Segui via: Newsletter - Telegram
 
"Non sa amare chi non sa fingere" - l'amante di Vittorio Emanuele, poi sposa, e tradita, ma mai lasciata


Governo

Il consiglio dei Ministri: video su diritti televisivi nello sport e codice dell'ambiente per i rifiuti

Approvato in via definitiva - Il Comunicato stampa e relativa conferenza stampa
21.12.2007 - pag. 50907 print in pdf print on web

2

21 Dicembre 2007

La Presidenza del Consiglio dei Ministri comunica:

Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi alle ore 10,30 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio, Romano Prodi.

Segretario, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza, Enrico Letta.

In apertura dei lavori il Consiglio dei Ministri ha espresso viva soddisfazione per l’approvazione definitiva, da parte delle Camere, della legge finanziaria per il 2008 e della legge di bilancio.

Il Consiglio ha quindi approvato i seguenti provvedimenti:

su proposta del Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive, Giovanna Melandri, e del Ministro delle comunicazioni, Paolo Gentiloni:

- un decreto legislativo che dà attuazione alla delega conferita al Governo dalla legge n. 106 del 2007 al fine di garantire la trasparenza e l’efficienza del mercato dei diritti audiovisivi degli eventi sportivi di campionati, coppe e tornei professionistici a squadre organizzati a livello nazionale. Il provvedimento disciplina anche una più equa ripartizione delle risorse finanziarie assicurate dalla commercializzazione in forma centralizzata di tali diritti, al fine di garantire l’equilibrio competitivo fra i partecipanti, nonché di destinare una quota delle risorse allo sviluppo dei settori giovanili delle società professionistiche, all’incentivazione delle categorie dilettantistiche, alla sicurezza degli impianti sportivi, al finanziamento di almeno due progetti all’anno a sostegno delle discipline sportive diverse da quelle calcistiche, purché di particolare rilievo sociale. Sul provvedimento hanno espresso parere le Commissioni parlamentari;

su proposta del Ministro della pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, Cesare Damiano, e del Ministro dell’università e della ricerca, Fabio Mussi:

- un disegno di legge che, in coerenza con indirizzi espressi in sede comunitaria, elabora una strategia per il cosiddetto “apprendimento permanente” (lifelong learning) capace di far fronte alla diffusa inadeguatezza di istruzione formativa in persone in età lavorativa e quindi di incoraggiare la partecipazione a occasioni di apprendimento, contribuendo all’implementazione di formazioni carenti o alla creazione di formazione adeguate per persone che non ne abbiano avuto la possibilità prima o durante la vita lavorativa. Alla base di questo intervento del Governo c’è la consapevolezza, scaturente da recenti statistiche, del rischio di un nuovo analfabetismo, legato a complessi fattori socioeconomici, che ostacola fortemente l’accesso al lavoro di categorie deboli ed aumenta l’esclusione sociale. Il disegno di legge ha ricevuto il parere della Conferenza Stato-Regioni;

su proposta del Ministro delle infrastrutture, Antonio Di Pietro:

- un regolamento per l’attuazione e l’esecuzione del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, che aveva già recepito le osservazioni del Consiglio superiore dei lavori pubblici e che ha ricevuto altresì il parere del Consiglio di Stato;

su proposta del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, Alfonso Pecoraro Scanio, e del Ministro per le politiche europee, Emma Bonino:

- un decreto legislativo (sul quale era già stato acquisito il parere della Conferenza unificata, un primo parere delle Commissioni parlamentari nonché quello del Consiglio di Stato) che dà attuazione alla delega conferita al Governo dalla legge n. 308 del 2004 per interventi di riordino e razionalizzazione della normativa vigente in materia ambientale. Il testo approvato oggi dal Consiglio, che ha ricevuto un secondo, definitivo parere dalle Commissioni parlamentari competenti, apporta interventi migliorativi alla disciplina in materia di valutazione di impatto ambientale (VIA), valutazione ambientale strategica (VAS), autorizzazione ambientale integrata (IPPC) e rifiuti; per dare piena attuazione alle sentenze della Corte di giustizia emesse in data 18 dicembre scorso nei confronti dell’Italia (nelle cause C-194/05, C-195/05 e C-263/05 ) circa la pregressa normativa di recepimento della direttiva 75/442/CEE in materia di rifiuti, il Governo si impegna a rivedere, ove e per quanto necessario, con ulteriori decreti legislativi correttivi, la disciplina del decreto legislativo n.152 del 2006, con particolare riguardo alla nozione di sottoprodotto ed alla disciplina delle terre e rocce da scavo;

su proposta del Presidente del Consiglio, Romano Prodi, del Ministro per gli affari regionali e le autonomie locali, Linda Lanzillotta, e del Ministro per i rapporti con il Parlamento e le riforme istituzionali, Vannino Chiti:

- uno schema di disegno di legge per l’attuazione del terzo comma dell’articolo 116 della Costituzione, che prevede la possibilità di attribuire alle Regioni forme e condizioni particolari di autonomia in determinate materie. Viene in particolare definita una nuova disciplina del procedimento di acquisizione del parere degli enti locali e di formazione dell’intesa fra Stato e Regione. Il provvedimento verrà trasmesso alla Conferenza Stato-Regioni per il parere;

su proposta del Ministro degli affari esteri, Massimo D’Alema:

- un disegno di legge per la ratifica e l’esecuzione del Trattato di Lisbona, recentemente sottoscritto, che modifica il Trattato sull’Unione europea ed il Trattato che istituisce la Comunità europea.

L’esame del disegno di legge in materia di reati connessi con il fenomeno della prostituzione è stato rinviato.

Il Consiglio dei Ministri ha iniziato l’esame del disegno di legge per la riforma della magistratura onoraria, il riordino degli uffici giudicanti di primo grado nonché per interventi in materia di definizione del contenzioso pendente, predisposto dal Ministro della giustizia, Clemente Mastella.

Il Consiglio ha approvato alcune norme di attuazione previste dagli Statuti speciali delle Regioni Valle d’Aosta (in materia di dighe e di trasferimento di funzioni in tema di salute umana e di sanità veterinaria) e Friuli Venezia Giulia (in materia di catasto e libro fondiario). Ha partecipato alla discussione riguardante quest’ultima norma di attuazione il Presidente della Regione, dottor Riccardo Illy.

Il Consiglio ha inoltre dichiarato lo stato d’emergenza in relazione agli eccezionali eventi atmosferici che si sono verificati nei mesi di ottobre e novembre di quest’anno in comuni della fascia jonica della provincia di Messina, nonché per la bonifica dei siti inquinati nelle zone minerarie Sulcis-Iglesiente e Guspinese della Regione Sardegna. Sono stati altresì prorogati i seguenti stati d’emergenza precedentemente dichiarati: nelle province di Campobasso e Foggia, per eventi sismici, nel bacino del fiume Aterno; nel comune di Cengio (Savona), per interventi di bonifica; nella provincia di Matera, nell’intera regione Basilicata e nelle province di Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, nonché nell’intero territorio della regione Friuli-Venezia Giulia per eventi atmosferici eccezionali; nei comuni di Frassinoro e Montefiorino (Modena) per dissesti idrogeologici, nelle isole di Lampedusa, Linosa e Pantelleria; nel comune di Roma, via Giustiniano Imperatore, per dissesto strutturale; nel comune di Cogoleto (Genova) -stabilimento Stoppani- per la messa in sicurezza di rifiuti pericolosi, nella regione Puglia per la tutela delle acque, nel comune di Mestre per problemi legati al traffico.

E’ stato deciso dal Consiglio lo scioglimento dei Consigli comunali (nei quali sono state accertate forme di condizionamento da parte della criminalità organizzata) di Casalnuovo (Napoli) e di Seminara (Reggio Calabria), nonché la proroga per i Consigli di Casaluce (Caserta), Platì (Reggio Calabria).

Il Consiglio ha poi deliberato:

su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, Romano Prodi:

- nomina del dottore Paolo BEGHELLI a componente del CNEL in qualità di rappresentante delle imprese (settore industria);

su proposta del Ministro dell’interno, Giuliano Amato:

- movimento di prefetti (allegato);

- nomina degli ingegneri Maurizio STOCCHI e Gregorio AGRESTA a dirigenti generali del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;

su proposta del Ministro degli affari esteri, Massimo D’Alema:

- conferimento al ministro plenipotenziario dottoressa Carla ZUPPETTI delle funzioni di Direttrice generale per gli italiani all’estero e le politiche migratorie;

su proposta del Ministro della difesa, Arturo Parisi:

- nomina del generale di Corpo d’armata Giorgio PICCIRILLO a Vicecomandante generale dell’Arma dei carabinieri;

- Promozione dei generali di divisione dell’Arma dei carabinieri Giuseppe BARRACO e Carlo GUALDI a generale di Corpo d’armata;

- promozione dei generali di divisione del ruolo normale dell’Esercito Mario ROGGIO, Domenico ROSSI e Francesco TARRICONE a generale di Corpo d’armata;

- promozione degli ammiragli di divisione Maurizio GEMIGNANI e Alessandro PICCHIO ad ammiraglio di Squadra;

su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, Tommaso Padoa-Schioppa:

- promozione dei generali di divisione Marcello GENTILI e Daniele CAPRINO a generale di Corpo d’armata della Guardia di finanza;

- avvio della procedura per la nomina del dottor Giuseppe PELEGGI a Direttore dell’Agenzia delle dogane;

su proposta del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, Cesare Damiano:

- conferimento dell’incarico di Segretario generale alla dirigente di prima fascia dottoressa Paola CHIARI;

su proposta del Ministro per i beni e le attività culturali, Francesco Rutelli:

- conferimento dell’incarico di Segretario generale al dirigente di prima fascia professor Giuseppe PROIETTI;

su proposta del Ministro dell’università e della ricerca, Fabio Mussi:

- avvio della procedura per la nomina del professor Luciano MAIANI a Presidente del Consiglio nazionale delle ricerche;

su proposta del Ministro dei trasporti, Alessandro Bianchi:

- nomina dell’ingegnere Alberto CHIOVELLI a Direttore dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie.

Il Consiglio, infine, su proposta del Ministro per gli affari regionali e le autonomie locali, Lanzillotta, ha esaminato numerose leggi regionali a norma dell’art. 127 della Costituzione.

La seduta ha avuto termine alle ore 11,45.


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    








innovare l'informatica e il diritto