Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Spesso una cosa stupida si regge perche' viene approvata dalla Legge." - Trilussa


A chi dare il proprio pc e il telefono in caso di emergenza ?

Antonio: "E' proprio come me lo aspettavo. Molto chiaro e con molti spunti interessanti su come tutelarsi."

adv IusOnDemand

Ordinanza

Ordinanza ingiunzione prefettizia e la delega del funzionario

SOTTOSCRIZIONE DELL’ORDINANZA – INGIUNZIONE AD OPERA DI FUNZIONARIO PRIVO DI DELEGA DA PARTE DEL PREFETTO TITOLARE. Photo credit to benis979
05.03.2008 - pag. 51398 print in pdf print on web


Giorgio Vanacore

Avvocato in Napoli

giorgiovanacoreavv@libero.it


Sovente accade che le cc.dd. ordinanze – ingiunzione prefettizie rechino in calce una firma ad opera del Dirigente di settore, senza dar conto di deleghe espresse in proposito da parte del Prefetto titolare.

In particolare, accade che di una delega espressa non vi sia traccia:

  • nell’intestazione dell’atto;

  • né in alcuna altra dei provvedimenti de quibus, il più delle volte scarni e brevissimi.


Consegue da ciò che le deleghe in parola devono dirsi non conferita dal Prefetto Titolare al funzionario, che risulta pertanto carente di potere in ordine all’atto emanato, affetto da illegittimità “a valle”.

Quanto appena detto è conforme all’unanime giurisprudenza dei Giudici di Pace italiani, che ha recepito un orientamento della S.C. penale, così statuendo sul punto:

l'ordinanza irrogativa di sanzione amministrativa "quale manifestazione di volontà autonoma ed indipendente” va ritenuto non possa essere emessa da soggetti, pur operanti ad elevati livelli nell’ambito dell' ordinamento dell’Ente Territoriale del Governo, diversi dai detti "se non in presenza di formale delega di competenze loro effettuate dal Prefetto (Cass. Pen. 28 marzo 1987 N. 3031). Indirizzo giurisprudenziale da condividere anche dopo l’introduzione della cosiddetta “legge Bassanini" derivando nel caso di specie l’investitura direttamente dalla legge, e dovendosi comunque sempre esplicitare verso terzi l’esercizio di tal potere, con specifico riferimento all’atto di delega sia nell’intestazione che nella sottoscrizione del provvedimento” (Giudice di Pace di Oria, sentenza 12 dicembre 2002.

Giorgio Vanacore

Avvocato in Napoli

giorgiovanacoreavv@libero.it



Condividi su Facebook

05.03.2008 Giorgio Vanacore

Giorgio Vanacore

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





VIDEO: "Se non c'e' strada nel cuore degli altri, prima o poi si traccera'" - Faviano - Fossati - Fiorella - Claudio




innovare l'informatica e il diritto