Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"In tutta l'Europa quando hai un documento, il permesso di soggiorno, puoi avere un contratto di lavoro, una casa in affitto e andare a scuola. Perche' in Italia no?" - migrante in baraccopoli


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Depurazione

Canone depurazione - Debenza anche in assenza del servizio

Sentenza Cassazione 4.1.2005 n. 96
26.01.2005 - pag. 60611 print in pdf print on web

"

"In base alla legge 5 gennaio 1994, n. 36, il servizio di depurazione delle acque reflue costituisce un servizio pubblico irrinunciabile, che gli enti gestori sono tenuti ad istituire per legge. Gli utenti, anche potenziali, sono chiamati a contribuire tramite il versamento di un apposito canone sia alle sue spese di gestione ordinaria che a quelle di installazione e di completamento, comprese quelle per il collegamento fognario delle singole utenze. Il canone per i servizi di depurazione delle acque reflue è dovuto indipendentemente non solo dall’effettiva utilizzazione del servizio, ma anche dalla istituzione di esso, o dall’esistenza dell’allacciamento fognario ad esso della singola utenza."

Qui il testo integrale.


Condividi su Facebook

26.01.2005 Franco Ionadi

Cortedicassazione.it

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Per ogni applauso c'e' sempre nascosto un vaffanculo dietro" - Fedez




innovare l'informatica e il diritto