Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Il piu' piccolo atto e' meglio della migliore intenzione" - John Burroughs


Modello di atto di citazione - usura da mutuo bancario

Avv. Alberto Foggia - curatore dell'osservatorio di proc. civ.

adv iusondemand

Rimborso

Crediti tributari - Attestazione della certezza, della entità e della data presumibile del rimborso.

Circolare Entrate 3.3.2004 n. 9
07.03.2004 - pag. 60531 print in pdf print on web

"

"Diramate dall’Agenzia delle entrate le istruzioni per ottenere, da parte dei contribuenti titolari di conto fiscale, un titolo che attesti con certezza l’esistenza e l’entità dei crediti d’imposta; inoltre potrà dare indicazioni sulla presumibile data di rimborso. Tale documento non rappresenterà un titolo esecutivo, pertanto non sarà “spendibile” in caso di esecuzioni o ingiunzioni: potrà viceversa essere inserito in bilancio tra le poste attive. Il conto fiscale venne istituito , come ricorda la circolare, nel 1994: inizialmente se ne fece un gran parlare, ma in concreto a partire dal 1997, anno in cui fu ampiamente estesa la possibilità di compensare attraverso i versamenti eseguiti con il modello F24, i debiti ed i crediti d’imposta, contributivi e vari riconducibili a tale modello di pagamento, è stato ben poco utilizzato. La possibilità di ottenere l’attestato oggetto della circolare è però legata alla titolarità di tale conto, che a sua volta è riconducibile ad ogni posizione (partita) Iva aperta e solo ad esse. La seconda parte della circolare illustra quali crediti tributari possano essere oggetto di attestazione; l’elenco risulta piuttosto ampio, ricomprendendo: Irpef, Irpeg, Ilor, Iva, imposte sostitutive e ritenute alla fonte (dall’1/1/1994) ma anche imposta di registro, sulle successioni e donazioni, ipotecarie e catastali, sulle assicurazioni e di bollo, che non necessariamente sono da ricondurre alla titolarità di una partita Iva. Allegato alla circolare un fac-simile di attestazione. " (Da www.aziendalex.kataweb.it).

 

 

In proposito è utile ricordare quanto disposto dalla Finanziaria 2004 all'art. 2 comma 58:

"Nel quadro delle iniziative volte a  definire  le  pendenze  con  i contribuenti, e di rimborso delle imposte, l'Agenzia delle entrate provvede alla erogazione delle eccedenze di  IRPEF  e  IRPEG  dovute  in  base  alle dichiarazioni dei redditi presentate fino al  30  giugno  1997,  senza  far
valere la eventuale prescrizione del diritto dei contribuenti".

07.03.2004

Franco Ionadi

Azienda Lex
Link: http://www.aziendalex.kataweb.it/Article/0,1555,27

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Rimborso - Indice:
1. Il rimborso delle spese forfettarie è sempre dovuto?
2. CURIA e SIAE: Accordi privati, rimborso e esenzione dall'equo compenso. Testo integrale
3. Niente rimborso per windows preinstallato su pc Sony ?
4. Ania: modalita' di rimborso delle cure mediche
5. Il Fondo interbancario dei depositi e prestiti non dispone attualmente delle risorse per il rimborso integrale
6. Milano: Presentazione delle fatture elettroniche per il rimborso delle spese di giustizia
7. Dovuto il rimborso del prezzo se non si vuole il sistema operativo preinstallato
8. Domanda di rimborso delle spese di mantenimento che il coniuge assume di avere interamente sostenuto per il mantenimento dei figli
9. E' ammissibile in un unico processo la domanda di separazione giudiziale e quella di rimborso delle spese sostenute dalla ricorrente per il mantenimento del figlio durante il matrimonio?
10. Assicurazioni e rimborso completo e delle spese legali: Cassazione III civile n. 1696 del 2010



eventi sponsorizzati:


Store:

    





"Senza l'amore la vita sarebbe un errore" - Nietzsche

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store