suo sbocco, prima della notificazione, la consegna del ruolo esecutivo al concessionario.

L’atto conclusivo ed “esterno” del procedimento, come ribadito dalla recente pronuncia della Corte costituzionale (sentenza 280/05), è costituito dalla notifica della cartella di pagamento da parte del concessionario al contribuente che, però, nel suo divenire storico recente (diacronia dell’istituto), è stato ancorato ad atti diversi e variabili, dalla dichiarazione fiscale del contribuente alla iscrizione nei, o alla consegna dei, ruoli esecutivi all’esattore concessionario. Né i tempi prescritti per la sua realizzazione sono stati sempre chiari e certi, proprio per l’ancoraggio di essa ad attività procedimentali eterogenee. Con particolare riguardo all’attività di liquidazione delle imposte, infatti, l’articolo 36bis del Dpr 600/73, ha previsto (articolo 1 del Dpr 506/79) che essa si concludesse entro il 31 dicembre dell’anno

10.12.2005

Franco Ionadi

Ricerca Giuridica

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Riscossione - Indice:
1. Pignoramento presso terzi dell'Agente di Riscossione: quale il Giudice dell'opposizione?
2. Cartelle di pagamento per liquidazione dichiarazioni
3. Pendenza liti: interpretazione norma per ammissione campionato calcio
4. Iscrizione ipoteca per debiti tributari
5. Riscossione – Ipoteca legale – Obblighi dell’esattore – Verifiche in merito all’insussistenza di provvedimenti di sgravio.
6. Riscossione – Cartella di pagamento – Notificazione – Incompletezza relata – Nullità – Sanatoria
7. Riscossione – Cartella di pagamento – Motivazione – Recupero imposta di registro – Fattispecie
8. Riscossione – Atti impugnabili – Preavviso di fermo – Impugnabilità –
9. Contenzioso tributario – Intervenuta definizione per chiusura liti pendenti – Omissione delle attività conseguenti da parte di ufficio impositore e agente di riscossione – Richiesta di una decisione di merito – Lite temeraria – Sussistenza.
10. Riscossione - Cartella di pagamento - Motivazione - Puntuale indicazione degli atti prodromici richiamati per relationem -Mancanza - Nullità



eventi sponsorizzati:


Store:

    





"E' la musica che mi dice cosa devo dire" - Vasco Rossi

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store