Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"La filosofia non e' uno strumento per essere popolari ne' e' adatta a ostentarne la conoscenza; non e' nelle parole, ma nelle cose concrete di ogni giorno." - Seneca, Epistulae ad Lucilium 16, 3-5


Modello di atto di citazione - usura da mutuo bancario

Avv. Alberto Foggia - curatore dell'osservatorio di proc. civ.

adv iusondemand

Bollino

La proprietà intellettuale nella società dell'informazione. L'illegittimità del bollino SIAE nella giurisprudenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee

Università di Camerino 9 giugno 2008 ore 14.30 - Polo Informatico
Relatore: avv. prof. Andrea Sirotti Gaudenzi
Lunedì 9 giugno 2008 dalle ore 14.30 alle 17.30
05.06.2008 - pag. 52054 print in pdf print on web

N

Nel quadro del Modulo "J. Monnet" in

GLOBALISATION AND THE COMMUNITY APPROACH FOR AN INFORMATION SOCIETY. CURRENT GENERAL LEGAL FRAMEWORK,

la Facoltà di Scienze e Tecnologie ed il Corso di Laurea in Informatica, promuovono un seminario di approfondimento in tema di proprietà intellettuale dal Titolo "La proprietà intellettuale nella società dell'informazione. L'illegittimità del bollino SIAE nella giurisprudenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee".

Previsto per Lunedì 9 giugno dalle ore 14.30 alle 17.30, il seminario dopo l'introduzione dell'Avv. Sandro Di Minco, Titolare del citato Modulo, vedrà, in veste di relatore, il Prof. Avv. Andrea Sirotti Gaudenzi, docente presso il Campus romano dell'Università di Malta, editorialista del Sole 24 Ore ed autore di rilevanti pubblicazioni in materia.

Andrea Sirotti Gaudenzi è l'avvocato che ha condotto vittoriosamente la battaglia giudiziaria che ha portato al pronunciamento della Corte di Giustizia sul celebre "caso Schwibbert", nell'ambito del quale la Corte stessa ha ritenuto che le norme e le regolamentazioni tecniche che prevedono "l'obbligo di apporre sui dischi compatti contenenti opere d'arte figurativa il contrassegno SIAE in vista della loro commercializzazione nello Stato membro interessato, costituiscono una regola tecnica che, qualora non sia stata notificata alla Commissione, non può essere fatta valere nei confronti di un privato". Infatti, è stato sottolineato che tutte le norme nazionali in tema di contrassegno SIAE avessero introdotto vere e proprie "regole tecniche" nell'ordinamento italiano, in contrasto con quanto previsto da una direttiva comunitaria (la direttiva del Consiglio 83/189/CEE del 28 marzo 1983), che prevede che ogni Stato membro che intenda adottare una normativa tecnica debba procedere alla notificazione del progetto legislativo alla Commissione delle Comunità europee. A tal proposito, i Giudici del Lussemburgo hanno rilevato che l'Italia non ha mai adempiuto l'obbligo di notifica e, quindi, consolidando il proprio orientamento (sent. "Bic Benelux") ha dichiarato "nulle" le norma nazionali in tema di "bollino".


La decisione deve ritenersi di grande rilievo perche' l'interpretazione offerta dai Giudici comunitari ha depenalizzato la detenzione di software e di altri supporti della Società dell'informazione privi del contrassegno, cosi' come recentemente indicato dalla Corte di Cassazione italiana.


Si precisa che:
a) sarà rilasciato un attestato di partecipazione a tutti coloro che seguiranno il seminario;
b) aranno attribuiti specifici CFU a quanti parteciperanno al seminario ed effettueranno le attività integrative previste dal regolamento d'Ateneo vigente.

E' gradita l'iscrizione al seminario da effettuarsi presso l'accoglienza del Polo Informatico (tel. 0737402565 - fax 0737402561 - beatrice.mancini@unicam.it).

05.06.2008

Spataro

Uni. Camerino

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Bollino - Indice:
1. Enzo Mazza: Bollino e' solo degli italiani ed e' da medioevo
2. Ancora sul Bollino SIAE
3. Bollino SIAE sui supporti vergini: non in Francia
4. SIAE e bollino: si rimborsi ! Sentenza del CDS 458 del 2012
5. Cassazione ancora sul bollino Siae: Cassazione III Penale n. 3835 del 02 Febbraio 2011
6. Bollino: sul rimborso dei contrassegni pagati e' competente il giudice tributario, Cass. ord. 1780 del 2011
7. Software e bollino Siae: Cassazione penale Sez. III, 30 novembre 2010, n. 42429
8. Software senza licenza e professionisti: Cassazione III penale n. 49385 del 22.12.2009
9. Software piratato: non condannato per l'uso in laboratorio di ricerca, e nemmeno per la detenzione
10. L'azienda non controlla le violazioni del diritto d'autore e fallisce. L'antipirateria ha partorito. Sanzioni per chi non appone il bollino



eventi sponsorizzati:


Store:

    





"Chi vuole muovere il mondo prima muova se stesso" - Socrate

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store