Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola" - Paolo Borsellino


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Procedura civile

Novità per le notifiche a mezzo posta

Importanti novità nel milleproroghe . Photo credits to mamphil
13.03.2008 - pag. 51468 print in pdf print on web

M

Modifiche alla legge 20 novembre 1982, n. 890, “Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari” in G.U. 4 dicembre 1982, n. 334, art 7.:

1. L’agente postale consegna il piego nelle mani proprie del destinatario, anche se dichiarato fallito.

2. Se la consegna non può essere fatta personalmente al destinatario, il piego è consegnato, nel luogo indicato sulla busta che contiene l’atto da notificare, a persona di famiglia che conviva anche temporaneamente con lui ovvero addetta alla casa ovvero al servizio del destinatario, purché il consegnatario non sia persona manifestamente affetta da malattia mentale o abbia età inferiore a quattordici anni.

3. In mancanza delle persone suindicate, il piego può essere consegnato al portiere dello stabile ovvero a persona che, vincolata da rapporto di lavoro continuativo, è comunque tenuta alla distribuzione della posta al destinatario.

4. L’avviso di ricevimento ed il registro di consegna debbono essere sottoscritti dalla persona alla quale è consegnato il piego e, quando la consegna sia effettuata a persona diversa dal destinatario, la firma deve essere seguita, su entrambi i documenti summenzionati, dalla specificazione della qualità rivestita dal consegnatario, con l’aggiunta, se trattasi di familiare, dell’indicazione di convivente anche se temporaneo.

5. Qualora il consegnatario non sappia firmare o ne sia impossibilitato, l’agente postale fa menzione di tale circostanza sia sul registro di consegna sia sull’avviso di ricevimento, apponendovi la data e la propria sottoscrizione.

 

Al quale viene aggiunto il comma 6:

"Se il piego non viene consegnato personalmente al destinatario dell’atto, l’agente postale dà notizia al destinatario medesimo dell’avvenuta notificazione dell’atto a mezzo di lettera raccomandata"

Si veda anche l'art. 36, comma 2-quinquies della legge di conversione n. 31 del 2008:

"si applica ai procedimenti di notifica effettuati, ai sensi dell’articolo 7 della citata legge 20 novembre 1982, n. 890, a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto"

...

"Le notificazioni delle sentenze già effettuate, ai sensi dell’articolo 7 della citata legge n. 890 del 1982, alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto non producono la decorrenza del relativo termine di impugnazione se non vi è stata consegna del piego personalmente al destinatario e se è provato che questi non ne ha avuto conoscenza."

L'approfondimento su Studiodiruggiero.it


Condividi su Facebook

13.03.2008 Spataro

Studiodiruggiero.it Link: http://www.studiodiruggiero.it/news/novita-in-tema

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Dei grandi restano le opere" - Bernini




innovare l'informatica e il diritto