Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"No' si volta chi a stella e' fisso. " - Leonardo da Vinci


Le basi operative del GDPR

Valutazione: 4.55 su 5

adv IusOnDemand

Marca da bollo

La vera storia della marca da bollo: come nasce e quale la funzione, e perche' si paga

Approfondimento di due utenti sui nostri forum
19.07.2007 - pag. 45215 print in pdf print on web

&

"Paghiamo senza capire...e mi chiedo: Qualcuno sa spiegare cos'è la marca da bollo? Qual'è la sua funzione? Come nasce? Con quale motivazione? Serve davvero? Non se ne può fare a meno? Esiste anche in altri Paesi? E magari... a quanto ammonta ... E magari... a quanto ammontano le entrate per questa voce dello stato? "

Risponde Walter Rossi

La marca da bollo oggi costituisce perlopiù un imposta che grava su determinati atti rilasciati dalla Pubblica Amministrazione.

L'origine della marca da bollo, in tal senso, è molto antica.

Il termine marca, deriva dal tedesco medioevale märke o forse dall'anglosassone mearc che significano limite, confine, frontiera dello Stato.

La marca per bollo era dunque sin dai termpi remoti un balzello che il cittadino doveva pagare per entrare o uscire dalla marca con un documento che attestasse l'identità del soggetto o le merci che trasportava.

Le prime marche da bollo furono introdotte in Italia nel 1863 e dal 1911 furono estese anche alle Colonie Italiane in Africa. Da segnalare il volume dal titolo“Marche da bollo d’Italia 1863-1957 e delle Colonie Italiane d’Africa 1911 – 1943 – Trattato storico sugli usi postali e fiscali” 648 pp, 2004, Vignola, Vaccari Editore che rievoca le prime emissioni e la storia di questo "bollo", quasi in contemporanea con i primi francobolli dello Regno D'Italia.

La sua funzione come imposta, balzello, è verosimilmente da ricomprendere in quegli strumenti idonei allo Stato per ottenere finanziamenti per far funzionare lo Stato, l'apparato della Pubblica Amministrazione, (la burocrazia).

La marca da bollo esiste un pò ovunque nel mondo...anche negli USA.

Quanto alla Sua ultima domanda, Le suggerirei di inoltrare la medesima al Ministero dell’Economia.

Cordiali saluti
Walter Rossi

Studio Æon & Partners
Via A. Ponti, 8/10
20143 MILANO



Condividi su Facebook

19.07.2007 Walter Rossi

Walter Rossi

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Non c'e' vento favorevole per chi non sa in che porto vuole andare." - Seneca




innovare l'informatica e il diritto